PUBBLICITA

Abbiamo trovato la chiave della longevità negli esseri umani?

SCIENZEBIOLOGIAAbbiamo trovato la chiave della longevità negli esseri umani?

Una proteina cruciale responsabile della longevità è stata identificata per la prima volta nelle scimmie

Sono in corso numerose ricerche nel campo dell'invecchiamento poiché è essenziale comprendere le basi genetiche dell'invecchiamento per essere in grado di comprendere come ritardare l'invecchiamento e curare le malattie legate all'età. Gli scienziati hanno scoperto una proteina chiamata SIRT6 che controlla l'invecchiamento nei roditori. E' possibile che questo possa influenzare anche lo sviluppo nei primati non umani. Nel 1999, la famiglia di geni Sirtuin e le loro proteine ​​omologhe, inclusa SIRT6, sono state collegate con longevità nel lievito e successivamente nel 2012 la proteina SIRT6 è stata vista essere coinvolta nella regolazione dell'invecchiamento e della longevità nei topi poiché la carenza di questa proteina ha portato a caratteristiche associate all'invecchiamento accelerato come la curvatura spinale, la colite, ecc.

L'utilizzo di un modello che è evolutivamente simile all'essere umano, come un altro primate, può colmare il divario e guidarci sulla rilevanza dei risultati della ricerca per gli esseri umani. Uno studio recente1 pubblicato nella Natura è il primo lavoro in assoluto sulla comprensione del ruolo di SIRT6 nella regolazione dello sviluppo e della durata della vita in mammiferi avanzati come i primati1. Scienziati cinesi hanno bioingegnerizzato i primi macachi (scimmie) dei primati al mondo privi del gene che produce la proteina SIRT6 utilizzando la tecnologia di editing genetico basata su CRISPR-Cas9 ed esperimenti per osservare direttamente l'effetto della carenza di SIRT6 nei primati. Un totale di 48 embrioni "sviluppati" sono stati impiantati in 12 scimmie madri surrogate di cui quattro sono rimaste incinte e tre hanno dato alla luce cuccioli di scimmia quando una è stata abortita. I piccoli di macachi privi di questa proteina muoiono entro poche ore dalla nascita, a differenza dei topi che iniziano a mostrare un invecchiamento "prematuro" in circa due-tre settimane dalla nascita. A differenza dei topi, si ritiene che la proteina SIRT6 svolga un ruolo cruciale nello sviluppo embrionale nelle scimmie perché l'assenza di SIRT6 ha causato gravi ritardi e difetti nello sviluppo di tutto il corpo. I tre neonati mostravano una densità ossea inferiore, un cervello più piccolo, intestino e muscoli immaturi.

I cuccioli di scimmia hanno mostrato un grave ritardo dello sviluppo prenatale che ha portato a gravi difetti alla nascita causati dalla crescita ritardata delle cellule, ad esempio nel cervello, nei muscoli e in altri tessuti di organi. Se si osservasse un effetto simile negli esseri umani, un feto umano non crescerebbe più di cinque mesi anche se completerà i mesi non previsti nell'utero materno. Ciò sarebbe dovuto alla perdita di funzione nel gene che produce SIRT6 nel feto umano, causandone una crescita inadeguata o la morte. Lo stesso team di scienziati ha dimostrato in precedenza che la carenza di SIRT6 nelle cellule staminali neurali umane può influenzare la corretta trasformazione in neuroni. Il nuovo studio sostiene che la proteina SIRT6 è un probabile candidato per essere una "proteina della longevità umana" e potrebbe essere responsabile della regolazione dello sviluppo umano e della durata della vita.

Lo studio ha aperto nuove frontiere per comprendere le proteine ​​della longevità umana in futuro. La scoperta di proteine ​​cruciali può gettare luce sullo sviluppo umano e sull'invecchiamento e dirigere la progettazione del trattamento per i ritardi dello sviluppo, i disturbi legati all'età e le malattie metaboliche negli esseri umani. Questo studio è già stato fatto sulla scimmia, quindi c'è speranza che studi simili sugli esseri umani possano far luce su importanti proteine ​​della longevità.

L'invecchiamento rimane un enigma e un mistero per l'umanità. La ricerca sull'invecchiamento è stata spesso discussa molto più di qualsiasi altro settore a causa dell'importanza data ai giovani nella società e nella cultura. Un altro studio2 pubblicato nella Scienza ha mostrato che potrebbe non esserci nemmeno un limite naturale per la longevità negli esseri umani. Scienziati dell'Università degli Studi Roma Tre in Italia hanno eseguito un'analisi statistica sulle possibilità di sopravvivenza di circa 4000 anziani di età compresa tra i 105 anni e più e hanno affermato che all'età di 105 anni si raggiunge un 'altopiano di mortalità' che significa nessun limite alla la longevità ora esiste e dopo questa età la possibilità di vita e morte è a 50:50 cioè qualcuno potrebbe vivere molto più a lungo ipoteticamente parlando. Gli esperti medici ritengono che il rischio di morte aumenti dall'età adulta fino all'età di 80 anni circa. Sono disponibili pochissime conoscenze su ciò che accade dopo gli anni '90 e '100. Questo studio dice che la durata della vita umana potrebbe non avere alcuna soglia superiore! È interessante notare che l'Italia è uno dei paesi con il più alto numero di centenari pro capite nel mondo, quindi è un luogo perfetto, tuttavia, per generalizzare lo studio è necessario ulteriore lavoro. Questa è la migliore prova per i plateau di mortalità per età negli esseri umani quando sono emersi modelli molto interessanti. Gli scienziati vogliono capire il concetto di livellamento in dettaglio e sembra che dopo aver attraversato 90 e 100, le cellule del nostro corpo possano raggiungere un punto in cui i meccanismi di riparazione nel nostro corpo possono compensare l'ulteriore danno nelle nostre cellule. Forse un tale plateau di mortalità potrebbe persino bloccare la morte a qualsiasi età? Non c'è una risposta immediata poiché il corpo umano è progettato in modo tale da avere i propri limiti e confini. Molte cellule del nostro corpo non si replicano o si moltiplicano dopo essersi formate per la prima volta, ad esempio nel cervello e nel cuore, quindi queste cellule moriranno nel processo di invecchiamento.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Zhang W et al. 2018. La carenza di SIRT6 provoca un ritardo dello sviluppo nelle scimmie cynomolgus. Natura. 560 https://doi.org/10.1038/d41586-018-05970-9

2 Barbi E et al. 2018. L'altopiano della mortalità umana: demografia dei pionieri della longevità. Scienza. 360 (6396). https://doi.org/10.1126/science.aat3119

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

I probiotici non sono abbastanza efficaci nel trattamento dell'"influenza allo stomaco" nei bambini

Studi sui gemelli mostrano che i probiotici costosi e popolari possono...

Sfondo di onde gravitazionali (GWB): una svolta nel rilevamento diretto

L'onda gravitazionale è stata rilevata direttamente per la prima volta in...

Vaccini anti-malaria: la nuova tecnologia dei vaccini a DNA scoperta influenzerà il corso futuro?

Lo sviluppo di un vaccino contro la malaria è stato tra i più grandi...
- Annuncio pubblicitario -
98,969FanMi Piace
64,252SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi