PUBBLICITA

Immortalità: caricare la mente umana sui computer?!

L'ambiziosa missione di replicare il umano cervello su un computer e raggiungere l’immortalità.

Numerose ricerche dimostrano che potremmo immaginare un futuro in cui un numero infinito di gli esseri umani possono caricare le loro menti sul computer avendo così una vita reale dopo la morte e realizzando risultati immortalità.

Abbiamo la capacità di realizzare il umano razza immortale?

Ogni umano l'essere completa la durata della vita subendo un costante processo di invecchiamento, che inizia dalla nascita e infine porta alla morte. L'invecchiamento è un processo naturale e inevitabile in cui le cellule viventi del nostro corpo iniziano a degenerare man mano che invecchiamo. Quindi, il umano la specie ha una durata di vita "limitata" e ogni umano vivrà in media 80 anni. Tuttavia, non è insolito che gli esseri umani 'volere essere' o meglio 'desiderare' di 'vivere per sempre' ed essere immortale. L'immortalità è stata etichettata come una questione di finzione e un tratto che in molte culture è posseduto da spiriti e dei. Le persone hanno sempre immaginato possibilità che vanno oltre i limiti dei loro corpi biologici, una vita ultraterrena e nessuna paura della morte.

Attualmente sono in corso molte ricerche per capire se questa fantascienza può essere trasformata in realtà. Si ritiene che l'impensabile possa essere realizzabile e che la scienza possa fornire una soluzione futuristica per farlo gli esseri umani evolvere oltre la loro forma fisica ed esistenza. Un recente immortalità la ricerca ha dimostrato che l'implementazione di determinate idee può estendere il umano vita a circa mille anni1. In questo studio pubblicato su Plos One gli scienziati hanno dettagliato come sono riusciti a produrre uno schema molto simile alle fluttuazioni nel cervello, suggerendo che porzioni considerevoli di immagini post mortem umano il cervello potrebbe conservare determinate capacità attraverso le quali può ancora rispondere.

Attraverso la sua iniziativa 20452Lo sostiene il miliardario russo Dmitry Itskov gli esseri umani raggiungeranno l'immortalità digitale caricando le loro menti sui computer e rimanendo così in vita per sempre trascendendo la necessità di a biologico corpo. Sta lavorando insieme a una rete di scienziati tra cui neuroscienziati ed esperti di computer per sviluppare ciò che viene definito "immortalità cibernetica”, entro i prossimi decenni (o entro il 2045). Lui e il suo team hanno proposto di creare un "avatar" nei prossimi cinque anni in cui l'intero umano il cervello può essere trapiantato dopo la morte. Gli avatar saranno robot che saranno controllati dalla mente e continueranno a inviare feedback al cervello attraverso un'efficiente interfaccia cervello-computer. Questo avatar potrebbe memorizzare un file umano personalità fino al 2035 circa e entro il 2045 sarebbe disponibile un avatar ologramma. Itskov, etichettato come “transumanista”, sostiene che una volta realizzata questa perfetta mappatura del umano cervello e il trasferimento della coscienza nel computer diventa un successo, qualunque umano può vivere più a lungo come corpo robotico umanoide o come ologramma. Ray Kurzwell, direttore tecnico di Google Inc., ha anche coraggiosamente sottolineato che "umano la razza trascenderà ad un'entità non biologica per la quale la parte biologica non è più importante”.

Il umano la mente può essere immortale?

Il mente umana è una raccolta di diverse capacità cognitive che includono coscienza, subconscio, percezione, giudizio, pensieri, linguaggio e memoria. Dal punto di vista tecnologico, rendere immortale la propria mente non è così irragionevole come sembra, perché la mente umana è semplicemente un software e il cervello il suo hardware. Il cervello quindi trasforma gli input (i dati sensoriali) in output (il nostro comportamento) attraverso calcoli proprio come il computer. Questo punto è l'inizio dell'argomento teorico per il caricamento della mente. È stato descritto come mappare il connettoma – le complesse connessioni di tutti i neuroni in un cervello – che contengono la chiave della mente umana. Se questo processo potesse essere accuratamente mappato, allora il cervello potrebbe essere tecnicamente "copiato" su un computer insieme alla "mente" dell'individuo. La materia della nostra mente (i neuroni) potrebbe essere trasferita a una macchina e cancellata dal cervello mentre la mente avrà ancora la continuità dell'esperienza che tipicamente definisce l'individualità di un essere umano. Secondo molti neuroscienziati, il connettoma potrebbe essere molto probabilmente implementato in una simulazione al computer che controlla un corpo robotico al di fuori dei nostri corpi fisici.

Tuttavia, per essere onesti e realistici, questa è una sfida molto più grande di quanto appaia, soprattutto nel contesto della tecnologia esistente e dell'ulteriore complicazione dovuta al fatto che ci sono trilioni di connessioni tra circa 86 miliardi di neuroni in un cervello umano e questi neuroni cambiare costantemente la loro attività. La "mappatura" di tutte queste connessioni con la tecnologia attuale può essere eseguita solo su un cervello morto e sezionato. se non del tutto. Inoltre, la maggior parte del numero e del tipo di interazioni a livello molecolare del cervello non sono ancora completamente comprese. Inoltre, la simulazione di uno o più aspetti del cervello potrebbe essere realizzabile, ma ciò non può permetterci di emulare il cervello collettivamente, ovvero la "mente", anche con la potenza di calcolo più veloce disponibile.

Il dibattito

Il campo dell'ingegneria neurale sta facendo progressi significativi verso la modellazione del cervello e lo sviluppo di tecnologie per essere in grado di ripristinare o sostituire alcuni dei suoi biologico funzioni. Il caricamento della mente è un obiettivo molto ambizioso e nella comunità scientifica si sta discutendo molto sull'idea centrale se le complessità dell'essere umano cervello può anche essere replicato in una macchina. Molti fisici non sono d’accordo con l’interpretazione del cervello semplicemente come un computer e definiscono piuttosto la coscienza umana come fenomeni quantomeccanici che derivano dalla universo. Inoltre, il cervello umano possiede una complessità dinamica che ci fornisce vari sentimenti ed emozioni in diversi momenti del tempo e trasferire la mente conscia e subconscia è molto più complesso e impegnativo.

È interessante notare che gli scienziati che fanno parte di questa ricerca sulla trascendenza sono sicuri di "cosa" devono fare per raggiungere questo obiettivo, ma non sono chiari su "come" nel tempo presente e sulla tecnologia disponibile. La sfida fondamentale è essere in grado di viaggiare con precisione da un substrato fisico di cellule che sono collegate all'interno di questo meraviglioso organo - il nostro cervello - al nostro mondo mentale che comprende i nostri pensieri, ricordi, sentimenti ed esperienze. 'Immortalità umana' rimane il più grande dibattito stimolante dell'esistenza umana. Se abbiamo la capacità di rendere immortale la razza umana, significa che dovremmo farlo? Ciò significherebbe che nel 2045 l'intera razza umana composta da più di otto miliardi di persone avrebbe questo incredibile potere a portata di mano per rendersi immortale. La crioconservazione è considerata un piano B per rendere indefinita la durata della vita e non permettere alle persone di continuare a morire, fino a quando non sarà possibile scaricare il cervello umano nei prossimi due decenni. Questo processo prevede il congelamento di cellule viventi, tessuti, organi o addirittura interi corpi (dopo la morte) a basse temperature per prevenirli e proteggerli dal decadimento. La premessa di base è che una volta effettuata questa conservazione per un periodo di tempo indefinito, potremmo riportarli in vita ed essere in grado di curarli per le condizioni mediche (che li avevano uccisi) in un arco di tempo piuttosto futuro quando la medicina e la scienza sarebbe progredita molto più avanti di quanto non fosse al momento dell'effettiva conservazione. Tenendo presenti tutte le osservazioni e le speculazioni che vengono fatte, gli scienziati di tutto il mondo commentano che le priorità scientifiche dell'umanità dovrebbero consistere nel fare scelte sensate sulla generazione di tecnologie per risolvere i nostri problemi attuali molto reali. E speculare sul caricamento del cervello, così com'è, suona come una lattina di vermi, molto deviante dal nostro futuro.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Rouleau Net et al. 2016. Quando è morto il cervello? Risposte elettrofisiologiche viventi ed emissioni di fotoni da applicazioni di neurotrasmettitori in cervelli umani post-mortem fissi. PLoS One. 11 (12). https://doi.org/10.1371/journal.pone.0167231

2. L'iniziativa 2045: http://2045.com. [Accesso al 5 febbraio 2018].

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Uso potenziale di nuovi farmaci GABA-targeting nel disturbo da uso di alcol

Uso dell'agonista GABAB (GABA tipo B), ADX71441, in preclinico...

Il DNA può essere letto sia in avanti che all'indietro

Un nuovo studio rivela che il DNA batterico può essere...

Sfruttare la biocatalisi per produrre bioplastiche

Questo breve articolo spiega cos'è la biocatalisi, la sua importanza...
- Annuncio pubblicitario -
94,340FanCome
47,641SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi