PUBBLICITA

L'ampia gamma di potenziali effetti terapeutici di Selegiline

MEDICINAL'ampia gamma di potenziali effetti terapeutici di Selegiline

La selegilina è un inibitore irreversibile della monoamino ossidasi (MAO) B1. Neurotrasmettitori monoamminici, come la serotonina, dopamina e la noradrenalina, sono derivati ​​degli amminoacidi2. L'enzima monoamino ossidasi A (MAO A) ossida principalmente (scompone) serotonina e norepinefrina nel cervello, mentre la monoamino ossidasi B (MAO B) ossida principalmente feniletilamina, metilistamina e triptamina3. MAO A e B abbattono entrambi la dopamina e la tiramina3. L'inibizione delle MAO aumenta la quantità di neurotrasmettitori monoaminici nel cervello prevenendo la loro rottura3. Gli inibitori MAO (MAOI) possono essere selettivi verso la variante A o B dell'enzima a basse dosi ma tendono a perdere selettività verso un MAO specifico a dosi più elevate3. Inoltre, gli IMAO possono legarsi a MAO in modo reversibile o irreversibile per inibire l'azione dell'enzima4, con quest'ultimo tendenzialmente più potente.

Gli IMAO si sono ridotti nel tempo a causa dello sviluppo di farmaci che mirano selettivamente a diversi neurotrasmettitori, poiché gli IMAO possono causare un aumento della tiramina a causa dell'inibizione della sua rottura e possono verificarsi crisi ipertensive indotte dalla tiramina5. A causa di questo rischio, la dieta di un paziente deve essere attentamente monitorata per gli alimenti ricchi di tiramina, il che è scomodo e possono verificarsi molte interazioni farmacologiche quando un IMAO viene utilizzato con un altro farmaco che influenza i livelli di neurotrasmettitori che possono essere potenzialmente pericolosi come nei casi di serotonina alta o sindrome serotoninergica6.

La selegilina è una vecchia scoperta ed è stata sintetizzata per la prima volta nel 19621. Mira selettivamente a MAO B a basse dosi e inoltre non sembra aumentare pericolosamente i livelli di tiramina causando ipertensione se co-ingerito con cibi ricchi di tiramina; invece, generalmente riduce la pressione sanguigna1. Inoltre, non è tossico per il fegato e sembra aumentare l'aspettativa di vita Morbo di Parkinson (PD) pazienti1. In uno studio, ha ritardato la necessità di levodopa nel morbo di Parkinson di circa 9 mesi rispetto al tocoferolo antiossidante, probabilmente a causa degli effetti di aumento della dopamina del farmaco come osservato nel cervello post-mortem di pazienti con selegilina con livelli elevati di dopamina1. Inoltre, la selegilina da sola riduce lo stress ossidativo agendo come neuroprotettore con attività neurotrofica e antiapoptotica1.

La selegilina migliora anche le funzioni motorie, le funzioni di memoria e l'intelligenza nei pazienti con PD7. Nei bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD), la selegilina ha ridotto i sintomi dell'ADHD migliorando il comportamento, l'attenzione e l'apprendimento di nuove informazioni senza effetti collaterali noti8. Negli adolescenti con depressione, si osserva una significativa riduzione dei sintomi depressivi utilizzando la somministrazione transdermica di selegilina9. Se usato per trattare il disturbo depressivo maggiore (MDD), piuttosto che causare effetti collaterali sessuali come i moderni antidepressivi che aumentano l'esposizione alla serotonina10, la selegilina ha avuto un effetto positivo aumentando i punteggi sulla maggior parte dei test di funzionalità sessuale11 probabilmente a causa dei suoi effetti dopaminergici.

Gli inibitori MAO-B come selegilina e rasagilina tendono a rallentare la velocità di progressione delle malattie neurodegenerative1, ed entrambi tendono ad avere un'efficacia simile nel trattamento del PD12. Tuttavia, in un modello murino, la selegilina ha esercitato effetti antidepressivi a differenza della rasagilina anche quando entrambi i farmaci erano abbinati alla dose per l'inibizione delle MAO13, suggerendo anche benefici correlati all'inibizione non-MAO della selegilina. La selegilina ha anche aumentato la plasticità sinaptica nella corteccia prefrontale mediale dei topi con PD imitato13, potenzialmente a causa dell'effetto positivo osservato del farmaco su fattori neurotrofici come il fattore di crescita nervoso, il fattore neurotrofico derivato dal cervello e il fattore neurotrofico derivato dalle cellule gliali14. Infine, la selegilina può essere differenziata come un IMAO unico grazie ai suoi interessanti metaboliti che includono l-anfetamina e l-metamfetamina15, che può contribuire agli effetti unici della selegilina. Nonostante questi metaboliti, è stato suggerito l'uso per il trattamento dell'abuso di psicostimolanti e della cessazione del fumo poiché si ritiene che la selegilina abbia un basso potenziale di abuso in un contesto clinico15.

***

Riferimenti:  

  1. Tábi, T., Vécsei, L., Youdim, MB, Riederer, P., & Szökő, É. (2020). Selegilina: una molecola dal potenziale innovativo. Giornale di trasmissione neurale (Vienna, Austria: 1996)127(5), 831-842. https://doi.org/10.1007/s00702-019-02082-0 
  1. Science Direct 2021. Monoammina. Disponibile online su https://www.sciencedirect.com/topics/medicine-and-dentistry/monoamine  
  1. Sub Laban T, Saadabadi A. Inibitori della monoamino ossidasi (MAOI) [Aggiornato il 2020 agosto 22]. In: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2021 gennaio-. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK539848/ 
  1. Rudorfer MV. Inibitori delle monoamino ossidasi: reversibili e irreversibili. Psicofarmaco Bull. 1992;28(1):45-57. PMID: 1609042. Disponibile online su https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/1609042/  
  1. Sathyanarayana Rao, TS, & Yeragani, VK (2009). Crisi ipertensiva e formaggio. Rivista indiana di psichiatria51(1), 65-66. https://doi.org/10.4103/0019-5545.44910 
  1. Science Direct 2021. Inibitore della monoamino ossidasi. Disponibile online su https://www.sciencedirect.com/topics/biochemistry-genetics-and-molecular-biology/monoamine-oxidase-inhibitor  
  1. Dixit SN, Behari M, Ahuja GK. Effetto della selegilina sulle funzioni cognitive nella malattia di Parkinson. J Assoc Medici India. 1999 agosto;47(8):784-6. PMID: 10778622. Disponibile online su https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10778622/  
  1. Rubinstein S, Malone MA, Roberts W, Logan WJ. Studio controllato con placebo che esamina gli effetti della selegilina nei bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività. J Bambino Adolescente Psicofarmaco. 2006 agosto;16(4):404-15. DOI: https://doi.org/10.1089/cap.2006.16.404  PMID: 16958566.  
  1. DelBello, MP, Hochadel, TJ, Portland, KB, Azzaro, AJ, Katic, A., Khan, A., & Emslie, G. (2014). Uno studio in doppio cieco, controllato con placebo sul sistema transdermico di selegilina negli adolescenti depressi. Rivista di psicofarmacologia infantile e adolescenziale24(6), 311-317. DOI: https://doi.org/10.1089/cap.2013.0138 
  1. Jing, E. e Straw-Wilson, K. (2016). Disfunzione sessuale negli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e potenziali soluzioni: una revisione della letteratura narrativa. Il medico di salute mentale6(4), 191-196. DOI: https://doi.org/10.9740/mhc.2016.07.191 
  1. Clayton AH, Campbell BJ, Favit A, Yang Y, Moonsammy G, Piontek CM, Amsterdam JD. Sintomi di disfunzione sessuale in pazienti trattati per disturbo depressivo maggiore: una meta-analisi che confronta il sistema transdermico di selegilina e il placebo utilizzando una scala di valutazione del paziente. Psichiatria J Clin. 2007 dicembre;68(12):1860-6. DOI: https://doi.org/10.4088/jcp.v68n1205 . PMID: 18162016. 
  1. Peretz, C., Segev, H., Rozani, V., Gurevich, T., El-Ad, B., Tsamir, J. e Giladi, N. (2016). Confronto tra le terapie con selegilina e rasagilina nella malattia di Parkinson: uno studio di vita reale. Neurofarmacologia clinica39(5), 227-231. DOI: https://doi.org/10.1097/WNF.0000000000000167  
  1. Okano M.,Takahata K., Sugimoto J e Muraoka S. 2019. La selegilina recupera la plasticità sinaptica nella corteccia prefrontale mediale e migliora il comportamento simile alla depressione corrispondente in un modello murino della malattia di Parkinson. Davanti. Comportamento Neurosci., 02 agosto 2019. DOI: https://doi.org/10.3389/fnbeh.2019.00176  
  1. Mizuta I, Ohta M, Ohta K, Nishimura M, Mizuta E, Hayashi K, Kuno S. La selegilina e la desmetilselegilina stimolano la sintesi di NGF, BDNF e GDNF negli astrociti di topo in coltura. Biochem Biophys Res Commun. 2000 dicembre 29;279(3):751-5. doi: https://doi.org/10.1006/bbrc.2000 . 4037. PMID: 11162424. 
  1. Yasar, S., Gaál, J., Panlilio, LV, Justinova, Z., Molnár, SV, Redhi, GH, & Schindler, CW (2006). Un confronto del comportamento di ricerca di droga mantenuto da D-amfetamina, L-deprenyl (selegilina) e D-deprenyl secondo un programma di secondo ordine nelle scimmie scoiattolo. Psychopharmacology183(4), 413-421. https://doi.org/10.1007/s00213-005-0200-7 

*** 

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

La possibile cura del diabete di tipo 2?

Lo studio Lancet mostra che il diabete di tipo 2 può...

Effetti del Donepezil sulle regioni del cervello

Donepezil è un inibitore dell'acetilcolinesterasi1. L'acetilcolinesterasi scompone il...

Il consumo moderato di alcol può ridurre il rischio di demenza

Uno studio suggerisce che sia il consumo eccessivo di alcol...
- Annuncio pubblicitario -
98,952FanMi Piace
64,239SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi