PUBBLICITA

Un nuovo farmaco per combattere l'infezione da HIV resistente ai farmaci avanzata

I ricercatori hanno progettato un nuovo farmaco per l'HIV che può aiutare a combattere l'infezione da HIV avanzata e resistente ai farmaci in pazienti che non hanno altre opzioni di trattamento.

Almeno 40 milioni di persone vivono con HIV fino a metà 2018. HIV (Virus dell’immunodeficienza umana) è un retrovirus che attacca le cellule immunitarie cruciali del nostro corpo (cellule CD4) che sono parte integrante del nostro sistema immunitario. Questo virus che si trova poi in tutti i tessuti del corpo viene trasmesso da un essere umano all'altro attraverso i fluidi corporei della persona infetta. L'AIDS (Sindrome da Immunodeficienza Acquisita) è causata dall'HIV e questa malattia altera il sistema immunitario rendendo la persona incline a infezioni e malattie. Nonostante la nostra comprensione dell’HIV e la significativa ricerca in questo settore, la prevenzione, la cura e il trattamento efficace dell’infezione da HIV rimangono una sfida. Se l’HIV non viene trattato, il virus attacca il sistema immunitario e può causare varie infezioni e tumori potenzialmente letali. Trattamento efficace di HIV con l'HIV sono disponibili farmaci in grado di controllare la diffusione del virus e i pazienti affetti HIV possono ancora condurre una vita sana e ridurre il rischio di trasmissione ad altri. Sfortunatamente, non esiste alcuna cura per HIV ancora.

Sfide degli attuali farmaci anti-HIV

ponte droga Le terapie disponibili per il trattamento dell’HIV – chiamate terapia antiretrovirale (ART) – prevedono l’assunzione di farmaci che rallentano la progressione del virus nell’organismo. Queste terapie farmacologiche esistenti comportano anche numerose sfide, in particolare nei paesi a medio e basso reddito. C'è sempre un ritardo nell'inizio del trattamento perché i primi sintomi gravi compaiono solo quando il virus si è diffuso nell'organismo. I farmaci noti hanno anche notevoli effetti collaterali. Inoltre, la resistenza ai farmaci è un grave problema, poiché i medicinali contro l'HIV che in precedenza controllavano l'infezione di una persona non sono efficaci contro il nuovo HIV resistente ai farmaci. Pertanto, i medicinali contro l'HIV non possono impedire la moltiplicazione dell'HIV resistente ai farmaci e una tale resistenza ai farmaci acquisita può causare HIV trattamento fallisca completamente. Anche le terapie farmacologiche esistenti non funzionano per alcuni individui poiché non hanno alcun effetto sul virus e, a loro volta, portano alla resistenza ai farmaci e al peggioramento della malattia. È noto che molti farmaci contro l’HIV colpiscono efficacemente il virus, tuttavia, nonostante ricerche approfondite, non esiste una nuova classe di farmaci HIV farmaci sono stati scoperti negli ultimi dieci anni.

Un nuovo farmaco anti-HIV che mira a un nuovo meccanismo

Nel marzo 2018, la Food and Drug Administration statunitense ha approvato un nuovo farmaco chiamato "ibalizumab" che prende di mira la proteina recettore primaria responsabile dell'ingresso di HIV virus nelle cellule immunitarie chiamate cellule T CD4. Il farmaco, che è un anticorpo monoclonale, prende di mira per la prima volta questo particolare meccanismo in cui è possibile impedire l'ingresso stesso del virus nelle cellule bersaglio. Lo studio che descrive gli studi clinici di fase III è pubblicato in New England Journal of Medicine. I partecipanti affetti da HIV multiresistente sono stati arruolati nello studio in più siti. Questi pazienti soffrivano di una forma avanzata di infezione da HIV e avevano un virus resistente, praticamente senza possibilità di trattamento.

Ai pazienti è stato somministrato un dosaggio di ibalizumab (iniettandolo direttamente nel flusso sanguigno) in aggiunta ai farmaci per l'HIV che stavano già assumendo, per un periodo di una settimana. Dopo questo periodo, è stato somministrato ibalizumab in combinazione con farmaci noti per la loro efficacia per un periodo di sei mesi. È stato osservato che dopo una settimana, l'83% dei pazienti ha mostrato una soppressione della quantità di virus HIV (chiamata carica virale) rilevata nel sangue. Dopo 25 settimane, il 43% dei pazienti aveva una carica virale inferiore al limite rilevabile. Oltre a ciò, nel corpo sono aumentate anche le cellule T CD4, un noto indicatore della forza immunitaria. La soppressione virale è rimasta stabile dalla settimana 24 alla settimana 48 dopo l’inizio del trattamento. Lo studio condotto differiva dai precedenti studi sugli anti-HIV droghe. In primo luogo, la dimensione del campione era proporzionata alla popolazione affetta da HIV multiresistente ai farmaci. La valutazione principale su come esattamente il virus si stava esaurendo è stata effettuata tra 7 e 14 giorni dall’inizio del trattamento. I pazienti hanno inoltre ricevuto il proprio regime terapeutico personalizzato. Infine, i test di durata e sicurezza sono stati eseguiti dopo 24 settimane (a differenza delle 48 settimane degli studi precedenti). Alcuni eventi avversi sono stati notati nei partecipanti, come la diarrea che era la più comune. Gli autori hanno sottolineato che la maggior parte degli eventi avversi non erano direttamente collegati al farmaco ibalizumab. Un piccolo gruppo di pazienti è stato arruolato a causa della rarità dei pazienti multiresistenti HIV e questo viene definito “adeguato” da alcuni esperti.

Una combinazione di esistente HIV farmaci e questo nuovo farmaco ibalizumab sembra una buona strategia per i pazienti che sono già stati sottoposti a diverse terapie farmacologiche e che sono sostanzialmente rimasti senza ulteriori opzioni di trattamento pur avendo sviluppato una resistenza multifarmaco. Il nuovo farmaco riduce efficacemente il virus e aumenta l’immunità nei pazienti in tali pazienti. Il meccanismo preso di mira da questo farmaco è unico e pertanto questo farmaco non può interagire negativamente con altri farmaci o medicinali. Deve essere iniettato per via endovenosa una volta ogni due settimane e persiste più di quanto attualmente disponibile HIV farmaci che devono essere assunti per via orale ogni giorno. Questa è una nuova classe di farmaci con una modalità di somministrazione unica.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Emù B et al. 2018. Studio di fase 3 su Ibalizumab per HIV-1 multiresistente. New England Journal of Medicine.
https://doi.org/10.1056/NEJMoa1711460

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Veicolo spaziale dell'osservatorio solare, Aditya-L1 inserito in Halo-Orbit 

La navicella spaziale dell'osservatorio solare, Aditya-L1, è stata inserita con successo nell'Halo-Orbit circa 1.5...

La variante Lambda (C.37) di SARS-CoV2 ha una maggiore infettività e fuga immunitaria

La variante Lambda (lignaggio C.37) di SARS-CoV-2 è stata identificata...

Vaccino spray nasale per COVID-19

Tutti i vaccini contro il COVID-19 approvati finora sono somministrati in...
- Annuncio pubblicitario -
94,250FanCome
47,616SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi