PUBBLICITA

Trattare il cancro ripristinando la funzione del soppressore del tumore usando l'estratto vegetale

Uno studio condotto su topi e cellule umane descrive la riattivazione di un importante gene soppressore del tumore utilizzando un estratto vegetale, offrendo così una strategia promettente cancro trattamento

Cancro è la seconda causa di morte nel mondo. Nel cancro, le alterazioni genetiche ed epigenetiche multiple sono ereditate o acquisite per via somatica. Queste alterazioni coinvolte nello sviluppo del cancro sono di due tipi distinti: (a) attivazione o "guadagno in funzione" degli oncogeni cellulari e (b) inattivazione o "perdita di funzione" dei geni oncosoppressori. Tumore i geni soppressori tipicamente inibiscono la proliferazione cellulare e lo sviluppo del tumore. Se vengono disattivati, i regolatori negativi della proliferazione cellulare vengono persi e ciò contribuisce alla proliferazione anormale delle cellule tumorali. Riattivazione dei soppressori tumorali come potenziale strategia per il trattamento dell'uomo tumori è stato studiato ma non esplorato in modo così dettagliato come gli studi di inibizione delle proteine ​​oncogene.

Un potente gene soppressore del tumore chiamato PTEN è il gene più comunemente mutato, cancellato, sottoregolato o silenziato nei tumori umani. PTEN è una fosfatasi attiva come dimero sulla membrana plasmatica. Se le mutazioni PTEN vengono ereditate, possono causare sindromi come la predisposizione a cancro e difetti di sviluppo. Le cellule tumorali mostrano bassi livelli di PTEN. Il ripristino dei livelli normali di PTEN nelle cellule tumorali può consentire al gene PTEN di continuare la sua attività soppressiva del tumore. È noto che la formazione del dimero PTEN e il suo reclutamento sulla membrana sono fondamentali per la sua funzione, tuttavia, gli esatti meccanismi molecolari di questo sono ancora sconosciuti.

Uno studio pubblicato Scienze il 17 maggio 2019 descrive un nuovo percorso che coinvolge il PTEN che funge da regolatore per il controllo della crescita del tumore ed è importante per lo sviluppo del cancro. I ricercatori hanno studiato un gene chiamato WWP1 che è noto per svolgere un ruolo importante nello sviluppo del cancro e produce un enzima ubiquitina E3 ligasi. Questo enzima è una proteina che interagisce con il PTEN che inibisce l'attività soppressiva del tumore del PTEN sopprimendo la dimerizzazione del PTEN, il reclutamento della membrana e quindi le sue funzioni. WWP1 è geneticamente aumentato in molti tumori tra cui seno, prostata e fegato. Dopo aver esplorato la struttura tridimensionale di questo enzima, i ricercatori hanno selezionato una piccola molecola chiamata indolo-3-carbinolo (I3C) che potrebbe inibire l'attività di questo enzima. I3C, un composto naturale, è un ingrediente di broccoli e altre crocifere le verdure che includono cavolfiori, cavoli, cavoli e cavoletti di Bruxelles. È ben noto che tali verdure sono aggiunte salutari alla propria dieta e anche il loro consumo è stato precedentemente collegato a un ridotto rischio di cancro.

Il composto I3C è stato somministrato a topi predisposti al cancro (modello murino della prostata cancro) e nelle linee cellulari umane e si è visto che I3C ha inibito l'attività di WWP1 impoverendolo. Ciò ha portato al ripristino del potere soppressivo del tumore del PTEN. I3C è quindi un inibitore farmacologico naturale di WWP1 che può innescare la riattivazione del PTEN. WWP1 sembrava essere un gene bersaglio diretto di MYC (protooncogene) per la tumorigenesi guidata da MYC o la formazione di tumori. Lo studio ha dimostrato che la perturbazione del WWP1 è sufficiente per ripristinare l'attività di soppressione del tumore del PTEN.

Potrebbe non essere possibile ottenere questi benefici antitumorali semplicemente consumando broccoli e altre verdure crocifere come cibo poiché sarebbero necessari livelli molto elevati di consumo giornaliero. Ulteriori indagini devono concentrarsi sullo studio delle funzioni di WWP1 e sullo sviluppo dei suoi inibitori poiché lo studio attuale stabilisce che l'inibizione della via WWP1-PTEN è promettente quando è presente una sovraespressione di MYC guidata dal tumore o una funzione PTEN anormale. Lo studio attuale apre la strada a un nuovo cancro trattamento utilizzando l’approccio di riattivazione dei soppressori tumorali.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Lee Y. et al. 2019. Riattivazione del soppressore del tumore PTEN per il trattamento del cancro attraverso l'inibizione di una via inibitoria di MYC-WWP1. Scienza, 364 (6441). https://doi.org/10.1126/science.aau0159

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Longevità: l'attività fisica nella mezza età e nella terza età è cruciale

Lo studio mostra che impegnarsi in un'attività fisica a lungo termine può...

COVID-19: una valutazione dell'immunità di gregge e della protezione dai vaccini

Si dice che l'immunità di gregge per COVID-19 sia raggiunta...

Comunicazioni ottiche nello spazio profondo (DSOC): la NASA testa il laser  

La comunicazione nello spazio profondo basata sulla radiofrequenza deve affrontare limitazioni dovute...
- Annuncio pubblicitario -
94,068FanCome
47,560SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi