PUBBLICITA

L'approccio "moderato" alla nutrizione riduce i rischi per la salute

SALUTEL'approccio "moderato" alla nutrizione riduce i rischi per la salute

Diversi studi dimostrano che l'assunzione moderata di diversi componenti della dieta è meglio associata a un minor rischio di morte

I ricercatori hanno formulato i dati di un importante studio globale: lo studio Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE)1 analizzare la relazione tra nutrizione e malattia. Hanno seguito circa 135,000 partecipanti provenienti da 18 paesi (basso, medio e alto reddito) in cinque continenti. Lo studio ha preso nota della dieta delle persone e le ha seguite per una media di 7.4 anni.

Lo studio ha scoperto che un'elevata assunzione di carboidrati era associata ad un aumentato rischio di morte. Nella credenza popolare, si è sempre discusso sul fatto che il consumo di una maggiore quantità di grassi alimentari (grassi saturi, polinsaturi e monoinsaturi) sia associato a un minor rischio di morte rispetto a un'assunzione inferiore. Tuttavia, i grassi totali o individuali non erano associati al rischio di attacchi di cuore o di qualsiasi tipo importante di malattia cardiovascolare. Tuttavia, d'altra parte, lo studio ha anche scoperto che una dieta ricca di carboidrati è correlata a una mortalità più elevata sebbene con un minor rischio di malattie cardiovascolari.

Non sarebbe esagerato affermare che questo studio in Lancetta mette decisamente in discussione le credenze e le opinioni convenzionali sui grassi alimentari e sui rispettivi risultati clinici. I risultati dello studio potrebbero apparire "sorprendenti" in quanto mostrano un'immagine molto diversa delle possibilità se visti nel contesto di studi precedenti. Nonostante questi pensieri, i ricercatori chiariscono che questi nuovi risultati sono molto coerenti con diversi studi e studi randomizzati che sono stati condotti nei paesi sviluppati negli ultimi due decenni circa.

Nei paesi in via di sviluppo (in particolare dell'Asia meridionale), lo studio ha rilevato che qualsiasi diminuzione dell'assunzione di grassi nella dieta porta automaticamente a un aumento del consumo di carboidrati. I ricercatori spiegano che questo aumento dei carboidrati ma non dei grassi stava contribuendo a tassi di mortalità più elevati nell'Asia meridionale.

È interessante notare che le linee guida dietetiche in tutto il mondo si sono concentrate principalmente sulla riduzione del grasso giornaliero complessivo a meno del 30% dell'apporto calorico giornaliero e dei grassi saturi a meno del 10% dell'apporto calorico. Questo si basa sulla consapevolezza che la riduzione dei grassi (in particolare dei grassi saturi) dovrebbe ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Queste linee guida sono state sviluppate più di 40 anni fa e da allora il consumo complessivo di grassi è diminuito anche nei paesi occidentali. Tuttavia, gli autori sottolineano che questi apprendimenti e linee guida precedentemente riportati non sempre tengono conto di come i grassi saturi vengono sostituiti nella dieta che è ovviamente fortemente influenzata dalla posizione geografica e anche dalla demografia sociale e culturale.

Un altro rapporto PURE correlato pubblicato contemporaneamente su Lancet2 ha valutato il consumo globale di frutta, verdura e legumi e la sua relazione con la mortalità, gli infarti e le malattie. Mentre lo studio ha riscontrato un effetto benefico nell'aumentare il consumo di frutta, verdura e legumi, il massimo beneficio è stato riscontrato da tre a quattro porzioni al giorno (o un totale di 375-500 grammi) soprattutto se consumati crudi che cotti e senza ulteriori trarre vantaggio dal consumare di più. Questa rilevanza ha acquisito poiché le verdure e soprattutto la frutta sono un alimento costoso e quindi inaccessibile alla popolazione più ampia nelle regioni dell'Asia e dell'Africa. Pertanto, un obiettivo di almeno tre porzioni al giorno sembra realizzabile e conveniente. Ciò fa riflettere poiché la maggior parte delle linee guida dietetiche ha sempre raccomandato un minimo di cinque porzioni giornaliere e inoltre non ha fatto distinzioni tra i benefici delle verdure crude rispetto a quelle cotte. Gli autori sottolineano che gli studi che hanno accreditato cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura per una diminuzione rischio di malattie cardiovascolari, sono stati effettuati principalmente nei paesi sviluppati.

I legumi tra cui fagioli, piselli, lenticchie, ceci, ecc. sono consumati abitualmente da molte popolazioni dell'Asia meridionale, dell'Africa e del Sud America. È stato scoperto che mangiare una sola porzione al giorno riduce decisamente il rischio di malattie cardiovascolari e morte. Poiché i legumi non sono comunemente consumati in Europa o in Nord America, sostituire gli amidi come la pasta o il pane bianco con più legumi sarebbe una promettente trasformazione della dieta nei paesi sviluppati.

Un terzo studio finale in The Lancet Diabetes and Endocrinology3 dallo stesso gruppo di ricercatori ha esaminato l'impatto di grassi e carboidrati sui lipidi nel sangue e sulla pressione sanguigna. Hanno scoperto che l'LDL (il cosiddetto colesterolo 'cattivo') non è affidabile nel prevedere gli effetti dei grassi saturi sui futuri eventi cardiovascolari. Invece, il rapporto di 2 proteine ​​organizzatrici (ApoBand ApoA1) nel sangue offre la migliore indicazione dell'impatto dei grassi saturi sul rischio cardiovascolare del paziente.

Lo studio PURE ha incluso popolazioni provenienti da varie regioni geografiche che non sono state studiate prima (soprattutto Asia meridionale e Africa) e la diversità delle popolazioni valutate in questo studio rafforza i dati sugli alimenti che potenzialmente riducono il rischio di malattia. Gli autori sottolineano che “moderazione” nella maggior parte degli aspetti della dieta dovrebbe essere l'approccio preferito, in contrasto con le nozioni popolari di avere assunzioni molto basse o molto alte della maggior parte dei nutrienti. L'idea di "moderazione” diventa estremamente rilevante poiché l'inadeguatezza nutrizionale è una sfida più grande nei paesi in via di sviluppo rispetto agli eccessi nutrizionali nei paesi sviluppati. I risultati di questo studio sono applicabili a livello globale e hanno il potenziale di proporre una "riconsiderazione" di nutrizione politiche basate su condizioni socio-economiche.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Dehghan Met al 2017. Associazioni dell'assunzione di grassi e carboidrati con malattie cardiovascolari e mortalità in 18 paesi dei cinque continenti (PURE): uno studio di coorte prospettico. The Lancethttps://doi.org/10.1016/S0140-6736(17)32252-3

2. Yusuf S et al 2017. Consumo di frutta, verdura e legumi, malattie cardiovascolari e decessi in 18 paesi (PURE): uno studio di coorte prospettico. The Lancethttps://doi.org/10.1016/S0140-6736(17)32253-5

3. Mente A et al 2017. Associazione di nutrienti alimentari con lipidi nel sangue e pressione sanguigna in 18 paesi: un'analisi trasversale dello studio PURE. The Lancet Diabetes & Endocrinology. 5 (10). https://doi.org/10.1016/S2213-8587(17)30283-8

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

SARS-CoV-2: quanto è seria la variante B.1.1.529, ora denominata Omicron

La variante B.1.1.529 è stata segnalata per la prima volta all'OMS da...
- Annuncio pubblicitario -
99,031FanMi Piace
64,260SeguaciSegui
6,168SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi