PUBBLICITA

Un candidato farmaco antivirale ad ampio spettro

MEDICINAUn candidato farmaco antivirale ad ampio spettro

Uno studio recente ha sviluppato un nuovo potenziale farmaco ad ampio spettro per il trattamento delle infezioni da Herpes Simplex Virus-1 e possibilmente altri virus sia nei nuovi pazienti che nei pazienti che hanno ottenuto resistenza ai farmaci dai farmaci disponibili

L'approccio terapeutico tradizionale in medicina ha sempre seguito il paradigma "un insetto-un-farmaco" in cui un farmaco (o più farmaci) prende di mira solo un particolare organismo che causa la malattia nel corpo. I ricercatori stanno cercando di adottare l'approccio alternativo di uno droga che potrebbe colpire più bug - ampio spettro medicinali che possono colpire più organismi che causano malattie. Oggi sono disponibili molti antibiotici ad ampio spettro che agiscono contro un'ampia gamma di batteri e funghi che causano malattie. Tali antibiotici ad ampio spettro sono farmaci potenti e flessibili che non solo possono essere usati contro un'ampia varietà di batteri, ma potrebbero anche essere usati per trattare quelle infezioni batteriche per le quali i batteri responsabili devono ancora essere identificati. L'antibiotico ad ampio spettro più comune è l'ampicillina che può attaccare una varietà di ceppi batterici.

Simile agli antibiotici, ad ampio spettro farmaci antivirali avrà una strategia per colpire diversi tipi di virus. Adottando questo approccio per gli antivirali, i ricercatori devono identificare varie caratteristiche dell'ospite da cui i virus "dipenderanno" per il loro ciclo di vita. I virus sono profondamente diversi dai batteri e poiché i virus dirottano il nostro macchinario cellulare è più difficile interrompere la crescita virale senza causare interruzioni nella funzione delle cellule umane. Ma poiché una varietà di virus sfrutta la stessa funzione dell'ospite, un farmaco antivirale ad ampio spettro può "privare" il virus di qualsiasi accesso alla funzione dell'ospite, uccidendo così il virus, indipendentemente dal virus. Molti antivirali hanno fallito nel corso degli anni perché i virus sono diversi dai batteri poiché mutano molto più velocemente. Un farmaco antivirale che viene sviluppato dopo anni di travaglio ha generalmente una durata di conservazione molto limitata e tali antivirali hanno una portata di attacco ristretta per cominciare perché attaccano solo un particolare virus. A partire dal 2018, i farmaci non sono ancora disponibili per molti virus, ad esempio Ebola. Un antivirale ad ampio spettro forte, sicuro e praticabile potrebbe colpire un meccanismo ospite e uccidere una varietà di virus.

Secondo l'OMS, circa 3.7 miliardi di persone in tutto il mondo sotto i 50 anni sono infettate dal virus dell'herpes simplex 1 (HSV-1). L'HSV-1 è un'infezione virale contagiosa molto comune che persiste per tutta la vita anche se acquisita durante l'infanzia o l'adolescenza. Questo virus infetta principalmente la bocca e gli occhi, ma a volte anche i genitali. Come la maggior parte delle infezioni virali, si diffonde facilmente ed è estremamente difficile prevenirlo. Pochi farmaci disponibili per il trattamento di queste infezioni hanno successo in larga misura, tuttavia il virus è emerso con ceppi resistenti ai farmaci soprattutto dopo un uso a lungo termine poiché la maggior parte di questi farmaci segue un approccio terapeutico comune.

Nuova terapia per l'infezione da HSV-1

L'infezione dell'occhio può essere temporaneamente eliminata utilizzando farmaci antivirali disponibili, ma si osserva che l'infiammazione della cornea, lo strato esterno del bulbo oculare, persiste indefinitamente portando ad altre condizioni come il glaucoma e la cecità a causa dell'uso eccessivo di farmaci steroidei. I farmaci attualmente in commercio, chiamati analoghi nucleosidici, impediscono al virus di produrre una proteina cruciale per la replicazione e la crescita del virus. Tuttavia, la resistenza ai farmaci è un aspetto importante ei pazienti che sviluppano resistenza a questi analoghi hanno opzioni molto limitate per trattare l'infezione da HSV-1. In un recente studio pubblicato su Science Translational Medicine, i ricercatori hanno identificato una piccola molecola di farmaco che elimina l'infezione da HSV-1 nelle cellule della cornea funzionando in modo molto diverso rispetto ai farmaci disponibili, rendendolo un promettente farmaco alternativo contro l'HSV-1.

La piccola molecola del farmaco – chiamata BX795 – elimina l'infezione nelle cellule corneali umane (coltivate in laboratorio) e anche nelle cornee di topi infetti. BX795 segue un nuovo modo in cui agisce sulle cellule ospiti per eliminare l'infezione virale. Questa molecola è un noto inibitore di un enzima TBK1 che è coinvolto nell'immunità nell'ospite, o più specificamente nell'immunità innata e nella neuroinfiammazione. È stato stabilito in precedenza che il deficit parziale di TBK1 provoca disordini neuroinfiammatori o neurodegenerativi. Nello studio attuale, quando questo enzima è stato soppresso, l'infezione virale è aumentata. Tuttavia, d'altra parte, è stato osservato che concentrazioni più elevate di BX795 eliminano l'infezione da HSV-1 nelle cellule. BX795 agisce mirando alla via di fosforilazione dell'AKT nelle cellule infette, bloccando così la sintesi proteica virale. È noto che HSV-1 attiva la via AKT per manipolare la sintesi proteica e supportare l'ingresso e la replicazione virale. Nel complesso, erano necessarie concentrazioni inferiori di questa molecola per eliminare l'infezione rispetto agli analoghi nucleosidici. Nessuna tossicità o altri effetti erano visibili nelle cellule non infette. Gli autori affermano che negli studi è stata utilizzata una versione topica del dosaggio e stanno formulando un dosaggio orale simile.

BX795 può essere utilizzato per colpire altre infezioni virali?

La domanda importante su cui riflettere è se un approccio terapeutico simile può essere applicato ad altre infezioni virali critiche come l'HSV-2 (virus dell'herpes simplex 2) o persino l'HIV (virus dell'immunodeficienza umana). Poiché la maggior parte dei virus segue un percorso comune per replicarsi all'interno di una cellula ospite e BX795 prende di mira tale percorso, questo potrebbe essere un nuovo tipo di antivirale ad ampio spettro che potrebbe essere utilizzato anche per trattare altre infezioni virali. Ad esempio, le infezioni da papillomavirus umano (HPV) potrebbero essere prese di mira in modo simile bloccando la fosforilazione di AKT nelle cellule ospiti, essenziale per la propagazione dell'HPV.

È fondamentale tradurre gli studi di laboratorio sui farmaci ad ampio spettro in test sugli animali. Anche il nostro corpo è pieno di virus benefici (forse trilioni) che possono essere essenziali per la nostra salute, inclusi alcuni virus che infettano i microbi e un antivirale ad ampio spettro potrebbe privare anche questi buoni virus. Tuttavia, sono necessari antivirali alternativi ad ampio spettro poiché la resistenza ai farmaci sta diventando un problema globale e per molti virus i farmaci non sono disponibili. Questa scoperta sembra promettente per i nuovi pazienti e per i pazienti che hanno sviluppato resistenza ai farmaci disponibili. Ulteriori ricerche possono stabilire l'esatto potenziale di questa nuova molecola di farmaco.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Jaishankar et al. 2018. Un effetto fuori bersaglio di BX795 blocca l'infezione dell'occhio di tipo 1 da virus herpes simplex. Science Translational Medicine. 10 (428). https://doi.org/10.1126/scitranslmed.aan5861

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

In che modo il cambiamento climatico ha influenzato il clima del Regno Unito 

'State of the UK Climate' viene pubblicato ogni anno da...

PHILIP: Rover a motore laser per esplorare crateri lunari super-freddi per l'acqua

Anche se i dati degli orbiter hanno suggerito la presenza di acqua...

Dispositivi elettronici pieghevoli e pieghevoli

Gli ingegneri hanno inventato un semiconduttore fatto da un sottile...
- Annuncio pubblicitario -
99,031FanMi Piace
64,260SeguaciSegui
6,168SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi