PUBBLICITA

Drug De Addiction: nuovo approccio per frenare il comportamento di ricerca di droga

SCIENZESCIENZE COMPORTAMENTALIDrug De Addiction: nuovo approccio per frenare il comportamento di ricerca di droga

Uno studio innovativo mostra che il desiderio di cocaina può essere ridotto con successo per un'efficace de-dipendenza

I ricercatori hanno neutralizzato una molecola proteica chiamata fattore stimolante il fattore stimolante le colonie di granulociti (G-CSF) che si riscontra comunemente tra i consumatori di cocaina (sia nuovi che abituali) nel sangue e cervello. Questa proteina è responsabile dell'influenza sui centri di ricompensa del cervello e quindi neutralizzare questa proteina o "spegnerla" ridurrebbe il desiderio tra i cocainomani. Lo studio pubblicato su Nature Communications è stato condotto sui topi ed è stato suggerito da professionisti medici come primo passo verso un potenziale medicazione per aiutare le persone a sconfiggere la dipendenza da cocaina.

La cocaina che crea dipendenza

La cocaina è letale droga e può causare gravi effetti sulla salute o addirittura morte improvvisa ed è anche la seconda droga illegale più trafficata al mondo. Nel mondo, circa 15-19.3 milioni di persone (equivalenti allo 0.3-0.4% della popolazione totale) fanno uso di cocaina almeno una volta all'anno. La cocaina è altamente addictive poiché è un potente stimolante e di solito la tolleranza ai farmaci può formarsi in poche dosi con un eventuale rapido droga dipendenza. La cocaina crea dipendenza psicologica e colpisce il cervello. La dipendenza dalla cocaina porta a danni a lungo termine alla salute di una persona, compreso il benessere fisico, mentale ed emotivo. La popolazione giovane (sotto i 25 anni) è la più vulnerabile alla cocaina perché provoca stimolazione temporanea ed euforia e questa età ha generalmente una maggiore propensione alla dipendenza.

Cocaina tossicodipendenza è una malattia complessa che coinvolge non solo cambiamenti nel cervello dell'utente, ma anche enormi cambiamenti in un'ampia gamma di fattori sociali, familiari e ambientali. Il trattamento della dipendenza da cocaina è molto complesso in quanto deve affrontare tutti questi cambiamenti insieme ad altri disturbi mentali concomitanti che richiedono ulteriori comportamenti o medicinale interventi. Gli approcci tradizionali per trattare la dipendenza dalla cocaina o il comportamento di ricerca generalmente includono la psicoterapia e la "terapia senza farmaci". I "programmi in 12 fasi" tradizionalmente implicano l'incoraggiamento di principi fisiologici come il coraggio, l'onestà e la compassione e anche la psicoterapia svolta parallelamente. Tuttavia, la maggior parte di tali interventi psicoterapeutici e comportamentali sono soggetti ad alti tassi di fallimento e ad un aumento delle ricadute. Questo studio condotto dal Dr. Drew Kiraly presso la Icahn School of Medicine at Mount Sinai, USA, è stato definito "eccitante" e "romanzo" perché questa è la prima volta che viene descritta un'alternativa ai normali programmi di disassuefazione. È un grande passo in una nuova direzione per controllare e cancellare la dipendenza da cocaina nei pazienti.

Un nuovo approccio alla cocaina contro la dipendenza

La proteina G-CSF è vista in grado di produrre un segnale positivo ai centri di ricompensa del cervello. I ricercatori avrebbero scoperto che quando hanno iniettato direttamente questa proteina nei centri di ricompensa del cervello dei topi (chiamati "nucleus acumbens"), c'è stato un aumento significativo del comportamento di ricerca di cocaina e del consumo complessivo di cocaina tra i topi poiché si è visto che erano fondamentalmente bramosi. Prendere di mira o neutralizzare il G-CSF può essere un approccio sicuro e alternativo per frenare questa dipendenza. È interessante notare che sono già disponibili trattamenti sicuri e testati per neutralizzare il G-CSF. Questi farmaci vengono utilizzati di routine per stimolare la produzione di globuli bianchi (cellule che combattono le infezioni) dopo la chemioterapia durante il trattamento di cancro poiché la chemioterapia in genere sopprime i globuli bianchi. Quando questi farmaci sono stati somministrati per neutralizzare il G-CSF, i topi hanno perso ogni motivazione e desiderio di cercare la cocaina. Proprio così, questa è stata una grande svolta. Inoltre, nessun altro comportamento dell'animale è stato alterato in questo processo, mentre diversi studi clinici precedenti hanno evidenziato un potenziale abuso non necessario di qualsiasi tipo di medicazione che è stato provato per di dipendenza. Questa è stata una scoperta cruciale per i ricercatori per poter affrontare la dipendenza da cocaina attraverso questi già testati e approvati dalla FDA farmaci

È fattibile?

Gli autori sottolineano che iniziare a utilizzare qualsiasi tipo di nuovo farmaco è sempre carico di sfide che includono possibili effetti collaterali, vie di somministrazione, sicurezza, fattibilità e potenziale di abuso. Gli autori insistono sul fatto che una volta che sarà disponibile più chiarezza nella comprensione di come questa proteina può essere mirata al meglio per ridurre il comportamento di dipendenza, si verificheranno maggiori possibilità di tradurre i risultati in prove con partecipanti umani. Terapie simili potrebbero essere applicate anche ad altre droghe come l'eroina, l'oppio che sono più economiche (rispetto alla cocaina) e disponibili per una popolazione più ampia nei paesi a basso e medio reddito e sono anche trafficate illegalmente. Poiché la maggior parte dei farmaci ha effetti simili e si rivolge a regioni del cervello sovrapposte, questa terapia potrebbe avere successo anche per loro. Sebbene al momento della pubblicazione di questo studio la possibile tempistica per le sperimentazioni umane non sia chiara, esistono metodi standard per superare molte di queste sfide e questa è una potenziale nuova area di farmaci per de-dipendenza che presto potrebbe diventare una “realtà”. Lo studio avvicina gli scienziati un po' di più alla ricerca della cura definitiva per la dipendenza da cocaina (e allo stesso modo da altre droghe) negli esseri umani senza implicare altri cambiamenti comportamentali o rischi collaterali di sviluppare altre dipendenze.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Calipari ES et al. 2018. Il fattore stimolante delle colonie di granulociti controlla la plasticità neurale e comportamentale in risposta alla cocaina. Nature Communications. 9. https://doi.org/10.1038/s41467-017-01881-x

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Umani e virus: una breve storia della loro complessa relazione e implicazioni per COVID-19

Gli esseri umani non sarebbero esistiti senza virus perché virali...

Vaccino Oxford/AstraZeneca COVID-19 (ChAdOx1 nCoV-2019) trovato efficace e approvato

Dati intermedi della sperimentazione clinica di fase III di...

I polimeri possono essere un veicolo di consegna migliore per i vaccini COVID?

Un certo numero di ingredienti sono stati usati come vettori...
- Annuncio pubblicitario -
98,952FanMi Piace
64,239SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi