PUBBLICITA

Nuova comprensione della schizofrenia

SCIENZESCIENZE COMPORTAMENTALINuova comprensione della schizofrenia

Un recente studio rivoluzionario porta alla luce un nuovo meccanismo della schizofrenia

Schizofrenia è un disturbo mentale cronico che colpisce circa l'1.1% della popolazione adulta o circa 51 milioni di persone in tutto il mondo. Quando la schizofrenia è nella sua forma attiva, i sintomi possono includere deliri, allucinazioni, linguaggio o comportamento disorganizzati, difficoltà di pensiero, perdita di concentrazione e mancanza di motivazione. La schizofrenia è ormai ampiamente conosciuta ma è molto poco conosciuta e la sua causa esatta non è ancora del tutto chiara. Scienziati di tutto il mondo ritengono che una combinazione di genetica, chimica cerebrale e fattori ambientali contribuisca insieme allo sviluppo e al progresso della schizofrenia. Questi risultati sono stati stabiliti dopo aver utilizzato l'imaging avanzato per esaminare la struttura e la funzione del cervello. Inoltre, la schizofrenia non può essere prevenuta e non è disponibile alcuna cura, sebbene la ricerca stia attualmente avvenendo per sviluppare trattamenti nuovi e sicuri.

Il trattamento precoce della schizofrenia può aiutare a tenere sotto controllo i sintomi prima che si verifichino complicazioni gravi e può aiutare a migliorare l'esito a lungo termine per un paziente. Se un piano di trattamento viene seguito con cura, può aiutare a prevenire le ricadute e anche un estremo peggioramento dei sintomi. Nuove ed efficaci terapie per una diagnosi e un trattamento precoci possono sperare di essere sviluppate una volta che i fattori di rischio per la schizofrenia saranno chiari. È stato proposto per un po' di tempo che i problemi con alcune sostanze chimiche presenti in natura nel cervello, inclusi i neurotrasmettitori chiamati dopamina e glutammato, possano contribuire a schizofrenia e anche altre malattie mentali. Queste "differenze" sono state osservate negli studi di neuroimaging sul cervello e sul sistema nervoso centrale di persone affette da schizofrenia. L'esatto significato di queste differenze o cambiamenti non è ancora molto chiaro, ma indica sicuramente che la schizofrenia è un disturbo del cervello. La schizofrenia richiede un trattamento permanente e anche in quei pazienti in cui i sintomi sembrano essersi attenuati. In generale, un trattamento combinato di farmaci e terapia psicosociale può aiutare a gestire la condizione e solo nei casi più gravi può essere necessario il ricovero. Nelle cliniche con esperienza nel trattamento della schizofrenia è necessario uno sforzo di squadra da parte degli operatori sanitari. Si ritiene che la maggior parte dei farmaci antipsicotici per il trattamento della schizofrenia controllino i sintomi influenzando il neurotrasmettitore cerebrale dopamina. Sfortunatamente, molti di questi farmaci tendono a causare gravi effetti collaterali (che possono includere sonnolenza, spasmi muscolari, secchezza delle fauci e visione offuscata), rendendo i pazienti riluttanti a prendere loro e in alcuni casi le iniezioni possono essere la via scelta invece di prendere una pillola. Chiaramente, per sviluppare interventi terapeutici e farmaci per colpire e curare la schizofrenia, è importante prima capire il disturbo identificando tutti i diversi possibili meccanismi di azione.

Un nuovo meccanismo per comprendere e colpire la schizofrenia

Un recente studio condotto da neuroscienziati della Case Western Reserve University School of Medicine, USA, guidato dal Dr. Lin Mei, ha scoperto un nuovo meccanismo alla base della causa della schizofrenia. Hanno usato tecniche genetiche, elettrofisiologiche, biochimiche e molecolari per scoprire la funzione di una proteina chiamata neuregulina 3 (NRG3). Questa proteina, appartenente alla famiglia delle neureguline, ha già dimostrato di essere codificata da un gene "di rischio" in varie altre malattie mentali, inclusi i disturbi bipolari e la depressione. E se parliamo di schizofrenia, molte variazioni di questo particolare gene (che codifica per NRG3) sono considerate fattori di "maggiore rischio". Diversi studi sono stati condotti su NRG3, ma la sua funzione fisiologica esatta e dettagliata è ancora molto poco conosciuta. In questo nuovo studio pubblicato su Proceedings of National Accademia delle scienze, i ricercatori nel tentativo di scoprire la potenziale funzione di NRG3, hanno scoperto che è fondamentale per la schizofrenia e potrebbe diventare un possibile bersaglio terapeutico per curarla.

I ricercatori hanno scoperto che la proteina NRG3 sopprime principalmente un complesso proteico, che è molto essenziale per la corretta comunicazione neuronale e il funzionamento complessivamente efficiente del cervello. Il gene che codifica per NRG3 (in modo che possa svolgere efficacemente la funzione che deve) è stato disattivato nei topi in un certo numero di neuroni del cervello. In particolare, quando le mutazioni sono state indotte nei neuroni "piramidali" - che svolgono un ruolo importante nell'attivazione del cervello - i topi hanno mostrato sintomi e comportamenti in linea con la schizofrenia. I topi avevano riflessi sani e anche capacità uditive, ma mostravano un livello di attività insolito. Hanno mostrato difficoltà a ricordare (ad esempio durante la navigazione nei labirinti) e si sono anche comportati in modo timido con i topi estranei. Pertanto, era chiaro che NRG3 svolge un ruolo cruciale nella schizofrenia e anche il tipo di neuroni coinvolti è stato definito. Inoltre, i ricercatori hanno anche scoperto come funziona esattamente questa proteina NRG3 a livello cellulare. Si è visto che sostanzialmente inibisce un assemblaggio di un complesso di proteine ​​nelle sinapsi, il luogo o la giunzione in cui comunicano le cellule nervose o i neuroni. I neuroni hanno bisogno di un complesso (chiamato SNARE, abbreviazione di Soluble N-ethylmaleimide-sensitive factor activating protein receptor protein), per trasmettere tra loro neurotrasmettitori (in particolare glutammato) alle sinapsi. Le persone che soffrono di gravi malattie mentali, inclusa la schizofrenia, tendono ad avere livelli più elevati di proteina NRG3 e questi livelli più alti erano responsabili della soppressione del rilascio di glutammato, il neurotrasmettitore naturale nel cervello. Questo è stato visto in esperimenti di laboratorio che NRG3 non poteva formare il "complesso SNARE" e quindi i livelli di glutammato sono stati soppressi come risultato di ciò.

Il glutammato è abbondante nel corpo umano, ma si trova soprattutto nel cervello. È un neurotrasmettitore altamente "stimolante" o "eccitatorio" nel nostro cervello ed è molto critico per l'attivazione dei neuroni nel cervello e quindi essenziale per il nostro apprendimento, comprensione e memoria. Questo studio conclude che NRG3 è molto importante per la corretta trasmissione del glutammato nel cervello e gli squilibri del glutammato causano sintomi schizofrenici. Inoltre, la funzione qui descritta è dettagliata per la prima volta e molto unica rispetto ai ruoli precedenti descritti di questa particolare proteina NRG3 e di altre proteine ​​appartenenti alla stessa famiglia.

La terapia nel futuro

La schizofrenia è molto devastante mentale malattia che colpisce drasticamente vari ambiti della vita. Interrompe la vita quotidiana influenzando il funzionamento quotidiano, la cura di sé, le relazioni con la famiglia e gli amici e tutti i tipi di vita sociale. I pazienti non sono generalmente visti avere un particolare "episodio psicotico", ma piuttosto le prospettive di vita e gli equilibri generali ne vengono influenzati. Affrontare un disturbo mentale grave come la schizofrenia è estremamente impegnativo, sia per la persona con la condizione che per gli amici e la famiglia. La schizofrenia è considerata tra le prime 10 condizioni più invalidanti. Poiché la schizofrenia è molto complessa, anche gli effetti clinici dei farmaci variano nei diversi pazienti e generalmente non hanno successo oltre alcuni studi. Sono urgentemente necessari nuovi trattamenti terapeutici per questa condizione e questo studio ha mostrato una nuova direzione verso lo sviluppo di uno.

La proteina NRG3 può sicuramente fungere da nuovo obiettivo terapeutico per aiutare a curare la schizofrenia e forse altre malattie mentali come il bipolarismo e la depressione. Potrebbero essere progettati farmaci in grado di colpire NRG3, contribuendo così a ripristinare i livelli di glutammato in tipi specifici di neuroni e quindi a ripristinare la funzione del cervello durante la schizofrenia. Questa metodologia può essere un approccio totalmente nuovo al trattamento. Questo studio ha gettato luce su un nuovo meccanismo cellulare della schizofrenia e ha generato un'immensa speranza nel campo delle malattie mentali. Sebbene il percorso verso la scoperta e il lancio di farmaci efficaci per il trattamento sembri al momento molto lungo, la ricerca è almeno nella giusta direzione.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Wang et al. 2018. Controllo del rilascio di glutammato da neuregulina3 tramite l'inibizione dell'assemblaggio del complesso SNARE. Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienzehttps://doi.org/10.1073/pnas.1716322115

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

2-Deossi-D-Glucosio (2-DG): un farmaco anti-COVID-19 potenzialmente adatto

2-Deoxy-D-Glucose(2-DG), un analogo del glucosio che inibisce la glicolisi, ha recentemente...

Cultura Chinchorro: la più antica mummificazione artificiale dell'umanità

La più antica prova di mummificazione artificiale al mondo arriva...

Un nuovo approccio per trattare l'obesità

I ricercatori hanno studiato un approccio alternativo per regolare il sistema immunitario...
- Annuncio pubblicitario -
98,969FanMi Piace
64,252SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi