PUBBLICITA

Monkeypox andrà a Corona? 

COMMENTOMonkeypox andrà a Corona? 

Il virus del vaiolo delle scimmie (MPXV) è strettamente correlato al vaiolo, il virus più letale della storia responsabile della devastazione senza precedenti della popolazione umana nei secoli passati, causando più morti di qualsiasi altra singola malattia infettiva, persino peste e colera. Con la completa eradicazione del vaiolo circa 50 anni fa e la successiva cessazione del programma di vaccinazione contro il vaiolo (che aveva fornito anche una protezione incrociata contro il virus del vaiolo delle scimmie), l'attuale popolazione umana ha livelli molto ridotti di immunità contro questo gruppo di virus. Questo spiega ragionevolmente l'attuale aumento e diffusione del virus del vaiolo delle scimmie dalle sue regioni endemiche in Africa al Nord America, Europa e Australia. Inoltre, oltre alla diffusione per stretto contatto, ci sono indicazioni che il virus del vaiolo delle scimmie possa diffondersi attraverso goccioline respiratorie (e possibilmente aerosol a corto raggio) o anche venendo a contatto con materiali contaminati. Questa situazione richiede una maggiore sorveglianza e lo sviluppo di nuove soluzioni per combattere la diffusione del virus. Potrebbe sorgere la necessità non solo di sviluppare nuovi strumenti diagnostici per la diagnosi precoce della malattia, ma anche vaccini adeguati ed efficaci insieme a terapie pertinenti. Questo potrebbe essere basato su proteine ​​​​immunomodulatorie virali che interferiscono con il sistema immunitario umano. Il presente commento parla delle misure necessarie per evitare che il vaiolo delle scimmie diventi corona. 

Mentre la pandemia di COVID-19 sembra attenuarsi, almeno in termini di elevata gravità che richiede ricovero e mortalità, la malattia del vaiolo delle scimmie causata dal virus del vaiolo delle scimmie (MPXV) è molto nelle notizie in questi giorni per la sua vasta diffusione geografica dalle sue regioni endemiche in Africa a paesi del Nord America, Europa e Australia. Sebbene il vaiolo delle scimmie non sia un nuovo virus né il vaiolo (uno dei virus più letali della storia responsabile di oltre 300 milioni di morti dal solo 1900(1) che ha causato una devastazione senza precedenti delle popolazioni umane ha causato più morti di qualsiasi altra singola malattia infettiva, persino peste e colera)(2), ha sollevato un allarme globale facendo pensare a molti come una probabile prossima pandemia simile alla corona nel prossimo futuro, soprattutto in considerazione del fatto che il virus del vaiolo delle scimmie è strettamente correlato al virus del vaiolo e l'attuale popolazione umana ha ridotto l'immunità contro i virus del vaiolo a causa all'eradicazione del vaiolo e alla successiva cessazione del programma di vaccinazione contro il vaiolo che ha fornito anche una protezione incrociata contro il virus del vaiolo delle scimmie.   

Il virus Monkeypox (MPXV), il virus responsabile della malattia simile al vaiolo nell'uomo, è un virus a DNA appartenente alla famiglia Poxviridae e al genere Orthopoxviral. È strettamente correlato al virus variola che causa la malattia del vaiolo. Il virus Monkeypox viene trasmesso naturalmente dall'animale all'uomo e viceversa. Fu scoperto per la prima volta nelle scimmie nel 1958 (da cui il nome vaiolo delle scimmie). Il primo caso tra l'uomo è stato segnalato nel 1970 in Congo. Da allora, è endemico nelle aree dell'Africa. Al di fuori dell'Africa, è stato segnalato per la prima volta nel 2003(3). C'è stato un costante aumento del numero di casi da quando è stato segnalato per la prima volta nel 1970 da soli 47 casi dal 1970-79 a circa 9400 casi confermati nel solo anno 2021. L'OMS ha classificato la minaccia del vaiolo delle scimmie come moderata poiché ci sono stati 2103 casi confermati da gennaio 2022 con il 98% di casi verificatisi a maggio e giugno 2022. 

Il vaiolo delle scimmie può presto diventare una minaccia globale a causa dei fenomeni di diminuzione dell'immunità che si sono verificati a causa dell'eradicazione del vaiolo quasi 50 anni fa. Inoltre, sebbene l'MPXV abbia un tasso di mutazione inferiore, esiste la possibilità di acquisire mutazioni che forniscono la capacità di infettare e causare malattie gravi nell'uomo, a causa della pressione selettiva (4). In effetti, l'ultimo focolaio mostra la presenza di tali mutazioni con conseguente produzione di proteine ​​alterate che forniscono la capacità dell'MPXV di causare malattie che portano a morbilità e mortalità negli esseri umani, rispetto ai focolai precedenti (4). Un'altra sfida posta da MPXV, che è emersa dallo studio del Regno Unito (5) recentemente, è la presenza prolungata del virus sperimentata da diversi pazienti a causa della diffusione virale delle vie respiratorie superiori, dopo la formazione di croste di tutte le lesioni cutanee. Ciò può portare a una potenziale diffusione del virus attraverso gli starnuti entrando in contatto con le goccioline rilasciate. Ciò suggerisce che MPXV ha la capacità di diffondere il modo in cui SARS CoV2 ha inghiottito il mondo, attraverso la via respiratoria, causando così la malattia conclamata. OMS, nel suo recente aggiornamento della situazione (6) dice, '"La trasmissione da uomo a uomo avviene attraverso la stretta vicinanza o il contatto fisico diretto (p. es., contatto faccia a faccia, pelle a pelle, bocca a bocca, bocca a pelle anche durante il sesso) con la pelle o le mucose membrane che possono avere lesioni infettive riconosciute o non riconosciute come ulcere mucocutanee, goccioline respiratorie (ed eventualmente aerosol a corto raggio), o contatto con materiali contaminati (es. lenzuola, biancheria da letto, elettronica, abbigliamento)''. 

Considerando il potenziale di uno scenario pandemico in fase di creazione e a causa del recente focolaio e aumento di casi al di fuori dell'Africa, è necessaria una maggiore sorveglianza (sebbene la sorveglianza attualmente sia necessaria ma è necessario aumentarla) e meccanismi di rilevamento per comprendere l'epidemiologia di questa malattia risorgente per evitare che diventi una pandemia (3). La mancanza di sorveglianza e consapevolezza può contribuire a un potenziale focolaio globale. Poiché il vaiolo delle scimmie è una malattia rara, la sua diagnosi si è basata sulla manifestazione clinica dei sintomi (linfonodi ingrossati per distinguere il vaiolo delle scimmie da altri vaiolo e lesioni caratteristiche sulla pelle) e sulla conferma dell'istopatologia e dell'isolamento del virus. Considerando i recenti focolai in diversi continenti, è necessario sviluppare nuovi strumenti di diagnostica molecolare per rilevare l'MPVX, prima che si presenti come una malattia conclamata, implementare misure per il controllo delle infezioni e introdurre strategie di trattamento utilizzando i farmaci attualmente disponibili (5) contro il vaiolo insieme allo sviluppo di nuove ed efficaci terapie per MPVX. Potrebbe anche sorgere la necessità di ricominciare la vaccinazione contro il vaiolo o di sviluppare vaccini nuovi e più efficaci contro il vaiolo delle scimmie. Le capacità sviluppate dalle aziende farmaceutiche di tutto il mondo per lo sviluppo e la produzione di vaccini causati dalla pandemia della corona forniranno sicuramente un vantaggio nella progettazione rapida di nuovi vaccini contro l'MPXV e potrebbero aiutare a prevenire che l'MPXV vada verso la corona. 

La nuova diagnostica molecolare può essere basata sul rilevamento di proteine ​​immunomodulatorie codificate da virus (7) come il gene della proteina legante l'IFN gamma che è comune a tutti gli orthopoxvirus(8). Inoltre, è possibile sviluppare terapie (sia a base di piccole molecole che di proteine) mirate alla proteina legante l'IFN gamma del virus del vaiolo delle scimmie che interrompe la segnalazione dell'IFN gamma. La proteina legante IFN gamma può anche essere sfruttata come candidato al vaccino contro il virus del vaiolo delle scimmie. 

Sembra che l'eradicazione completa del vaiolo non sia stata una buona idea. In effetti, le infezioni potrebbero rimanere a un livello innocuo nella popolazione per mantenere un livello minimo di immunità. Forse, non debellare completamente nessuna malattia potrebbe essere una strategia ben pensata!!!   

*** 

Riferimenti:  

  1. Museo Americano di Storia Naturale 2022. Vaiolo – Lezioni dal passato. Disponibile in linea a https://www.amnh.org/explore/science-topics/disease-eradication/countdown-to-zero/smallpox#:~:text=One%20of%20history’s%20deadliest%20diseases,the%20first%20disease%20ever%20eradicated. Accesso 20 giugno 2022.  
  1. Krylova O, Earn DJD (2020) Modelli di mortalità per vaiolo a Londra, in Inghilterra, nell'arco di tre secoli. PLoS Biol 18(12): e3000506. DOI: https://doi.org/10.1371/journal.pbio.3000506 
  1. Bunge E., et al 2022. L'epidemiologia mutevole del vaiolo delle scimmie umano: una potenziale minaccia? Una revisione sistematica. PLOS Malattie trascurate. Pubblicato: 11 febbraio 2022. DOI: https://doi.org/10.1371/journal.pntd.0010141 
  1. Zhang, Y., Zhang, JY. & Wang, FS. Focolaio di vaiolo delle scimmie: una nuova minaccia dopo il COVID-19?. Med militare Res 9, 29 (2022). https://doi.org/10.1186/s40779-022-00395-y 
  1. Adler H., et al 2022. Caratteristiche cliniche e gestione del vaiolo delle scimmie: uno studio osservazionale retrospettivo nel Regno Unito, The Lancet Infectious Diseases. DOI: https://doi.org/10.1016/S1473-3099(22)00228-6 
  1. OMS 2022. Focolaio di vaiolo delle scimmie in più paesi: aggiornamento della situazione. Pubblicato il 4 giugno 2022. Disponibile online all'indirizzo https://www.who.int/emergencies/disease-outbreak-news/item/2022-DON390. Consultato il 21 giugno 2022. 
  1. Mike Bray, Mark Buller, Guardando indietro al vaiolo, Malattie infettive cliniche, volume 38, numero 6, 15 marzo 2004, pagine 882–889, https://doi.org/10.1086/381976   
  1. Nuara A., et al 2008. Struttura e meccanismo dell'antagonismo dell'IFN-γ da parte di una proteina legante l'IFN-γ dell'ortopoxvirus. PNAS. 12 febbraio 2008. 105 (6) 1861-1866. DOI: https://doi.org/10.1073/pnas.0705753105 

Bibliografia 

  1. Medicina non legata. Ricerche sul vaiolo delle scimmie – https://www.unboundmedicine.com/medline/research/Monkeypox 
  1. Edouard Mathieu, Saloni Dattani, Hannah Ritchie e Max Roser (2022) – “Monkeypox”. Pubblicato online su OurWorldInData.org. Recuperato da: 'https://ourworldindata.org/monkeypox "[Risorsa in linea] 
  1. Farahat, RA, Abdelaal, A., Shah, J. et al. Focolai di vaiolo delle scimmie durante la pandemia di COVID-19: stiamo guardando un fenomeno indipendente o una pandemia sovrapposta?. Ann Clin Microbiol Antimicrob 21, 26 (2022). DOI: https://doi.org/10.1186/s12941-022-00518-22 or https://ann-clinmicrob.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12941-022-00518-2#citeas  
  1. Pittman P. et al 2022. Caratterizzazione clinica delle infezioni umane da vaiolo delle scimmie nella Repubblica Democratica del Congo. Prestampa in medRixv. Inserito il 29 maggio 2022. DOI: https://doi.org/10.1101/2022.05.26.222733799  
  1. Yang, Z., Gray, M. & Winter, L. Perché i poxvirus contano ancora?. Cella Biosci 11, 96 (2021). https://doi.org/10.1186/s13578-021-00610-88  
  1. Yang Z. Monkeypox: una potenziale minaccia globale? J Med Virol. 2022 maggio 25. doi: https://doi.org/10.1002/jmv.27884 . Epub prima della stampa. ID PMI: 35614026. 
  1. Zilong Yang. Twitter. https://mobile.twitter.com/yang_zhilong/with_replies 

*** 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Gel nasale: un nuovo mezzo per contenere il COVID-19

L'uso del gel nasale come nuovo mezzo per...

SARS-CoV-2: quanto è seria la variante B.1.1.529, ora denominata Omicron

La variante B.1.1.529 è stata segnalata per la prima volta all'OMS da...

Trasmissione per via aerea del coronavirus: l'acidità degli aerosol controlla l'infettività 

Coronavirus e virus influenzali sono sensibili all'acidità di...
- Annuncio pubblicitario -
97,953FanMi Piace
62,794SeguaciSegui
1,900SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi