PUBBLICITA

Prioni: rischio di malattia da deperimento cronico (CWD) o malattia del cervo zombi 

Variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD), rilevato per la prima volta nel 1996 nel Regno Unito, encefalopatia spongiforme bovina (BSE o morbo della “mucca pazza”) ed Malattia del cervo zombi o malattia da deperimento cronico (CWD) che fanno notizia attualmente hanno una cosa in comune: gli agenti causali delle tre malattie non sono batteri o virus ma proteine ​​“deformate” chiamate “prioni”.  

I prioni sono altamente infettivi e sono responsabili di malattie neurodegenerative mortali e incurabili tra gli animali (BSE e CWD) e tra gli esseri umani (vCJD).  

Cos'è il Prione?
La parola “prione” è l’acronimo di “particella infettiva proteica”.  
 
Il gene della proteina prionica (PRNP) codifica per a le proteine chiamata proteina prionica (PrP). Nell'uomo, il gene della proteina prionica PRNP è presente nel cromosoma numero 20. La normale proteina prionica è presente sulla superficie cellulare, quindi indicata come PrPC.  

La “particella infettiva proteica” spesso definita prione è una versione mal ripiegata della proteina prionica PrPed è indicato come PrPSc (Sc perché è una forma di scrapie o una forma anomala correlata alla malattia rilevata nella scrapie delle pecore).

Durante la formazione della struttura terziaria e quaternaria, a volte, si verificano errori e la proteina si piega o si modella in modo errato. Questo viene solitamente riparato e corretto nella forma originale catalizzata dalle molecole chaperone. Se la proteina mal ripiegata non viene riparata, viene inviata alla proteolisi e solitamente viene degradata.   

Tuttavia, la proteina prionica mal ripiegata ha resistenza alla proteolisi e rimane non degradata e trasforma la normale proteina prionica PrPalla scrapie anomala forma PrPSc causando proteopatia e disfunzione cellulare che dà origine a diverse malattie neurologiche nell’uomo e negli animali.   

La forma patologica della scrapie (PrPSc) è strutturalmente diverso dalla normale proteina prionica (PrPC). La proteina prionica normale ha il 43% di alfa eliche e il 3% di foglietti beta mentre la forma anomala di scrapie ha il 30% di alfa eliche e il 43% di foglietti beta. La resistenza del PrPSc all'enzima proteasi è attribuito a una percentuale anormalmente elevata di fogli beta.  

Malattia da deperimento cronico (CWD), che è anche noto come Malattia del cervo zombi è una malattia neurodegenerativa mortale che colpisce i cervidi, tra cui cervi, alci, renne, cervi sika e alci. Gli animali colpiti soffrono di un drastico atrofia muscolare che porta alla perdita di peso e ad altri sintomi neurologici.  

Dalla sua scoperta alla fine degli anni ’1960, la CWD si è diffusa in molti paesi in Europa (Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia), Nord America (Stati Uniti e Canada) e Asia (Corea del Sud).  

Non esiste un solo ceppo di prione CWD. Ad oggi sono caratterizzati dieci diversi ceppi. Il ceppo che colpisce gli animali in Norvegia e Nord America è diverso, così come lo è il ceppo che colpisce l'alce finlandese. Inoltre, è probabile che in futuro emergano nuovi ceppi. Ciò rappresenta una sfida nel definire e mitigare questa malattia nei cervidi.  

Il prione della CWD è altamente trasmissibile e costituisce motivo di preoccupazione per la popolazione dei cervidi e per la salute pubblica umana.  

Al momento non sono disponibili trattamenti o vaccini.  

Ad oggi la malattia da deperimento cronico (CWD) NON è stata rilevata negli esseri umani. Non ci sono prove che suggeriscano che i prioni della CWD possano infettare gli esseri umani. Tuttavia, gli studi sugli animali suggeriscono che i primati non umani che mangiano (o entrano in contatto con il cervello o i fluidi corporei) di animali infetti da CWD sono a rischio.  

Esiste preoccupazione circa la possibilità di diffusione dei prioni della CWD agli esseri umani, molto probabilmente attraverso il consumo di carne di cervo o alce infetto. Pertanto, è importante evitare che entrino nella catena alimentare umana. 

*** 

Riferimenti:  

  1. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Malattia da deperimento cronico (CWD). Disponibile a https://www.cdc.gov/prions/cwd/index.html 
  2. Atkinson CJ et al 2016. Scrapie della proteina prionica e proteina prionica cellulare normale. Prione. gennaio-febbraio 2016; 10(1): 63–82. DOI: https://doi.org/10.1080/19336896.2015.1110293 
  3. Sun, JL, et al 2023. Nuovo ceppo di prioni come causa di malattia da deperimento cronico in un alce, Finlandia. Malattie infettive emergenti, 29(2), 323-332. https://doi.org/10.3201/eid2902.220882 
  4. Otero A., et al 2022. Emergenza dei ceppi di CWD. Tessuto cellulare Res 392, 135–148 (2023). https://doi.org/10.1007/s00441-022-03688-9 
  5. Mathiason, C.K. Modelli animali di grandi dimensioni per la malattia da deperimento cronico. Tessuto cellulare Res 392, 21–31 (2023). https://doi.org/10.1007/s00441-022-03590-4 

*** 

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Giornalista scientifico | Editore fondatore della rivista scientifica europea

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

L'Homo sapiens si diffuse nelle fredde steppe del nord Europa 45,000 anni fa 

L'Homo sapiens o l'uomo moderno si è evoluto intorno ai 200,000...

Demenza: l'iniezione di Klotho migliora la cognizione nella scimmia 

I ricercatori hanno scoperto che la memoria nelle scimmie anziane è migliorata...

Dosaggio di aspirina in base al peso per la prevenzione degli eventi cardiovascolari

Lo studio mostra che il peso corporeo di una persona influenza il...
- Annuncio pubblicitario -
94,863FanCome
47,648SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi