PUBBLICITA

Un nuovo approccio per prevenire il cancro all'esofago

MEDICINAUn nuovo approccio per prevenire il cancro all'esofago

Un nuovo trattamento che "previene" il cancro esofageo nei pazienti a rischio è riportato in un ampio studio clinico.

Cancro esofageo è l'ottavo tumore più diffuso al mondo e uno dei più pericolosi. Questo tipo di cancro inizia nell'esofago – un tubo muscolare morbido che collega la bocca allo stomaco e tutto ciò che viene consumato da una persona raggiunge lo stomaco attraverso l'esofago. Quando il cancro si sviluppa nell'esofago (comunemente chiamato tubo del cibo) c'è una crescita incontrollabile delle cellule che rivestono il tubo che le rende cancerose e causando il caos al meccanismo di base dell'ingestione di cibo. Sfortunatamente, la maggior parte dei sintomi associati a questo tipo di cancro inizia a manifestarsi quando il cancro è in uno stadio avanzato, cioè quando le cellule cancerose hanno bloccato completamente l'esofago e il cancro si è diffuso ad altre parti del corpo. Questo scenario rende il trattamento del cancro dell'esofago molto impegnativo. Le prime fasi di questo cancro sono completamente non rilevabili se non sottoposte a screening.

Cause del cancro esofageo

L'abuso di alcol e tabacco è la principale causa di esofago cancro. Altri importanti fattori di rischio sono la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD), l'esofago di Barrett e l'obesità. In GERD, l'acido dallo stomaco sale nell'esofago causando un bruciore di stomaco persistente. In un'altra condizione chiamata "esofago di Barrett" che si verifica nel 10-15% dei pazienti con GERD, il normale rivestimento cellulare dell'esofago viene danneggiato dopo essere stato sostituito da "cellule anormali" (chiamate cellule di Barrett) principalmente a causa del reflusso acido cronico. Queste cellule anormali assomigliano esattamente alle cellule che rivestono lo stomaco e l'intestino tenue, ma sono più resistenti all'acido dello stomaco. Il sintomo dell'esofago di Barrett è il bruciore di stomaco, anche se in molti casi non esistono sintomi. Con il passare del tempo, le cellule di Barrett diventano prima precancerose attraverso un processo chiamato displasia e poi possono diventare cancerose poiché la displasia di alto grado è collegata al rischio massimo di cancro. Uno screening precoce per i cambiamenti precancerosi può fare molto per controllare il cancro esofageo. Anche se non tutti i pazienti con questa condizione si ammalano di cancro, sono nella categoria a più alto rischio. Anche il mantenimento di una dieta sana e di un peso corporeo stabile può ridurre il rischio di questo cancro.

Nuovo studio sulla prevenzione del cancro esofageo

In uno studio pubblicato The Lancet guidato dal Royal College of Surgeons in Irlanda (RCSI), sono stati riportati i risultati del più grande studio clinico di prevenzione del cancro condotto in un periodo di 20 anni. I ricercatori hanno scoperto un nuovo trattamento che "previene significativamente" il cancro esofageo nei pazienti a rischio. Questo studio è stato descritto come un importante passo avanti nel campo della terapia del cancro negli ultimi tempi. Circa 2550 pazienti che soffrivano dell'anomalia "esofago di Barrett" sono stati seguiti per una durata di nove anni e sono state registrate le loro condizioni di salute. Questi pazienti a causa della loro condizione avevano reflusso acido e quindi erano più suscettibili al cancro e a condizioni non cancerose come la polmonite. L'obiettivo principale dello studio era quello di scoprire come evitare che questa anomalia si trasformi in cancro. Ai pazienti è stata somministrata in modo casuale una delle quattro diverse combinazioni di medicinali. Questi medicinali erano antiacido (che sopprimono gli acidi dello stomaco in generale) e aspirina. Quindi, a quattro gruppi di pazienti selezionati casualmente è stata somministrata una bassa soppressione acida, un'alta soppressione acida, una bassa soppressione acida con 300 mg di aspirina o un'alta soppressione acida con 300 mg di aspirina. Una precisa combinazione di farmaci antiacido insieme all'aspirina può prevenire efficacemente il cancro esofageo nei pazienti affetti da esofago di Barrett. La sola combinazione di farmaci antiacido ad alte dosi ha prevenuto il cancro, la morte prematura e, in una certa misura, il tasso di progresso delle cellule precancerose. Anche l'aspirina ha mostrato un certo effetto e, in modo interessante, la soppressione acida ad alte dosi e l'aspirina insieme hanno funzionato più a favore rispetto a ciascuno di questi presi da soli.

Questo è uno studio clinico caratteristico che ha mostrato elevati standard di efficacia e sicurezza. I risultati di questo studio sono significativi. Meno dell'1% dei pazienti ha subito effetti avversi gravi da questi farmaci, il che è straordinario. Questo è un nuovo approccio alla prevenzione del cancro del tubo alimentare e questo potrebbe essere un punto di svolta per il campo del cancro esofageo.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Jankowski JAZ et al 2018. Esomeprazolo e aspirina nell'esofago di Barrett (AspECT): uno studio fattoriale randomizzato. The Lancet. 392 (10145). https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31388-6

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Ansia: la polvere e l'estratto di tè Matcha mostrano la promessa

Gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta gli effetti di...

Ricordando Stephen Hawking

''Per quanto possa sembrare difficile la vita, c'è sempre qualcosa...
- Annuncio pubblicitario -
98,960FanMi Piace
64,252SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi