PUBBLICITA

Tau: una nuova proteina che può aiutare a sviluppare la terapia personalizzata dell'Alzheimer

MEDICINATau: una nuova proteina che può aiutare a sviluppare la terapia personalizzata dell'Alzheimer

La ricerca ha dimostrato che un'altra proteina chiamata tau è responsabile dei primi sintomi di La malattia di Alzheimer e queste informazioni possono aiutare nello sviluppo di terapie.

Alzheimer La malattia (AD) o semplicemente l'Alzheimer non ha cura e non può essere prevenuta. Rimandare l'insorgenza dei sintomi dell'Alzheimer fino a 10-15 anni può certamente avere un impatto sulla vita di pazienti, le loro famiglie e gli operatori sanitari. Attualmente, solo una diagnosi tardiva di AD può essere fatta e da quel momento la funzione del cervello è in gran parte indebolita. Le caratteristiche chiave dell'Alzheimer sono l'accumulo di placca e proteine ​​difettose intorno ai neuroni all'interno del cervello che sono responsabili dell'avanzamento del malattia. Molteplici ricerche mostrano che livelli più elevati di proteina amiloide nel cervello sono i primissimi indicatori dello sviluppo di AD. La maggior parte delle ricerche su La malattia di Alzheimer si è concentrato sulla comprensione di come questo le proteine l'amiloide-beta si accumula nel cervello. La tecnica di imaging della tomografia a emissione di positroni (PET) è stata utilizzata per visualizzare i depositi di amiloide nei malati di Alzheimer. Queste immagini e analisi del tessuto cerebrale hanno dimostrato che le persone con Alzheimer hanno sicuramente un maggiore accumulo di proteina amiloide nel cervello rispetto alle persone sane.

C'è un'altra proteina responsabile?

Sebbene si sia visto che anche dopo che l'amiloide-beta si è accumulata e la malattia di Alzheimer è nella sua fase iniziale, molti pazienti hanno ancora i loro processi cognitivi - sia la memoria che il pensiero - molto intatti. Questo è indicativo di uno scenario in cui la proteina amiloide deve prima cambiare e poi deve esserci qualche altro fattore responsabile che i ricercatori hanno previsto potrebbe essere una seconda proteina presente all'interno delle cellule cerebrali chiamata tau. Potrebbe anche essere una combinazione di entrambi a causa della quale un paziente può mostrare un lieve deterioramento cognitivo. È interessante notare che anche le persone che non hanno segni di Alzheimer hanno talvolta proteine ​​amiloidi accumulate nel cervello. Recenti studi hanno suscitato interesse in proteina tau che sebbene sia stato associato alla malattia, ma non è stato al centro di molte ricerche. Un ostacolo nel perseguire lo studio sulla proteina tau è stato che solo di recente è stato raggiunto un modo non invasivo per ottenere un'immagine di questa proteina all'interno del cervello di una persona vivente. I ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis hanno utilizzato un agente di imaging precedentemente sconosciuto che si lega alla proteina tau (senza causare effetti collaterali) rendendolo visibile nelle scansioni PET. Nel loro studio miravano a comprendere il significato della tau come indicatore del declino cognitivo, una caratteristica fondamentale dell'Alzheimer. Il loro studio è pubblicato su Science Medicina Traslazionale.

Nello studio, 46 ​​partecipanti - 36 adulti sani e 10 pazienti con AD lieve - sono stati sottoposti a imaging cerebrale che ha utilizzato il nuovo agente di imaging PET. Le loro immagini cerebrali sono state quindi confrontate per comprendere il declino delle capacità cognitive dovuto all'AD. L'entità del deterioramento cognitivo è stata valutata utilizzando misurazioni del liquido cerebrospinale, valutazione clinica della demenza e test cartacei per la memoria e altre funzioni cerebrali. La gravità della disfunzione cognitiva è stata analizzata insieme alle immagini. I risultati osservati in 10 pazienti (con lieve AD) nelle scansioni PET hanno mostrato chiaramente che la tau è un predittore migliore dei sintomi del declino cognitivo rispetto all'amiloide. E la proteina tau potrebbe essere più strettamente legata a sintomi come la perdita di memoria. Questa nuova proteina tau (chiamata T807) è considerata fondamentale in primo luogo per comprendere la progressione dell'Alzheimer e in secondo luogo per raccogliere informazioni su quali parti del cervello sono colpite e coinvolte nella progressione della malattia. Sebbene l'aumento della proteina tau sia già un marcatore stabilito dell'Alzheimer, per la prima volta sono state individuate regioni del cervello che accumulano queste proteine ​​anomale. Finché la tau si deposita nell'ippocampo del cervello, è ben tollerata. La sua diffusione ad altre aree come il lobo temporale (che è associato all'elaborazione della memoria) può essere dannosa, il che si riflette nei test di memoria e attenzione. Ciò consente il potenziale utilizzo di tau come strumento diagnostico. Una situazione del genere non era applicabile alla proteina amiloide e ciò ha confermato che la proteina tau può prevedere in modo più accurato quando una persona sta passando da una fase iniziale, senza sintomi, a una lieve malattia di Alzheimer. Anche una combinazione di amiloide e tau potrebbe essere responsabile. Lo studio ha alcune limitazioni perché le immagini sono fondamentalmente "un'istantanea" del cervello in un determinato momento e non possono rappresentare completamente l'associazione tra tau e deterioramento mentale.

Poiché gli agenti di imaging sono ora disponibili sia per l'amiloide-beta che per la tau, il dibattito su quale sia più cruciale può continuare, ma gli strumenti necessari possono essere utilizzati per studiare l'effetto delle terapie sperimentali mirate a entrambe queste proteine. Il nuovo agente di imaging per la tau è già approvato per gli studi clinici e può essere utilizzato nell'imaging cerebrale per vari disturbi che comportano un aumento della proteina tau, ad esempio lesioni cerebrali o traumi. C'è un'immensa speranza che una diagnosi precoce del morbo di Alzheimer possa aiutare a progettare farmaci per l'accumulo di proteine ​​amiloide e tau. I ricercatori propongono con ottimismo in futuro una terapia personalizzata per l'Alzheimer che si baserebbe sullo scenario esatto nel cervello di un paziente.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Brier MR 2018. Imaging Tau e Ab, misurazioni del liquido cerebrospinale e cognizione nella malattia di Alzheimer. Science Translational Medicine. 8 (338). https://doi.org/10.1126/scitranslmed.aaf2362

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Un doppio smacco: il cambiamento climatico sta influenzando l'inquinamento atmosferico

Uno studio mostra i gravi effetti del cambiamento climatico su...

Progetti ecologici per gestire il calore urbano

Le temperature nelle grandi città sono in aumento a causa del...

MM3122: Un candidato principale per un nuovo farmaco antivirale contro il COVID-19

TMPRSS2 è un importante bersaglio farmacologico per lo sviluppo di antivirali...
- Annuncio pubblicitario -
98,960FanMi Piace
64,252SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi