PUBBLICITA

Ingannare il corpo: un nuovo modo preventivo per combattere le allergie

MEDICINAIngannare il corpo: un nuovo modo preventivo per combattere le allergie

Un nuovo studio mostra un metodo innovativo per affrontare l'allergia alimentare nei topi ingannando il sistema immunitario per evitare di dare una risposta di reazione allergica

An allergia è quando il nostro sistema immunitario reagisce a una sostanza estranea -chiamata allergene- trattandola come un invasore e generando sostanze chimiche per difendere il stile di vita da. La risposta immunitaria del corpo qui è chiamata reazione allergica. L'allergene potrebbe essere un alimento, qualcosa che inaliamo, iniettiamo nel nostro corpo o semplicemente entriamo in contatto con il tatto. L'allergia è la reazione che si verifica e potrebbe essere tosse, starnuti, prurito agli occhi, naso che cola e gola irritata. In casi molto gravi l'allergia può anche causare eruzioni cutanee, orticaria, bassa pressione sanguigna, problemi respiratori, attacchi d'asma e persino la morte. Tale allergico malattie stanno colpendo la vita di oltre un miliardo di persone in tutto il mondo e si prevede che la prevalenza dell'allergia raggiungerà i quattro miliardi entro il 2050. L'allergia colpisce non solo gli individui, ma ha anche un forte impatto socioeconomico a causa dell'assistenza sanitaria e della perdita di produttività. Fino ad oggi nessuna cura è disponibile per le allergie e possono essere gestite solo con la prevenzione e il trattamento dei sintomi. A livello globale, è una malattia comune ma generalmente trascurata. Diversi tipi di allergie come l'allergia alimentare, la sinusite (reazione allergica nei seni paranasali), la droga, l'insetto, le allergie generali costituiscono tutti costi diretti e indiretti in un'economia, mentre incidono in modo significativo sulla vita dei malati. Poiché non è disponibile una cura diretta, l'impatto delle allergie è maggiore ed è necessario comprendere appieno i meccanismi della malattia, la prevenzione e la cura del paziente per affrontare le allergie.

Cucina allergia è una condizione medica in cui l'esposizione a un particolare alimento innesca una risposta immunitaria dannosa (o reazione allergica) nel corpo perché il sistema immunitario attacca le proteine ​​(l'allergene in questi tipi di allergia) negli alimenti che sono normalmente innocue e non sono il nemico. I sintomi di una reazione allergica al cibo possono variare da lievi (prurito alla bocca, alcuni orticaria) a gravi (stringimento della gola, difficoltà respiratorie). Inoltre, l'anafilassi è una grave reazione allergica che si verifica improvvisamente e può causare la morte. Un totale di 170 alimenti, la maggior parte dei quali innocui, sono stati segnalati fino ad oggi per causare reazioni allergiche con i principali allergeni alimentari come latte, uova, arachidi, grano, soia e crostacei. L'allergia alimentare è uno dei tipi più devastanti di allergie che richiedono un tempo considerevole per la gestione e una vigilanza costante nei pazienti, specialmente nei bambini in cui le allergie alimentari sono estremamente comuni. L'unico modo per gestire un'allergia alimentare è innanzitutto fare attenzione ed evitare di consumare il cibo che causa problemi e, in secondo luogo, imparare a riconoscere e trattare i sintomi delle reazioni allergiche. Ciò tende a rappresentare un onere sia per l'individuo allergico al cibo che per chi lo assiste. che influiscono sulla loro qualità di vita. La maggior parte dei sintomi legati al cibo si manifesta entro due ore dall'ingestione; spesso iniziano in pochi minuti e quindi devono essere gestiti con molta attenzione. Ciò porta a molti cambiamenti come la preparazione dei pasti pianificata, l'attività sociale, i problemi di ansia, ecc. Inoltre, i sintomi causati da un'allergia alimentare possono variare da lievi a pericolosi per la vita e sfortunatamente la gravità di ciascuna reazione è imprevedibile. Sono in corso molte ricerche per risolvere le condizioni di allergia alimentare e forse anche prevenirle; tuttavia, la maggior parte delle terapie per le allergie alimentari sono in fase di studio in studi clinici e nessuna è stata ancora dimostrata per un uso generale.

Un recente studio innovativo ha rivelato un nuovo modo di trattare le allergie alimentari semplicemente “insegnando al nostro sistema immunitario un nuovo trucco”. In questo studio pubblicato su Journal of Allergy and Clinical Immunology, i ricercatori hanno utilizzato topi allevati per avere un'allergia alimentare alle arachidi e hanno "riprogrammato" il sistema immunitario dei topi in modo tale che il corpo non esprimesse una reazione pericolosa per la vita all'esposizione alle arachidi. Le arachidi sono tra gli allergeni alimentari più comuni e, se consumate, possono innescare una risposta immunitaria potenzialmente letale. Poiché le arachidi sono comuni, le persone devono essere estremamente vigili nelle loro scelte alimentari quotidiane. Gli autori della Duke-NUS Medical School di Singapore affermano che il loro studio è un modo unico per trattare l'allergia alimentare alle arachidi. Prima di questo studio, sono stati effettuati altri approcci come la desensibilizzazione, ovvero il trattamento efficace o la desensibilizzazione graduale delle persone allergiche alle arachidi, che sono stati etichettati come dispendiosi in termini di tempo e anche rischiosi. Anche la loro efficacia a lungo termine è discutibile e tali terapie devono ancora essere ufficialmente approvate per il trattamento.

Una reazione allergica nel corpo deriva fondamentalmente da uno squilibrio di messaggi importanti tra le cellule (che sono chiamate citochine). Gli autori si sono concentrati sulla risposta immunitaria delle citochine di tipo Th2. In questo contesto si è capito che ogni volta che si verificava una risposta immunitaria inattesa (o appropriata), le cellule Th2 lavoravano in tandem con altre cellule Th1. D'altra parte, quando si verificava una risposta immunitaria inaspettata, ovvero si verificava una reazione allergica, le cellule Th2 venivano prodotte in eccesso mentre le cellule Th1 erano completamente scomparse. Quindi, era chiaro che era qui che lo squilibrio stava avvenendo durante una reazione allergica all'arachide. Sulla base di questa osservazione i ricercatori hanno trovato un approccio semplicistico per ripristinare l'equilibrio fornendo cellule di tipo Th1 prima che la persona entri in contatto con l'allergene. L'idea era quella di non far verificarsi lo squilibrio, evitando così la reazione allergica. Nei topi allergici alle arachidi, i ricercatori hanno consegnato nanoparticelle (che trasportavano cellule di tipo Th1) nella pelle ai linfonodi (che è il luogo in cui vengono prodotte le cellule immunitarie). Queste nanoparticelle hanno viaggiato nel corpo, hanno consegnato il loro carico -cellule di tipo Th1- nel punto di origine della risposta immunitaria e hanno completato il compito loro assegnato. Gli animali che hanno ricevuto questa “terapia” manuale non hanno mostrato la risposta allergica acuta quando sono stati successivamente esposti alle arachidi. È interessante notare che questa nuova tolleranza è stata considerata di lunga durata, efficace e un solo dosaggio era sufficiente per qualsiasi successiva esposizione all'allergene. Pertanto, si dice che questo scenario sia una "rieducazione" (una parola migliore per "ingannare") del sistema immunitario, dicendogli che la risposta della reazione allergica non è quella adatta e non dovrebbe essere fatta.

Questi studi sono condotti sui topi, tuttavia è necessario completare studi sull'uomo adeguati prima che si possa ipotizzare un'applicazione più ampia. Presenta molteplici sfide, ad esempio gli stessi autori non sono stati in grado di utilizzare questo approccio per la terapia dell'asma poiché era necessaria una dose massiccia di cellule per i polmoni e si è rivelata inefficace. Questo approccio potrebbe essere applicato in modo simile ad altri allergeni alimentari come ad esempio latte o uova e anche ad altri allergeni come fattori scatenanti ambientali, tra cui polvere e polline. Questo studio fa sperare nella prevenzione della reazione allergica all'arachide e ad altri allergeni intervenendo su un percorso tipico seguito dal sistema immunitario del corpo. Questo potrebbe essere un vantaggio per affrontare le allergie alimentari che affliggono adulti e bambini senza una prevenzione efficace o addirittura una strategia di trattamento in vista

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

St. John AL et al 2018. Riprogrammazione dell'immunità agli allergeni alimentari. Giornale di allergia e immunologia clinica. https://doi.org/10.1016/j.jaci.2018.01.020

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Il virus Novel Langya (LayV) identificato in Cina  

Due henipavirus, il virus Hendra (HeV) e il virus Nipah...

Il Nebra Sky Disk e la missione spaziale "Cosmic Kiss"

Il Nebra Sky Disk ha ispirato il logo di...
- Annuncio pubblicitario -
99,031FanMi Piace
64,260SeguaciSegui
6,168SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi