La vitamina C e la vitamina E nella dieta riducono il rischio di malattia di Parkinson

SALUTELa vitamina C e la vitamina E nella dieta riducono il rischio di malattia di Parkinson

Una recente ricerca che studia quasi 44,000 uomini e donne ha scoperto che livelli più elevati di vitamina C ed E nella dieta sono associati a un minor rischio di malattia di Parkinson1.

Le vitamine C ed E sono antiossidanti2. Gli antiossidanti contrastano lo stress ossidativo, che è causato da molecole altamente reattive note come radicali liberi2. Lo stress ossidativo ha varie fonti come luce solare, inquinamento atmosferico, fumo di sigaretta ed esercizio fisico2. Lo stress ossidativo può causare danni alle cellule (attraverso danni alle molecole nel corpo) e può contribuire a molte malattie come cancro, malattie cardiache, diabete, morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson e persino malattie degli occhi2. Pertanto, gli antiossidanti possono essere utili per prevenire il danno molecolare e mantenere la salute delle cellule.

Un recente studio svedese ha esplorato gli effetti di alcuni fattori dietetici sull'incidenza dello sviluppo della malattia di Parkinson (MdP) in quasi 44,000 uomini e donne1. Questi fattori includevano l'assunzione alimentare di vitamina C, vitamina E e beta-carotene1. L'assunzione di questi specifici micronutrienti è stata confrontata con l'incidenza di PD nel gruppo1.

Il beta-carotene non aveva alcuna correlazione con il rischio di PD1. Tuttavia, l'assunzione di vitamine C ed E era inversamente correlata al rischio di PD1 indicando che questi antiossidanti fornivano un effetto neuroprotettivo che riduceva l'incidenza del morbo di Parkinson.

Questo studio può consentire di dedurre che potrebbe essere utile aumentare queste vitamine nella dieta per ridurre il rischio di PD, ma non significa necessariamente che l'associazione osservata sia stata causata dall'assunzione di queste vitamine, poiché le persone che ne ingeriscono di più potrebbe semplicemente avere diete e stili di vita più sani. Potrebbe essere il caso che ci fosse una relazione causale, ma questo è difficile da dimostrare da uno studio di associazione. Potrebbe anche esserci una relazione non causale; a sostegno di ciò c'è la scoperta di uno studio più vecchio che confronta i livelli di antiossidanti nel sangue dei pazienti con PD che non ha trovato prove che gli antiossidanti contribuissero all'insorgenza o alla progressione del PD3. Infine, entrambe le teorie possono essere vere, in cui le vitamine C ed E nella dieta hanno svolto un ruolo minore. Indipendentemente da ciò, il messaggio generale di assumere una quantità sufficiente di vitamina C (ad esempio mangiando arance e fragole) e vitamina E (ad esempio mangiando noci e semi) è probabilmente favorevole alla buona salute.

***

Riferimenti:  

  1. Hantikainen E., Lagerros Y., et al 2021. Antiossidanti dietetici e rischio di malattia di Parkinson. La coorte della marcia nazionale svedese. Neurologia Feb 2021, 96 (6) e895-e903; DOI: https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000011373  
  1. NIH 2021. Antiossidanti: approfondimenti. Disponibile online su https://www.nccih.nih.gov/health/antioxidants-in-depth  
  1. King D., Playfer J. e Roberts N., 1992. Concentrazioni di vitamine A, C ed E in pazienti anziani con malattia di Parkinson. Postgrad Med J (1992)68,634-637. Disponibile online su https://pmj.bmj.com/content/postgradmedj/68/802/634.full.pdf 

*** 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Legno artificiale

Gli scienziati hanno fabbricato legno artificiale da resine sintetiche che...

Nuova speranza per attaccare la forma più letale di malaria

Una serie di studi descrive un anticorpo umano che...

"Autofocals", un prototipo di occhiali per correggere la presbiopia (perdita della vista da vicino)

Scienziati della Stanford University hanno sviluppato un prototipo di...
- Annuncio pubblicitario -
97,431FanMi Piace
62,355SeguaciSegui
1,886SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi