PUBBLICITA

Un nuovo farmaco che impedisce ai parassiti della malaria di infettare le zanzare

SCIENZEBIOLOGIAUn nuovo farmaco che impedisce ai parassiti della malaria di infettare le zanzare

Sono stati identificati composti che potrebbero impedire ai parassiti della malaria di infettare le zanzare, arrestando così la diffusione della malaria.

Malaria è un fardello globale e provoca 450,000 vittime ogni anno a livello globale. I principali sintomi della malaria includono febbre alta, brividi e sintomi simil-influenzali. Un aspetto importante nell'eliminazione di un infettivo trasmissibile malattia piace malaria è impedirne la trasmissione.

La diffusione della malaria

La malaria non si trasmette attraverso il contatto da persona a persona, ma le zanzare che trasportano il parassita della malaria sono il principale trasmettitore della malattia. Il complesso ciclo di vita del parassita della malaria agisce come un ostacolo importante per il trattamento e l'arresto della trasmissione della malattia. Quando una persona viene infettata dalla malaria, nel flusso sanguigno esistono forme asessuate del parassita che causano sintomi. Tuttavia, oltre alle forme asessuate, esistono anche forme sessuali maschili e femminili che giacciono dormienti, cioè non reattive. Tali forme del parassita sono difficili da combattere usando farmaci antimalarici convenzionali rispetto alle forme asessuate che sono ben prese di mira da farmaci. Dopo aver subito un rapporto sessuale, queste forme parassitarie maschili e femminili creano nuovi parassiti asessuati "infettivi" che si raccolgono nella ghiandola salivare della zanzara, per essere trasmessi alla successiva vittima umana della malaria attraverso la puntura di mosca. Poiché i farmaci antimalarici non hanno effetto sulle forme sessuali dormienti del parassita, maturano e si moltiplicano rapidamente all'interno della zanzara e possono facilmente causare una nuova infezione. In un certo senso, i sopravvissuti che sono stati curati dalla malaria sono ancora portatori e contribuenti alla diffusione della malaria. In questo circolo vizioso più persone possono essere infettate quando vengono morsi da queste zanzare. Trovare una soluzione per fermare la diffusione della malaria è molto impegnativo.

Nuovo possibile farmaco per la malaria

Uno studio pubblicato Nature Communications si basa sull'idea che quando il parassita è all'interno della zanzara, le sue forme sessuali sono molto attive, infatti sono tipi di cellule che sono noti per replicarsi molto velocemente e quindi sono ottimi potenziali bersagli farmacologici. Anche se è molto difficile prenderli di mira con i farmaci tradizionali standard. Un team di ricercatori guidato dall'Imperial College di Londra ha fissato l'obiettivo di trovare composti che potrebbero interrompere le forme sessuali del parassita, questo può quindi inibire la creazione di forme asessuate infettive. In primo luogo hanno cercato di trovare le condizioni per imitare il coinvolgimento all'interno della zanzara che avrebbe stimolato le forme sessuali del parassita. Una volta trovate le condizioni adatte, hanno miniaturizzato questo processo per esaminarlo al microscopio. L'intero processo di ricerca delle condizioni giuste e di miniaturizzazione dell'ambiente ha richiesto diversi anni. I ricercatori hanno identificato diversi composti chimici che possono impedire in modo efficace lo sviluppo e la maturazione del parassita della malaria all'interno di una zanzara, prevenendo così l'infezione della zanzara. Hanno esaminato circa 70,000 composti per vedere l'effetto sulle forme sessuali attive dei parassiti e poi hanno individuato con successo sei composti potenti che erano attivi e sicuri e potevano inibire questa attività nelle cellule umane. Un composto di questi è già stato testato in un modello murino in cui blocca la trasmissione del parassita dai topi. Ulteriori ricerche possono determinare come funziona ciascuno di questi sei composti, il che può anche gettare più luce sul processo di trasmissione del parassita e come tali composti potrebbero essere modulati come farmaci futuri.

Questi composti sono chiamati farmaci antimalarici che possono invece "proteggere le zanzare" e quindi prevenire ulteriori viaggi infettivi dei parassiti. I farmaci antimalarici attualmente disponibili non sono molto efficienti perché i parassiti diventano resistenti ai farmaci nel tempo. Un paziente deve lottare con il trattamento. La principale trasmissione della malaria avviene nelle zanzare e questo processo è un obiettivo cruciale per la progettazione di farmaci benefici e resistenti alla resistenza. Questo potrebbe aiutare ad eliminare la malaria. Ci sono diverse sfide all'approccio poiché somministrare questi farmaci direttamente alle zanzare è quasi impossibile. Il farmaco deve essere abbastanza forte e stabile che quando viene somministrato a un essere umano, deve persistere fino a quando non viene trasferito dall'essere umano alla zanzara.

Se le zanzare, le principali portatrici del parassita della malaria, non contraggono la malaria, non possono trasmettere la malattia all'uomo. Un farmaco in grado di combinare la capacità degli antimalarici esistenti e gli aspetti di questo nuovo studio sarebbe una scelta molto potente per eliminare la malattia e sarebbe utile per intere comunità alle prese con la malaria.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Delves MJ et al. 2018. Uno schermo ad alto rendimento per i cavi di nuova generazione mirati alla trasmissione del parassita della malaria. Nature Communications. 9 (1). https://doi.org/10.1038/s41467-018-05777-2

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Ingegneria dei tessuti: un nuovo idrogel bioattivo specifico per i tessuti

Gli scienziati hanno creato per la prima volta un iniettabile...

Molnupiravir diventa il primo farmaco antivirale orale ad essere incluso nelle linee guida viventi dell'OMS...

L'OMS ha aggiornato le sue linee guida viventi sulle terapie COVID-19....

Comprensione dei gemelli sesquizigoti (semi-identici): il secondo tipo di gemellaggio non segnalato in precedenza

Il caso di studio riporta i primi rari gemelli semi-identici nell'uomo...
- Annuncio pubblicitario -
99,055FanMi Piace
64,265SeguaciSegui
6,169SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi