PUBBLICITA

La prima immagine in assoluto de L'ombra di un buco nero

Gli scienziati sono riusciti a scattare per la prima volta la foto dell'ombra di un a buco nero fornendo l'osservazione diretta del suo ambiente immediato

Immagine tratta da “EHTC, ​​Akiyama K et al 2019, 'First M87 Event Horizon Telescope Results. I. L'ombra del supermassiccio Buco nero', The Astrophysical Journal Letters, vol. 875, n. L1."

Il super-massiccio buchi neri furono previsti per la prima volta da Einstein nel 1915 nella sua Teoria della Relatività Generale quando dimostrò che la gravità piega la luce. Da allora ci sono stati molti sviluppi ma mai alcuna prova diretta. Gli scienziati sono stati in grado di rilevarli solo indirettamente. La prima vera immagine dell'ombra di un super massiccio buco nero è stato ora catturato fornendo la prima prova diretta della loro presenza, grazie a ”The Event Horizon Telescopio Collaborazione".

L' buchi neri sono masse estremamente compresse in una regione molto piccola. La sua gravità è così elevata che nulla sfugge se si avvicina troppo al suo confine. IL Event Horizon è il confine attorno a buco nero che segna ciò che è dentro e ciò che è fuori. Una volta che qualcosa attraversa questo confine, viene inghiottito e non potrà mai uscire. Buchi neri ingoiano tutta la luce quindi sono invisibili e non possono essere visti o raffigurati.

L'intensa gravità di buco nero attrae e trascina su di sé il gas interstellare sempre più velocemente. Questo riscalda enormemente il gas e viene emessa radiazione luminosa. Queste emissioni vengono deformate in un anello circolare dalla gravità del buco nero.

A buco nero esso stesso è invisibile ma si potrebbe immaginare la sua ombra contro la nube di gas surriscaldato che lo circonda.

Buchi neri la presenza non è stata osservata direttamente fino ad ora, principalmente a causa di ciò buchi neri sono obiettivi estremamente piccoli per i disponibili radio telescopi che non erano sufficientemente capaci di osservare il loro orizzonte degli eventi. Osservando buchi neri aveva direttamente bisogno di costruire un ingegnoso telescopio praticamente delle dimensioni della Terra.

Ci sono voluti circa un decennio per organizzare una rete di telescopi chiamata "Event Horizon Telescope" che copriva la faccia della Terra e combinava otto telescopi separati in Messico, Arizona, Hawaii, Cile e Polo Sud. Tutti gli otto piatti del telescopio dovevano essere collegati e puntati verso buco nero esattamente nello stesso momento. I segnali ricevuti dai telescopi sono stati combinati da un correlatore (un super computer) per dare un'immagine dell'orizzonte degli eventi del pianeta. buco nero.

Il successo di questo esperimento è una svolta significativa in astronomia.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. EHTC, ​​Akiyama K et al 2019. Primi risultati del telescopio Event Horizon M87. I. L'ombra del buco nero supermassiccio'. Le lettere del giornale astrofisico, 875 (L1) https://doi.org/10.3847/2041-8213/ab0ec7

2. Istituto Max Planck per radio Astronomia, 2019. Prima immagine in assoluto di un buco nero. Recuperato da https://www.mpg.de/13337404/first-ever-picture-of-black-hole

3. BlackHoleCam, 2019. IMMAGINANDO L'ORIZZONTE DELL'EVENTO DEI BUCHI NERI, Estratto da https://blackholecam.org/

4. Commissione europea – Comunicato stampa, 2019. Scienziati finanziati dall'UE svelano la prima immagine in assoluto di un buco nero. Recuperato da http://europa.eu/rapid/press-release_IP-19-2053_en.htm

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Un passo più vicino al computer quantistico

Serie di scoperte nell'informatica quantistica Un normale computer, che...

CD24: un agente antinfiammatorio per il trattamento dei pazienti COVID-19

I ricercatori del Tel-Aviv Sourasky Medical Center hanno completato con successo la fase...

BrainNet: il primo caso di comunicazione diretta "da cervello a cervello"

Gli scienziati hanno dimostrato per la prima volta che una persona multipla...
- Annuncio pubblicitario -
94,074FanCome
47,562SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi