PUBBLICITA

Effetti del Donepezil sulle regioni del cervello

Donepezil è un inibitore dell'acetilcolinesterasi1. L'acetilcolinesterasi scompone il neurotrasmettitore acetilcolina2, riducendo così la segnalazione dell'acetilcolina nel cervello. L'acetilcolina (ACh) migliora la codifica di nuovi ricordi e quindi migliora l'apprendimento3. Donepezil migliora le prestazioni cognitive nel decadimento cognitivo lieve (MCI) e La malattia di Alzheimer (AD) ed è l'inibitore dell'acetilcolinesterasi (AChEI) più comunemente prescritto per l'AD4. Gli effetti del donepezil sui volumi di cervello regioni è stata esaminata e può aiutare a spiegarne l’efficacia4.

In un recente studio che ha confrontato controlli sani, pazienti con MCI non trattati e pazienti con MCI trattati con donepezil, volumi di cervello le regioni e i test che valutavano la funzione cognitiva sono stati determinati al basale e 6 mesi dopo l’inizio del trattamento per il gruppo MCI trattato4. Donepezil ha migliorato i punteggi sui test della funzione cognitiva riducendo leggermente le valutazioni sulla depressione geriatrica e la sottoscala cognitiva della scala di valutazione dell'AD, riducendo significativamente la valutazione della demenza clinica del 14.1% e aumentando significativamente il punteggio sulla versione coreana del mini-esame di stato mentale dell'8% in 6 mesi4.

Materia grigia (GM) sono aumentati significativamente dopo il trattamento con donepezil nelle regioni del putamen, del globus pailldus e del giro frontale inferiore del cervello ma non differivano significativamente dal gruppo non trattato quando si esaminava il volume dell'ippocampo4. Tuttavia, una maggiore durata del trattamento con donepezil sembra ridurre il tasso di perdita di volume dell'ippocampo4.

Questi effetti positivi del donepezil sul cervello può essere spiegato attraverso un aumento dei fattori di crescita nel cervello come un aumento di cervellofattore neurotrofico derivato (BDNF) osservato nei ratti trattati con donepezil4. Il BDNF aumenta la sopravvivenza neuronale, la differenziazione e la plasticità sinaptica, promuovendo al contempo la rottura della placca beta-amiloide che si ritiene contribuisca all'AD4. Gli effetti del BDNF forniscono un effetto pro-cognitivo e neuroprotettivo5. Questo aumento di BDNF da donepezil è probabilmente dovuto alla sua segnalazione pro-colinergica perché gli agonisti colinergici aumentano l'espressione di BDNF così come l'espressione del fattore di crescita nervoso (NGF)6, che mostra l'importanza della segnalazione colinergica per cervello Salute.

***

Riferimenti:  

  1. Kumar A, Sharma S. Donepezil. [Aggiornato il 2020 agosto 22]. In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2021 gennaio-. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK513257/ 
  1. Trang A, Khandhar PB. Fisiologia, Acetilcolinesterasi. [Aggiornato il 2020 luglio 10]. In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2021 gennaio-. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK539735/ 
  1. Hasselmo ME (2006). Il ruolo dell'acetilcolina nell'apprendimento e nella memoria. Opinione attuale in neurobiologia16(6), 710-715. https://doi.org/10.1016/j.conb.2006.09.002 
  1. Kim, GW., Kim, BC., Park, KS et al. Uno studio pilota sulla morfometria cerebrale dopo il trattamento con donepezil nel deterioramento cognitivo lieve: cambiamenti di volume delle regioni corticali/sottocorticali e dei sottocampi dell'ippocampo. Sci Rep 10, 10912 (2020). https://doi.org/10.1038/s41598-020-67873-y 
  1. Miranda, M., Morici, JF, Zanoni, MB, & Bekinschtein, P. (2019). Fattore neurotrofico derivato dal cervello: una molecola chiave per la memoria nel cervello sano e patologico. Frontiere nelle neuroscienze cellulari13 363. https://doi.org/10.3389/fncel.2019.00363 
  1. da Penha Berzaghi M, Cooper J, Castrén E, Zafra F, Sofroniew M, Thoenen H, Lindholm D. Regolazione colinergica del fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) e del fattore di crescita nervoso (NGF) ma non della neurotrofina-3 (NT-3 ) livelli di mRNA nell'ippocampo di ratto in via di sviluppo. J Neurosci. 1993 settembre;13(9):3818-26. doi: https://doi.org/10.1523/JNEUROSCI.13-09-03818.1993. PMID: 8366347; ID PMC: PMC6576436. 

*** 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Scientific European collega i lettori generici alla ricerca originale

Scientific European pubblica progressi significativi nel campo della scienza, notizie sulla ricerca,...

Soberana 02 e Abdala: i primi vaccini coniugati proteici al mondo contro il COVID-19

La tecnologia utilizzata da Cuba per sviluppare vaccini a base di proteine...

La "serie di successi" è reale

L'analisi statistica ha mostrato che "hot streak" o un...
- Annuncio pubblicitario -
94,246FanCome
47,616SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi