PUBBLICITA

La prima gravidanza e parto di successo dopo il trapianto di utero da un donatore deceduto

Il primo trapianto di utero da un donatore deceduto porta alla nascita di un bambino sano.

L'infertilità è una malattia moderna che colpisce almeno il 15% della popolazione in età riproduttiva. Una femmina può affrontare l'infertilità permanente a causa di condizioni sottostanti come problemi di ovulazione, tube di Falloppio danneggiate, uova povere ecc. Ci sono anche casi in cui una femmina è in grado di produrre uova nell'ovaio ma se nasce senza l'utero (utero) non può partorire un bambino. Questo è chiamato infertilità uterina la cui causa principale potrebbe essere difetti alla nascita, lesioni o malattie come il cancro. Tali femmine hanno la possibilità di adottare bambini o utilizzare un surrogato che può portare il loro bambino per la durata di gravidanza. Se mai uno volesse sopportare il proprio bambino, avrebbero bisogno di un trapianto di utero. Una pietra miliare medica significativa nel 2013 ha creato la possibilità di utilizzare un donatore di utero "vivente" che è generalmente una persona vicina e cara che è disposta a donare. Dopo il trapianto di utero, la paziente poteva partorire. L'utilizzo di un donatore "vivente" era una limitazione importante, ovviamente a causa della mancanza di donatori.

Trapiantare l'utero

Gli scienziati medici hanno deciso di trovare un'alternativa all'utilizzo di donatori viventi e hanno pensato di utilizzare l'utero di un donatore deceduto. Nel tentare i trapianti, in precedenza avevano dovuto affrontare almeno 10 tentativi falliti poiché entrano in gioco diversi fattori. Il più importante è mantenere vitale l'organo (utero) dopo la morte del donatore. Questo è estremamente impegnativo. In una svolta scientifica nel campo dell’infertilità uterina, una donna nata senza utero è diventata la prima persona a dare alla luce un bambino vivo – una bambina sana del peso di 6 libbre – dopo aver ricevuto trapianto di utero da un donatore deceduto. Nello studio gli scienziati hanno trapiantato l'utero dopo che l'apporto di ossigeno all'organo è stato interrotto per quasi otto ore.

Questa paziente è nata con la sindrome di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser, una condizione in cui parti del sistema riproduttivo, come l'utero, non si sviluppano sebbene altri organi come le ovaie (che producono gli ovuli) si sviluppino normalmente e le donne di solito raggiungano anche la pubertà . La donatrice di utero era una donna di 45 anni morta per emorragia cerebrale. L'intervento di trapianto è stato molto impegnativo, impiegando quasi 10 ore e mezza per creare la giusta connessione tra l'utero del donatore e i vasi sanguigni, i muscoli e il canale del parto della donna ricevente.

Una volta che il trapianto è stato completato e la donna ha iniziato ad avere periodi regolari, in circa sette mesi il rivestimento dell'utero si è sufficientemente ispessito per trapiantare gli ovuli fecondati che erano stati congelati in precedenza nel trattamento di fecondazione in vitro prima dell'intervento di trapianto. La fecondazione in vitro è stata utilizzata per recuperare gli ovuli della paziente e utilizzata per la fecondazione in laboratorio per produrre embrioni che sono stati poi trapiantati nell'utero. La gravidanza è andata avanti abbastanza normale e senza complicazioni. Il paziente aveva bisogno di antibiotici per un'infezione renale che avrebbe potuto creare più rischi perché dopo un trapianto, a un paziente vengono somministrati farmaci immunosoppressori per sopprimere il proprio sistema immunitario in modo che non rigetti un trapianto. Il bambino è nato a 35 settimane tramite taglio cesareo, a seguito del quale l'utero è stato rimosso dal corpo in modo che il paziente potesse interrompere l'assunzione di farmaci immunosoppressori.

Questo studio pubblicato in The Lancet fornisce una solida prova dell'utilizzo di un organo di un donatore deceduto e che potrebbe avvantaggiare molte di queste donne. A dicembre 2018, il bambino era sano di sette mesi e 20 giorni. Il principale vantaggio di questo successo è che il numero di persone disposte a donare organi dopo la loro morte è maggiore, quindi questo può offrire più donatori. Rispetto al trapianto di organi da vivo, i costi ei rischi si riducono anche quando si tratta di un donatore deceduto.

Un dibattito controverso

Questo studio sui trapianti presenta anche molti aspetti controversi. Ad esempio, il paziente deve sopportare il carico di farmaci immunosoppressori che colpiscono il proprio sistema immunitario e rendono il ricevente più soggetto a infezioni e lesioni. Pertanto, la femmina che riceve il trapianto di utero è a rischio e gli esperti discutono se valga la pena correre un tale rischio. Inoltre, in termini finanziari questa procedura è molto costosa in quanto non comporta solo un complesso intervento di trapianto che deve essere eseguito solo da esperti medici esperti, ma anche i costi della fecondazione in vitro devono essere presi in considerazione. Dal momento che l'infertilità non è considerata una malattia pericolosa per la vita, una spesa così ingente per il trattamento supportata dal governo o dalle compagnie di assicurazione non è accettata volentieri da molti responsabili politici.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Ejzenberg D et al. 2018. Nato vivo dopo trapianto di utero da donatrice deceduta in ricevente con infertilità uterina. The Lancet. 392 (10165). https://doi.org/10.1016/S0140-6736(18)31766-5

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

SARAH: il primo strumento generativo dell’OMS per la promozione della salute basato sull’intelligenza artificiale  

Per sfruttare l’intelligenza artificiale generativa per la salute pubblica,...

LZTFL1: identificato un gene COVID-19 ad alto rischio comune ai sud-asiatici

L'espressione di LZTFL1 provoca alti livelli di TMPRSS2, inibendo...

Antibiotico Zevtera (Ceftobiprole medocaril) approvato dalla FDA per il trattamento di CABP, ABSSSI e SAB 

L'antibiotico cefalosporinico di quinta generazione ad ampio spettro, Zevtera (Ceftobiprole medocaril sodico Inj.)...
- Annuncio pubblicitario -
94,557FanCome
47,690SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi