PUBBLICITA

Origine molecolare della vita: cosa si è formato per primo: proteine, DNA o RNA o una loro combinazione?

"Molte domande sull'origine della vita hanno trovato risposta, ma resta ancora molto da studiare", dissero Stanley Miller e Harold Urey nel lontano 1959, dopo aver documentato la sintesi di laboratorio di amminoacidi in condizioni terrestri primitive. Molti progressi su tutta la linea, ma gli scienziati sono da tempo alle prese con una questione fondamentale: quale materiale genetico si è formato per primo sulla terra primitiva, DNA or RNAo un po' di entrambi? Ora ci sono prove che lo suggeriscono DNA e RNA entrambi potrebbero essere coesistiti nel brodo primordiale da cui le forme di vita potrebbero essersi evolute con i rispettivi materiali genetici.

Il dogma centrale della biologia molecolare afferma che DNA fa RNA fa proteine. Proteine sono responsabili della maggioranza, se non di tutte le reazioni che hanno luogo in un organismo. L'intera funzionalità di un organismo dipende in gran parte dalla loro presenza e interazione le proteine molecole. Secondo il dogma centrale, proteine sono prodotti dalle informazioni contenute in DNA che viene convertito in funzionale le proteine tramite un messaggero chiamato RNA. Tuttavia, è possibile che proteine stessi possono sopravvivere indipendentemente senza alcuno DNA or RNA, come nel caso dei prioni (misfolded le proteine molecole che non contengono DNA or RNA), ma possono sopravvivere da soli.

Quindi, ci possono essere tre scenari per l'origine della vita.

A) Se il proteine oppure i suoi elementi costitutivi sono stati in grado di formarsi abioticamente durante l'atmosfera che esisteva miliardi di anni fa nel brodo primordiale, proteine può essere definito come la base di origine della vita. L'evidenza sperimentale a suo favore viene dal famoso esperimento di Stanley Miller1, 2, che ha mostrato che quando una miscela di metano, ammoniaca, acqua e idrogeno viene mescolata insieme e fatta circolare oltre una scarica elettrica, si forma una miscela di amminoacidi. Questo è stato nuovamente confermato sette anni dopo3 nel 1959 da Stanley Miller e Harold Urey affermando che la presenza di atmosfera riducente nella terra primordiale diede origine alla sintesi di biologico composti in presenza dei gas sopra menzionati più piccole quantità di monossido di carbonio e anidride carbonica. La rilevanza degli esperimenti di Miller-Urey venne messa in dubbio per diversi anni dalla comunità scientifica, la quale riteneva che la miscela di gas utilizzata nelle loro ricerche fosse troppo riducente rispetto alle condizioni esistenti sulla Terra primordiale. Numerose teorie puntavano verso un'atmosfera neutra contenente un eccesso di CO2 con N2 e vapore acqueo4. Tuttavia, anche un'atmosfera neutra è stata identificata come un ambiente plausibile per la sintesi degli amminoacidi5. Inoltre, per proteine per agire come origini della vita, hanno bisogno di auto-replicarsi portando a una combinazione di elementi diversi proteine per soddisfare le diverse reazioni che avvengono in un organismo.

B) Se il brodo primordiale ha fornito le condizioni per costruire mattoni di DNA e / o RNA formarsi, allora uno di questi potrebbe essere stato il materiale genetico. La ricerca finora è stata favorevole RNA essere il materiale genetico per l'origine delle forme di vita grazie alla loro capacità di ripiegarsi su se stesso, esistendo come un unico filamento e agendo come un enzima6, capace di fare di più RNA molecole. Numerosi enzimi RNA autoreplicanti7 sono stati scoperti nel corso degli anni suggerendo RNA costituire il materiale genetico di partenza. Ciò è stato ulteriormente rafforzato dalle ricerche effettuate dal gruppo di John Sutherland che hanno portato alla formazione di due basi di RNA in un ambiente simile al brodo primordiale includendo nella miscela il fosfato8. È stata anche dimostrata la formazione di blocchi di RNA simulando un'atmosfera riducente (contenente ammoniaca, monossido di carbonio e acqua), simile a quella utilizzata nell'esperimento di Miller-Urey e quindi facendo passare attraverso di essi scariche elettriche e laser ad alta potenza9. Se si deve ritenere che l'RNA sia l'originatore, allora quando e come lo è stato DNA e le proteine ​​nascono? Fatto DNA svilupparsi come materiale genetico successivamente a causa della natura instabile dell'RNA e le proteine ​​​​hanno seguito l'esempio. Le risposte a tutte queste domande rimangono ancora senza risposta.

C) Il terzo scenario secondo cui DNA e RNA possono coesistere nel brodo primordiale che ha portato all'origine della vita è venuto da studi pubblicati il ​​3rd Giugno 2020 dal gruppo di John Sutherland del Laboratorio MRC di Cambridge, Regno Unito. I ricercatori hanno simulato in laboratorio le condizioni che esistevano sulla Terra primordiale miliardi di anni fa, con stagni poco profondi. Per prima cosa dissolvono le sostanze chimiche che si formano RNA in acqua, quindi asciugati e riscaldati e quindi sottoposti a radiazioni UV che simulavano i raggi solari esistenti nei tempi primordiali. Ciò non solo ha portato alla sintesi dei due elementi costitutivi di RNA ma anche di DNA, suggerendo che entrambi gli acidi nucleici coesistevano al momento dell'origine della vita10.

Sulla base della conoscenza contemporanea esistente oggi e onorando il dogma centrale della biologia molecolare, sembra plausibile che il DNA e l'RNA coesistessero che hanno portato all'origine della vita e la formazione delle proteine ​​sia venuta/avvenuta in seguito.

Tuttavia, l'autore desidera ipotizzare un altro scenario in cui tutte e tre le importanti macromolecole biologiche, vale a dire. DNA, RNA e proteine ​​esistevano insieme nel brodo primordiale. Le condizioni disordinate che esistevano nella zuppa primordiale che coinvolgono la natura chimica della superficie terrestre, le eruzioni vulcaniche e la presenza di gas come ammoniaca, metano, monossido di carbonio, anidride carbonica insieme all'acqua potrebbero essere state ideali per la formazione di tutte le macromolecole. Un suggerimento di ciò è stato fornito dalla ricerca condotta da Ferus et al., in cui le basi azotate si sono formate nella stessa atmosfera riducente9 utilizzato nell'esperimento di Miller-Urey. Se dobbiamo credere a questa ipotesi, allora nel corso dell'evoluzione diversi organismi hanno adottato l'uno o l'altro materiale genetico, che ha favorito la loro esistenza andando avanti.

Tuttavia, mentre cerchiamo di comprendere l'origine delle forme di vita, sono necessarie molte ulteriori ricerche per rispondere alle domande fondamentali e pertinenti su come la vita ha avuto origine e si è propagata. Ciò richiederebbe un approccio "fuori dagli schemi" senza fare affidamento su alcun pregiudizio introdotto nel nostro pensiero dagli attuali dogmi seguiti dalla scienza.

***

Riferimenti:

1. Miller S., 1953. Una produzione di amminoacidi in possibili condizioni primitive della terra. Scienza. 15 maggio 1953: vol. 117, Numero 3046, pp. 528-529 DOI: https://doi.org/10.1126/science.117.3046.528

2. Bada JL, Lazcano A. et al 2003. Zuppa prebiotica: rivisitazione dell'esperimento Miller. Scienza 02 maggio 2003: vol. 300, numero 5620, pp. 745-746 DOI: https://doi.org/10.1126/science.1085145

3. Miller SL e Urey HC, 1959. Sintesi di composti organici sulla Terra primitiva. Scienza 31 luglio 1959: vol. 130, Numero 3370, pp. 245-251. DOI: https://doi.org/10.1126/science.130.3370.245

4. Kasting JF, Howard MT. 2006. Composizione atmosferica e clima sulla Terra primordiale. Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci 361: 1733–1741 (2006). Pubblicato: 07 settembre 2006. DOI: https://doi.org/10.1098/rstb.2006.1902

5. Cleaves HJ, Chalmers JH, et al 2008. Una rivalutazione della sintesi organica prebiotica in atmosfere planetarie neutre. Orig Life Evol Biosph 38:105-115 (2008). DOI: https://doi.org/10.1007/s11084-007-9120-3

6. Zaug, AJ, Cech TR. 1986. La sequenza intermedia RNA di Tetrahymena è un enzima. Scienza 31 gennaio 1986: vol. 231, numero 4737, pp. 470-475 DOI: https://doi.org/10.1126/science.3941911

7. Wochner A, Attwater J, et al 2011. Trascrizione catalizzata da ribozima di un ribozima attivo. Scienza 08 aprile: vol. 332, Numero 6026, pp. 209-212 (2011). DOI: https://doi.org/10.1126/science.1200752

8. Powner, M., Gerland, B. & Sutherland, J., 2009. Sintesi di ribonucleotidi pirimidinici attivati ​​in condizioni prebiotiche plausibili. Natura 459, 239-242 (2009). https://doi.org/10.1038/nature08013

9. Ferus M, Pietrucci F, et al 2017. Formazione di basi azotate in un'atmosfera riducente Miller-Urey. PNAS 25 aprile 2017 114 (17) 4306-4311; pubblicato per la prima volta il 10 aprile 2017. DOI: https://doi.org/10.1073/pnas.1700010114

10. Xu, J., Chmela, V., Green, N. et al. 2020 Formazione prebiotica selettiva di RNA pirimidina e DNA nucleosidi purinici. Natura 582, 60–66 (2020). Pubblicato: 03 giugno 2020. DOI: https://doi.org/10.1038/s41586-020-2330-9

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Dispositivo Vital Sign Alert (VSA): un nuovo dispositivo da utilizzare in gravidanza

Un nuovo dispositivo di misurazione dei segni vitali è l'ideale per...

Dark Energy: DESI crea la più grande mappa 3D dell'universo

Per esplorare l'energia oscura, l'Oscurità...

Test COVID-19 in meno di 5 minuti utilizzando il nuovo metodo RTF-EXPAR

Il tempo di analisi è notevolmente ridotto da circa un...
- Annuncio pubblicitario -
94,247FanCome
47,616SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi