PUBBLICITA

COVID-19 e la selezione naturale di Darwin tra gli umani

COVID-19COVID-19 e la selezione naturale di Darwin tra gli umani

Con l'avvento del COVID-19, sembra esserci una pressione selettiva negativa contro coloro che potrebbero essere geneticamente o meno (a causa del loro stile di vita, comorbidità, ecc.) Predisposti a sviluppare sintomi gravi, che alla fine portano alla morte. La maggior parte delle persone non è affetta o sviluppa sintomi da lievi a moderati e sopravvive. È meno del 5% della popolazione ad alto rischio di sintomi gravi, danni ai polmoni e conseguente mortalità. Il modo in cui le varianti si stanno evolvendo, in particolare come è successo in Italia all'inizio della pandemia e gli attuali avvenimenti in India, sembrano suggerire che la popolazione predisposta a sviluppare sintomi gravi corra il rischio di eliminazione. Ciò diventa ancora più pertinente soprattutto nel contesto della possibile inefficacia dei vaccini attualmente disponibili contro virus sempre mutanti. Emergerà finalmente una popolazione che sarà naturalmente immune al virus SARS-CoV 2?  

Darwinla teoria di selezione naturale e l'origine di nuove specie ha giocato un ruolo chiave nell'origine dell'uomo moderno. C'era una continua pressione di selezione negativa, nel selvaggio mondo naturale in cui vivevamo, contro quegli individui che non erano adatti a sopravvivere nel nuovo e mutevole ambiente. Quelli con le caratteristiche idonee desiderate furono favoriti dalla natura e continuarono a sopravvivere e procreare. A tempo debito, queste caratteristiche adatte si accumularono nelle progenie dando origine a una popolazione nettamente diversa dalla prima.  

Tuttavia, questo processo di sopravvivenza del più adatto si è quasi arrestato con la crescita della civiltà umana e dell'industrializzazione. Lo stato sociale e i progressi nelle scienze mediche hanno fatto sì che le persone che altrimenti non sarebbero sopravvissute a causa della pressione selettiva negativa contro di loro, sono sopravvissute e procreate. Questo ha quasi portato a una pausa nella selezione naturale tra gli umani. In realtà, potrebbe aver portato alla creazione della selezione artificiale tra le specie umane. 

Con l'avvento del COVID-19, sembra esserci una pressione selettiva negativa che opera contro coloro che potrebbero essere geneticamente o meno (a causa del loro stile di vita, comorbilità, ecc.) predisposti a sviluppare sintomi gravi, che alla fine portano alla morte. La maggior parte delle persone non è affetta o sviluppa sintomi da lievi a moderati e sopravvive. È meno del 5% della popolazione che soffre ad alto rischio di sintomi gravi, danni ai polmoni e conseguente mortalità. Il modo in cui le varianti si stanno evolvendo, in particolare come è successo in Italia all'inizio della pandemia e gli attuali avvenimenti in India, sembrano suggerire che la popolazione predisposta a sviluppare sintomi gravi corra il rischio di eliminazione. Ciò diventa ancora più pertinente in particolare nel contesto della possibile inefficacia dei vaccini attualmente disponibili contro il virus in continua mutazione.   

Apparentemente, il COVID-19 sembra aver riavviato la selezione naturale tra gli esseri umani.  

***

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Redattore, Scientific European

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Iboxamicina (IBX): un antibiotico sintetico ad ampio spettro per affrontare la resistenza antimicrobica (AMR)

Sviluppo di batteri multiresistenza ai farmaci (MDR) in passato...

NeoCoV: il primo caso di virus correlato a MERS-CoV che utilizza ACE2

NeoCoV, un ceppo di coronavirus correlato a MERS-CoV trovato in...

Nuova variante 'IHU' (B.1.640.2) rilevata in Francia

Una nuova variante chiamata 'IHU' (un nuovo lignaggio Pangolin...
- Annuncio pubblicitario -
97,954FanMi Piace
62,795SeguaciSegui
1,900SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi