PUBBLICITA

IGF-1: compromesso tra funzione cognitiva e rischio di cancro

Il fattore di crescita insulino-simile 1 (IGF-1) è un importante fattore di crescita che conduce molti degli effetti di promozione della crescita dell'ormone della crescita (GH) attraverso la stimolazione del rilascio di IGF-1 dal fegato da parte del GH.1. La segnalazione di IGF-1 promuove la crescita e la diffusione del cancro e sono stati sviluppati farmaci per colpire il recettore IGF-1 (IGF1R) per ridurre la segnalazione di IGF-1, sebbene inefficace a causa della resistenza ai farmaci in fase di sviluppo nei pazienti2. L'IGF-1 è considerato un fattore di rischio per la prostata cancro e alti livelli sierici di IGF-1 sono associati a una varietà di tumori diversi2. Tuttavia, a causa dei suoi effetti di promozione della crescita, anche nel cervello, la riduzione del segnale IGF-1 nel cervello è associata ad un aumento del rischio di malattia di Alzheimer (AD) e demenza, declino cognitivo, ansia e depressione2 suggerendo il compromesso tra funzione cognitiva e rischio di cancro.

Topi con siero ridotto IGF-1 hanno deficit cognitivi che vengono invertiti quando l'IGF-1 viene somministrato ai topi2. Sia il recettore dell'insulina (IR) che l'IGF1R stimolano la divisione cellulare e quindi anche la crescita del cancro2. L'apprendimento e la memoria richiedono la segnalazione di insulina/IGF-1 e l'aumento di IGF-1 è stato correlato al miglioramento della memoria e all'aumento del volume dell'ippocampo2. Inoltre, nei pazienti con malattia di Parkinson (MdP) che avevano bassi livelli sierici di IGF-1, avevano prestazioni inferiori nei compiti che testavano la funzione cognitiva.2. Tuttavia, è interessante notare che l'IGF-1 può anche rallentare la rimozione della placca beta-amiloide che contribuisce all'AD2, ma sembra dall'evidenza che IGF-1 sia in generale significativamente pro-cognitivo, pro-neurogenesi e neuroprotettivo.

Un chiaro esempio di questo compromesso è la riduzione del rischio di AD tra cancro pazienti, e anche che i pazienti oncologici più anziani avevano una memoria superiore con un tasso inferiore di declino della funzione di memoria2. Quindi, sembra sicuro estrapolarlo IGF-1, come la maggior parte delle cose, ha benefici e rischi ad esso associati e che non esiste un modo semplice per essere "sani" manipolando l'IGF-1 attraverso cambiamenti dello stile di vita come il digiuno e la restrizione energetica per abbassare le sue concentrazioni sieriche, poiché la riduzione delle concentrazioni sieriche potrebbe avere conseguenze cognitive non intenzionali che rendono qualcuno cognitivamente "malsano".

***

Riferimenti:  

  1. Laron Z. (2001). Fattore di crescita insulino-simile 1 (IGF-1): un ormone della crescita. Molecolare patologia: MP54(5), 311-316. https://doi.org/10.1136/mp.54.5.311 
  1. Rosenzweig SA (2020). La continua evoluzione della segnalazione del fattore di crescita insulino-simile. F1000Research9, Facoltà F1000 Rev-205. https://doi.org/10.12688/f1000research.22198.1 

*** 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Progressi nello sfruttamento dell'energia solare per generare energia

Lo studio descrive una nuova cella solare tandem tutta perovskite che...

Superate le barriere biologiche della riproduzione da mammiferi dello stesso sesso

Lo studio mostra per la prima volta una prole sana di topo...

Gli studi genetici rivelano che l'Europa ha almeno quattro distinti gruppi di popolazione

Studi sulle regioni del cromosoma Y che sono...
- Annuncio pubblicitario -
94,376FanCome
47,651SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi