PUBBLICITA

Storia dei coronavirus: come potrebbe essere emerso il "nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)"?

SCIENZEBIOLOGIAStoria dei coronavirus: come potrebbe essere emerso il "nuovo coronavirus (SARS-CoV-2)"?

I coronavirus non sono nuovi; questi sono vecchi come qualsiasi altra cosa al mondo e sono noti per causare il raffreddore comune tra gli umani da secoli. Tuttavia, la sua ultima variante, la "SARS-CoV-2", è attualmente nelle notizie per aver causato COVID-19 la pandemia è nuova  

Spesso, comune raffreddore (causato da coronavirus e altro virus come i rinovirus) viene confuso con l'influenza.   

Influenza e raffreddore, sebbene entrambi presentino sintomi simili, sono diversi nel senso che sono causati da virus completamente diversi.  

I virus dell'influenza o dell'influenza hanno un genoma segmentato che causa lo spostamento antigenico che si verifica a causa della ricombinazione tra virus dello stesso genere, modificando così la natura delle proteine ​​​​sulla superficie virale responsabili della generazione della risposta immunitaria. Ciò è ulteriormente complicato da un fenomeno chiamato deriva antigenica che deriva da mutazioni che accumulano virus (cambiamento nella sua DNA struttura) per un periodo di tempo che provoca cambiamenti nella natura delle proteine ​​di superficie. Tutto ciò rende difficile sviluppare un vaccino contro di loro che possa fornire protezione a lungo termine. L'ultima pandemia di influenza spagnola del 1918 che ha ucciso milioni di persone è stata causata dall'influenza o dal virus dell'influenza. Questo è diverso dai coronavirus.  

I coronavirus, responsabili di causare il raffreddore comune, d'altra parte, non possiedono un genoma segmentato quindi non c'è spostamento antigenico. Erano minimamente virulenti e occasionalmente portavano alla morte delle persone colpite. La virulenza dei coronavirus è normalmente limitata ai soli sintomi del raffreddore e raramente ha fatto ammalare seriamente qualcuno. Tuttavia, ci sono state alcune forme virulente di coronavirus nel recente passato, vale a dire la SARS (Sindrome respiratoria acuta grave) che è apparsa nel 2002-03 nella Cina meridionale e ha causato 8096 casi, provocando 774 decessi in 26 paesi e MERS (Sindrome respiratoria mediorientale). ) che è apparso 9 anni dopo nel 2012 in Arabia Saudita e ha causato 2494 casi, provocando 858 morti in 27 paesi1. Tuttavia, questo è rimasto endemico ed è scomparso in tempi relativamente brevi (entro 4-6 mesi), probabilmente a causa della sua natura meno virulenta e/o seguendo adeguate procedure epidemiologiche di contenimento. Quindi, in quel momento, non si sentiva il bisogno di investire pesantemente e sviluppare un vaccino contro un tale coronavirus.  

L'ultima variante del coronavirus, il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) sembra essere correlato a SARS e MERS2 che è altamente infettivo e virulento negli esseri umani. È stato identificato prima a Wuhan in Cina, ma presto è diventato un'epidemia e si è diffuso in tutto il mondo per assumere la forma di pandemia. Questa rapida diffusione in determinate aree geografiche era dovuta esclusivamente all'elevata virulenza e infettività causata dai cambiamenti nella costituzione genetica del virus o forse dalla mancanza di un tempestivo intervento epidemiologico da parte delle autorità nazionali/transnazionali interessate che ha impedito misure di contenimento tempestive, in tal modo causando finora circa un milione di morti e portando l'economia mondiale a un brusco arresto.    

Questa è la prima volta nella storia umana che, secondo quanto riferito, il coronavirus esistente ha subito cambiamenti nel suo genoma che lo hanno trasformato in una variante altamente virulenta, responsabile dell'attuale pandemia.  

Ma cosa può aver causato una deriva antigenica così drastica rendendo il SARS-CoV-2 così virulento e infettivo?  

Ci sono diverse teorie in giro nella comunità scientifica che indicano l'origine di SARS-CoV-23,4. I sostenitori dell'origine artificiale del virus ritengono che i cambiamenti del genoma osservati in SARS-CoV-2 richiederebbero un periodo di tempo estremamente lungo per svilupparsi naturalmente, mentre altri studi sostengono che potrebbe essere di origine naturale5 perché se gli umani dovessero creare il virus artificialmente, perché dovrebbero creare una forma subottimale che è abbastanza virulenta da causare una malattia grave ma si lega in modo subottimale alle cellule umane e al fatto che non è stata creata utilizzando la spina dorsale del virus conosciuto. 

Comunque sia, resta il fatto che un certo virus quasi innocuo ha subito cambiamenti genetici per trasformarsi in SARS/MERS leggermente virulento e infine in una forma altamente infettiva e virulenta (SARS-CoV-2) in un arco di tempo di 18-20 anni, appare insolito. Tale drastica deriva antigenica, che per inciso ha un continuum nel mezzo, sarebbe altamente improbabile che si verifichi in un corso normale, nel laboratorio di Madre Terra, in un tempo così breve. Anche se fosse vero, ciò che più lascia perplessi è la pressione ambientale che avrebbe innescato una tale selezione nel evoluzione?  

***

Riferimenti: 

  1. Padron-Regalado E. Vaccini per SARS-CoV-2: lezioni da altri ceppi di coronavirus [pubblicato online prima della stampa, 2020 aprile 23]. Infetta Dis Ther. 2020;9(2):1-20. doi: https://doi.org/10.1007/s40121-020-00300-x    
  1. Liangsheng Z, Fu-ming S, Fei C, Zhenguo L. Origine ed evoluzione del romanzo Coronavirus 2019, Clinical Infectious Diseases, Volume 71, Numero 15, 1 agosto 2020, pagine 882–883, DOI:https://doi.org/.1093/cid/ciaa112 
  1. Morens DM, Breman JG, et al 2020. L'origine di COVID-19 e perché è importante. L'American Society of Tropical Medicine and Hygiene. Disponibile online: 22 luglio 2020. DOI: https://doi.org/10.4269/ajtmh.20-0849  
  1. York A. Il nuovo coronavirus prende il volo dai pipistrelli? Nat Rev Microbiol 18, 191 (2020). DOI:https://doi.org/10.1038/s41579-020-0336-9  
  1. Andersen KG, Rambaut, A., Lipkin, WI et al. L'origine prossimale di SARS-CoV-2. Nat Med 26, 450–452 (2020). DOI: https://doi.org/10.1038/s41591-020-0820-9

*** 

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Scienza degli esopianeti: James Webb inaugura una nuova era  

Il primo rilevamento di anidride carbonica nell'atmosfera...

Sistema nervoso sensoriale artificiale: un vantaggio per le protesi

I ricercatori hanno sviluppato un sistema nervoso sensoriale artificiale che...
- Annuncio pubblicitario -
98,956FanMi Piace
64,240SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi