PUBBLICITA

Barriere linguistiche per "parlanti inglesi non nativi" nella scienza 

Gli anglofoni non nativi devono affrontare diversi ostacoli nello svolgimento delle attività scienza. Sono svantaggiati nel leggere articoli in inglese, scrivere e correggere manoscritti e preparare e fare presentazioni orali a conferenze in inglese. Con uno scarso sostegno disponibile a livello istituzionale e sociale, i non madrelingua inglesi sono costretti a superare questi svantaggi nel costruire la propria carriera scientifica. Dato che il 95% della popolazione mondiale non è di madrelingua inglese e in generale popolazione è la fonte dei ricercatori, è imperativo affrontare le questioni che questi ultimi affrontano nella conduzione di attività scientifiche perché la scienza non può permettersi di perdere contributi da un bacino così ampio e non ancora sfruttato. Utilizzo di AI-based Gli strumenti potrebbero ridurre le barriere linguistiche per i “non madrelingua inglesi” nell’educazione scientifica e nella ricerca fornendo traduzioni e correzioni di bozze di buona qualità. Scientifico Europeo utilizza uno strumento basato sull'intelligenza artificiale per fornire traduzioni di articoli in oltre 80 lingue. Le traduzioni potrebbero non essere perfette, ma se lette con l'articolo originale in inglese, facilitano la comprensione e l'apprezzamento dell'idea. 

La scienza è forse il “filo comune” più significativo che unifica le società umane tormentate da faglie ideologiche e politiche. Le nostre vite e i nostri sistemi fisici sono in gran parte basati su scienza e tecnologia. Il suo significato va oltre le dimensioni fisiche e biologiche. È più di un semplice insieme di conoscenze; la scienza è un modo di pensare. E abbiamo bisogno di un linguaggio per pensare, per accedere e scambiare idee e informazioni e per diffondere i progressi scienza. Ecco come scienza progredisce e porta avanti l’umanità.  

Per ragioni storiche, l'inglese è emerso come lingua franca per persone di molti gruppi etnici diversi e mezzo di educazione scientifica e ricerca in molti paesi. C'è una ricca base di conoscenze e risorse in inglese sia per le "persone nella scienza" che per il "pubblico generale con mentalità scientifica". In generale, l'inglese ha funzionato bene nel collegare le persone e diffondere la scienza.  

Come madrelingua inglese di una piccola città, ricordo di aver fatto sforzi extra durante i miei giorni al college per comprendere libri di testo in lingua inglese e letterature scientifiche. Mi ci sono voluti diversi anni di formazione universitaria per essere a mio agio con l'inglese. Pertanto, sulla base della mia esperienza personale, ho sempre pensato che i non madrelingua inglese in ambito scientifico debbano fare uno sforzo in più per essere alla pari con i madrelingua inglesi in termini di capacità di comprendere documenti di ricerca pertinenti e comunicare in modo efficace attraverso manoscritti scritti e presentazioni orali in seminari e conferenze. Un sondaggio pubblicato di recente fornisce prove sostanziali a sostegno di ciò.  

In uno studio pubblicato su PLOS il 18th Nel luglio 2023, gli autori hanno intervistato 908 ricercatori in ambientale scienze per stimare e confrontare la quantità di sforzo necessario per condurre attività scientifiche in inglese tra ricercatori provenienti da paesi diversi e con background linguistici ed economici diversi. Il risultato ha mostrato un livello significativo di barriera linguistica per gli anglofoni non nativi. I non madrelingua inglesi hanno bisogno di più tempo per leggere e scrivere un articolo. Richiedono maggiori sforzi per correggere le bozze di un manoscritto. È più probabile che i loro manoscritti vengano rifiutati dalle riviste a causa della scrittura in inglese. Inoltre, devono affrontare grossi ostacoli nella preparazione e nella realizzazione di presentazioni orali in seminari e conferenze condotte in inglese. Lo studio non ha preso in considerazione lo stress mentale, le opportunità perse e i casi di coloro che hanno abbandonato gli studi a causa della barriera linguistica, pertanto le conseguenze complessive sui non madrelingua inglesi saranno probabilmente più gravi di quelle rilevate da questo studio. In assenza di qualsiasi sostegno istituzionale, spetta ai non madrelingua inglesi compiere ulteriori sforzi e investimenti per superare le barriere e costruire carriere nella scienza. Lo studio raccomanda la fornitura di supporto linguistico a livello istituzionale e sociale per ridurre al minimo gli svantaggi per i non madrelingua inglesi. Dato che il 95% della popolazione mondiale non è di madrelingua inglese e che la popolazione generale è la fonte ultima di ricercatori, è imperativo fornire supporto a livello istituzionale e sociale. La società non può permettersi di perdere i contributi scientifici provenienti da un bacino così ampio e non ancora sfruttato1.  

L'intelligenza artificiale (AI) è uno sviluppo scientifico che ha il potenziale per affrontare alcuni dei problemi importanti affrontati da persone di madrelingua inglese a costi molto bassi. Sono ora disponibili in commercio molti strumenti di intelligenza artificiale che forniscono traduzioni neurali di buona qualità in quasi tutte le lingue. È anche possibile correggere le bozze dei manoscritti utilizzando strumenti di intelligenza artificiale. Questi possono ridurre la quantità di sforzi e costi nelle traduzioni e nella correzione di bozze.  

Per comodità di lettori e lettori non madrelingua inglese, Scientifico Europeo utilizza uno strumento basato sull'intelligenza artificiale per fornire una traduzione neurale di buona qualità di articoli in oltre 80 lingue che coprono quasi l'intera umanità. Le traduzioni potrebbero non essere perfette, ma se lette con l'articolo originale in inglese, la comprensione e l'apprezzamento dell'idea diventano facili. In qualità di rivista scientifica, Scientific European è orientata a divulgare sviluppi significativi nella scienza e nella tecnologia a lettori generici con una mentalità scientifica, in particolare giovani menti, molti dei quali sceglieranno una carriera nel campo della scienza in futuro.  

*** 

Fonte:  

  1. Amano T., et al 2023. I molteplici costi di essere un non madrelingua inglese nella scienza. PLOS. Pubblicato: 18 luglio 2023. DOI: https://doi.org/10.1371/journal.pbio.3002184  

*** 

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Giornalista scientifico | Editore fondatore della rivista scientifica europea

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Drug De Addiction: nuovo approccio per frenare il comportamento di ricerca di droga

Uno studio rivoluzionario mostra che il desiderio di cocaina può avere successo...

COVID-19: la sottovariante JN.1 ha una maggiore trasmissibilità e capacità di fuga immunitaria 

La mutazione Spike (S: L455S) è la mutazione caratteristica di JN.1...

Una pillola unica per trattare il diabete di tipo 2

Un rivestimento temporaneo che imita gli effetti dello stomaco...
- Annuncio pubblicitario -
94,247FanCome
47,616SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi