PUBBLICITA

Perché è importante essere tenaci?  

La tenacia è un importante fattore di successo. La corteccia cingolata anteriore media (aMCC) del cervello contribuisce a essere tenace e ha un ruolo nel successo dell'invecchiamento. Poiché il cervello mostra una notevole plasticità in risposta agli atteggiamenti e alle esperienze di vita, potrebbe essere possibile acquisire tenacia attraverso la formazione. 

La tenacia consiste nell'essere determinati o persistenti di fronte alle sfide per raggiungere l'obiettivo prefissato. Rende fiduciosi e determinati nel trovare una via d'uscita da ostacoli e ostacoli e andare avanti nel perseguimento dell'obiettivo. Tale attributo è importante il successo fattore. Contribuisce a migliorare i risultati accademici, le opportunità di carriera e i risultati in termini di salute. I leader sono noti per essere tenaci, molti di loro sono anche noti per aver affrontato difficoltà nella loro vita.  

Gli studi suggeriscono che la “tenacia” ha una base organica nel cervello e nei fenomeni neurofisiologici. È associato a corteccia cingolata anteriore media (aMCC), una parte centrale del cervello che funge da hub di rete che integra segnali provenienti da diversi sistemi cerebrali per effettuare i calcoli necessari per raggiungere gli obiettivi. aMCC stima l'energia necessaria per raggiungere l'obiettivo, assegna l'attenzione, codifica nuove informazioni e movimenti fisici, contribuendo così al raggiungimento dell'obiettivo. Il funzionamento adeguato di questa parte del cervello è necessario per la tenacia1.  

Lo studio dei superager (ovvero, persone nella fascia di età superiore agli 80 anni con le facoltà mentali di persone decenni più giovani) offre maggiori informazioni sul ruolo di aMCC nell'invecchiamento di successo.  

Come tutti gli organi del corpo, il cervello subisce un graduale declino strutturale e funzionale con l’età. La graduale atrofia cerebrale, la riduzione della materia grigia e la perdita delle regioni del cervello associate all’apprendimento e alla memoria sono alcuni dei segni distintivi dell’invecchiamento. Tuttavia, i superager sembrano sfidare questo concetto. Il loro cervello invecchia a un ritmo molto più lento della media. Hanno uno spessore corticale maggiore e una migliore connettività funzionale della rete cerebrale nella corteccia cingolata anteriore media (aMCC) rispetto alla media delle persone della stessa fascia di età. L’aMCC nel cervello dei superager è preservato ed è coinvolto in una varietà di funzioni. I superagers dimostrano un livello di tenacia più elevato di fronte alle sfide rispetto agli altri anziani2. Un altro studio ha scoperto che i superager hanno una tale resilienza al delirio che l'integrità della corteccia cingolata anteriore media (aMCC) potrebbe essere un biomarcatore di resilienza al delirio3

La tenacia può essere acquisita attraverso la formazione nel corso della vita?  

È noto che il cervello ha plasticità. Forma nuovi cablaggi in risposta ad atteggiamenti ed esperienze di vita. Ad esempio, cambiare la mentalità (ovvero gli atteggiamenti che determinano il modo in cui si risponde a una situazione in un certo modo) cambia il cervello4. Allo stesso modo, è noto che l’addestramento alla compassione aumenta le attivazioni in una rete cerebrale non sovrapposta attraverso lo striato ventrale, la corteccia cingolata anteriore pregenuale e la corteccia orbitofrontale mediale.5

La tenacia è un importante fattore di successo. La corteccia cingolata anteriore media (aMCC) del cervello contribuisce a essere tenace e ha un ruolo nel successo dell'invecchiamento. Poiché il cervello mostra una notevole plasticità in risposta agli atteggiamenti e alle esperienze di vita, potrebbe essere possibile acquisire tenacia attraverso la formazione. 

*** 

Riferimenti:  

  1. Touroutoglou A., et al 2020.  Il cervello tenace: come il cingolato medio anteriore contribuisce al raggiungimento degli obiettivi. Corteccia. Volume 123, febbraio 2020, pagine 12-29. DOI: https://doi.org/10.1016/j.cortex.2019.09.011  
  2. Touroutoglou A., Wong B. e Andreano J.M. 2023. Cosa c'è di così straordinario nell'invecchiamento? La longevità sana di Lancet. Volume 4, numero 8, E358-e359, agosto 2023. DOI: https://doi.org/10.1016/S2666-7568(23)00103-4 
  3. Katsumi Y., et al 2023. L'integrità strutturale della corteccia cingolata media anteriore contribuisce alla resilienza al delirio nel SuperAging. Comunicazioni cerebrali, volume 4, numero 4, 2022, fcac163. DOI: https://doi.org/10.1093/braincomms/fcac163 
  4. Meylani R., 2023. Esplorando il legame tra mentalità e implicazioni neuroscientifiche per lo sviluppo personale e il funzionamento cognitivo. Authorea Preprints, 2023 – techrxiv.org. https://www.techrxiv.org/doi/pdf/10.22541/au.169587731.17586157 
  5. Klimecki OM, et al 2014. Modello differenziale della plasticità cerebrale funzionale dopo l'allenamento alla compassione e all'empatia, Neuroscienze sociali cognitive e affettive, volume 9, numero 6, giugno 2014, pagine 873–879. DOI: https://doi.org/10.1093/scan/nst060  

*** 

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Giornalista scientifico | Editore fondatore della rivista scientifica europea

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Prima rilevazione diretta di una stella di neutroni formata nella supernova SN 1987A  

In uno studio riportato di recente, gli astronomi hanno osservato la SN...

Il Regno Unito si unisce ai programmi Orizzonte Europa e Copernicus  

Il Regno Unito e la Commissione Europea (CE) hanno...

Nuova terapia farmacologica per curare la sordità

I ricercatori hanno trattato con successo la perdita dell'udito ereditaria nei topi...
- Annuncio pubblicitario -
94,863FanCome
47,648SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi