PUBBLICITA

Cane: il miglior compagno dell'uomo

La ricerca scientifica ha dimostrato che i cani sono esseri compassionevoli che superano gli ostacoli per aiutare i loro proprietari umani.

Gli esseri umani hanno addomesticato i cani per migliaia di anni e il legame tra gli esseri umani e i loro cani da compagnia è un ottimo esempio di una relazione forte ed emotiva. I proprietari di cani orgogliosi in tutto il mondo si sono sempre sentiti e spesso hanno discusso con i loro amici e familiari ad un certo punto di come percepiscono e sentono che il loro canino i compagni sono pieni di empatia e compassione soprattutto nei momenti in cui i proprietari stessi sono turbati e sconvolti. Si ritiene che i cani non solo amino i loro proprietari, ma considerino anche questi umani come la loro famiglia affettuosa che fornisce loro rifugio e protezione. I cani sono stati etichettati come “i migliori amici dell’uomo” da quando esiste la letteratura. Tali aneddoti sulla particolare lealtà, affetto e legame del cane con gli esseri umani sono stati resi popolari in ogni mezzo, siano essi libri, poesie o lungometraggi. Nonostante questa schiacciante comprensione di quanto sia buono il rapporto tra un essere umano e il suo cane, finora sono stati prodotti studi scientifici su questo argomento con risultati contrastanti.

I cani sono creature compassionevoli

Lo hanno dimostrato i ricercatori della John Hopkins University nel loro studio pubblicato su Apprendimento e comportamento di Springer che i cani sono davvero i migliori amici dell'uomo e sono creature altamente compassionevoli con una consapevolezza sociale sottovalutata e si affrettano a confortare i loro proprietari quando si rendono conto che i loro proprietari umani sono in difficoltà. I ricercatori hanno condotto diversi esperimenti per comprendere i livelli di empatia che i cani mostrano nei confronti dei loro proprietari. In uno dei tanti esperimenti, è stato raccolto un gruppo di 34 proprietari di cani e i loro cani di diverse taglie e razze e ai proprietari è stato chiesto di piangere o canticchiare una canzone. È stato fatto uno alla volta per ogni coppia di cane e proprietario di cane mentre entrambi erano seduti in stanze diverse con una porta di vetro chiusa trasparente nel mezzo supportata solo da tre magneti per consentire una facile apertura. I ricercatori hanno valutato attentamente la reazione comportamentale del cane e anche la sua frequenza cardiaca (fisiologica) effettuando misurazioni su un cardiofrequenzimetro. Si è visto che quando i loro proprietari "piangevano" o gridavano "aiuto" e i cani sentivano queste chiamate di soccorso, aprivano la porta tre volte più velocemente per entrare e offrire conforto e aiuto e essenzialmente "salvare" i loro proprietari umani. Questo è in netto confronto con quando i proprietari stavano solo canticchiando una canzone e sembravano essere felici. Guardando le osservazioni dettagliate registrate, i cani hanno risposto in media 24.43 secondi quando i loro proprietari fingevano di essere angosciati rispetto a una risposta media di 95.89 secondi quando i proprietari sembravano felici mentre canticchiavano le rime dei bambini. Questo metodo è adattato dal paradigma dell'"altro intrappolato" che è stato utilizzato in molti studi sui ratti.

È interessante discutere del motivo per cui i cani dovrebbero ancora aprire la porta quando i proprietari stavano solo canticchiando e non c'erano segni di problemi. Ciò dimostra che il comportamento del cane non era solo basato sull'empatia, ma suggeriva anche il loro bisogno di contatto sociale e anche un po' di curiosità per ciò che si trova oltre la porta. Quei cani che hanno mostrato una risposta molto più rapida nell'aprire la porta avevano livelli di stress più bassi. I livelli di stress sono stati rilevati determinando una linea di progresso attraverso l'esecuzione di misurazioni di base. Questa è un'osservazione psicologica comprensibile e ben consolidata che i cani dovranno superare la propria angoscia per intraprendere un'azione (qui, aprire la porta). Ciò significa che i cani sopprimono i propri sentimenti e agiscono invece sull'empatia concentrandosi sui loro proprietari umani. Uno scenario simile si verifica nei bambini e talvolta negli adulti quando devono superare il proprio stress personale travolgente per poter offrire aiuto a qualcuno. D'altra parte, i cani che non aprivano affatto la porta mostravano chiari segni di angoscia in loro come ansimare o camminare che mostravano la loro ansia verso la situazione che coinvolgeva qualcuno che amavano veramente. I ricercatori sottolineano che questo è un comportamento normale e per nulla preoccupante poiché i cani, proprio come gli umani, possono mostrare vari gradi di compassione in un momento o nell'altro. In un altro esperimento, i ricercatori hanno analizzato gli sguardi dei cani verso i loro proprietari per saperne di più sulla relazione.

Negli esperimenti condotti, 16 dei 34 cani erano cani da terapia addestrati e registrati "cani di servizio". Tuttavia, tutti i cani si comportavano in modo simile, indipendentemente dal fatto che fossero cani di servizio o meno, o anche l'età o la razza non avevano importanza. Ciò significa che tutti i cani mostrano tratti di legame uomo-animale simili, solo che i cani da terapia hanno acquisito più abilità quando si registrano come cani guida e queste abilità spiegano l'obbedienza piuttosto che lo stato emotivo. Questo risultato ha forti implicazioni sul criterio utilizzato per scegliere e addestrare i cani da terapia di servizio. Gli specialisti possono giudicare quali tratti sono più importanti per apportare miglioramenti terapeutici nella progettazione di protocolli di selezione.

Lo studio mostra un'elevata sensibilità dei cani ai sentimenti e ai sentimenti degli umani poiché si vede che percepiscono fortemente il cambiamento nello stato emotivo degli umani. Tali apprendimenti migliorano la nostra comprensione dell'empatia canina e della gamma di comportamenti tra specie nel contesto generale. Sarebbe interessante ampliare la portata di questo lavoro per fare ulteriori studi su altri animali domestici come gatti, conigli o pappagalli. Cercare di capire come pensano e reagiscono i cani può fornirci un punto di partenza per comprendere come si evolvono empatia e compassione anche negli umani che li fanno agire in modo empatico in situazioni difficili. Può aiutarci a indagare sull'entità della risposta compassionevole e anche a migliorare la nostra comprensione della storia evolutiva condivisa dei mammiferi - umani e cani.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Sanford EM et al. 2018. Timmy è nel pozzo: empatia e aiuto prosociale nei cani. Apprendimento e comportamentohttps://doi.org/10.3758/s13420-018-0332-3

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Scientific European® -Un'introduzione

Scientific European® (SCIEU)® è una popolare rivista scientifica mensile...

'e-Skin' che imita la pelle biologica e le sue funzioni

La scoperta di un nuovo tipo di malleabile, autorigenerante...

Scoperta in Inghilterra la prima foresta fossile sulla Terra  

Una foresta fossilizzata composta da alberi fossili (conosciuti come...
- Annuncio pubblicitario -
94,567FanCome
47,690SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi