PUBBLICITA

Percorso di segnalazione nervosa identificato di recente per una gestione efficace del dolore

Gli scienziati hanno identificato un percorso di segnalazione nervoso distinto che potrebbe aiutare a riprendersi dal dolore sostenuto dopo un infortunio.

Sappiamo tutti dolore – la sensazione sgradevole causata da un'ustione o dolore o mal di testa. Qualsiasi tipo di dolore nel nostro corpo comporta un'intricata interazione tra specifici nervi, il nostro midollo spinale e il nostro cervello. Nel nostro midollo spinale, specializzato nervi ricevere messaggi da una periferica specifica nervi e controllano la trasmissione dei messaggi al nostro cervello. L’importanza del segnale al cervello dipende dalla gravità del dolore. In caso di ustione improvvisa il messaggio viene trasmesso come urgente mentre per un graffio o una piccola contusione i messaggi non vengono contrassegnati come urgenti. Questi messaggi poi viaggiano al cervello e il cervello risponderà inviando messaggi per consentire la guarigione che potrebbero riguardare il nostro sistema nervoso o il cervello potrebbe rilasciare sostanze chimiche che sopprimono il dolore. Questa esperienza di dolore è diverso in ognuno e il dolore coinvolge l'apprendimento e la memoria.

Generalmente, il dolore può essere classificato come dolore a breve termine o acuto e dolore a lungo termine o cronico. Il dolore acuto è il dolore grave o improvviso che si verifica a causa di una malattia, di un infortunio o di un intervento chirurgico. Mentre il dolore cronico è che persiste per un periodo di tempo più lungo e diventa una malattia o una condizione in sé.

Dolore cronico

Ad esempio, dopo una punta mozzata o una puntura al piede o al palmo o toccare qualcosa di troppo caldo, dopo una sensazione di shock il corpo riflette per riprendersi dall'attività o fonte di pericolo. Questo accade istantaneamente, ma il riflesso è abbastanza forte da allontanarci da ulteriori pericoli. Questa è definita come una risposta evolutiva che viene conservata in più specie per massimizzare la sopravvivenza, ma i percorsi esatti non sono ancora stati compresi. Un dolore o un dolore persistenti si manifestano dopo che lo shock iniziale della lesione è passato. E questo dolore persistente richiede tempo per alleviare che potrebbe essere di secondi, minuti o addirittura giorni. Una persona continua a cercare di alleviare il dolore applicando pressione, impacchi caldi, metodi di raffreddamento ecc.

Gli scienziati della Harvard Medical School hanno deciso di analizzare i vari modi in cui uno stimolo doloroso viaggia dal sito del trauma o della lesione nel corpo al cervello. Gli stimoli traumatici derivano da una neurologia complessa che coinvolge i nervi sensoriali chiamati nocicettori e ci sono vari percorsi che portano segnali al midollo spinale e aree del cervello. I dettagli di questo scenario non sono ancora ben compresi. Gli scienziati pensano che la "matrice del dolore" nel cervello sia responsabile del dolore, ma potrebbe esserci anche qualcos'altro.

Capire il meccanismo del dolore

In uno studio pubblicato Natura, gli scienziati hanno esaminato la colonna vertebrale nervo cellule associate a stimoli nocivi. Si è visto che un gene chiamato Tac1 espresso su queste cellule ha un ruolo critico nelle funzioni dei neuroni. E la loro ricerca mostra che potrebbero esserci percorsi diversi seguiti da due diversi tipi di dolore. Hanno identificato un nuovo percorso di nervi nei topi che sembrano i principali responsabili del dolore persistente o del dolore che si manifesta dopo che lo shock doloroso iniziale è passato. Dopo aver disattivato questo gene, i topi mostrano ancora una risposta al dolore acuto improvviso. E quando i loro piedi venivano punti o pizzicati ecc. mostravano segni di avversione. Tuttavia, i topi non hanno mostrato successivamente alcun segno di disagio persistente, il che indica che il cervello non era stato informato di questo danno, il che significa che questi tessuti spinali nervi potrebbe svolgere un ruolo nell’informare il cervello.

Pertanto, ci sono due percorsi distinti per l'esplosione iniziale del dolore e per il disagio persistente. Questo potrebbe essere l'unico motivo per cui molti farmaci antidolorifici sono buoni per il dolore iniziale ma non sono in grado di combattere il dolore persistente persistente, il dolore, il bruciore ecc. Che potrebbe essere piuttosto definito come un meccanismo di coping. I risultati spiegano anche perché molti farmaci candidati si sono tradotti male da studi preclinici a terapie efficaci per il dolore.

Questo studio ha per la prima volta mappato il modo in cui le risposte sorgono al di fuori del nostro cervello e questa conoscenza fornisce importanti indizi e potrebbe aiutare a comprendere i vari circuiti neurali responsabili del dolore e del disagio cronici. La presenza di due distinte risposte di difesa per evitare lesioni controllate da percorsi di segnalazione nervosi separati. È chiaro che la prima linea di difesa è il riflesso di ritiro rapido e la seconda è la risposta al dolore che viene attivata per ridurre la sofferenza ed evitare il danno tissutale a seguito di una lesione. Nella crisi degli oppioidi in corso, è urgente sviluppare nuovi trattamenti per il dolore. Poiché il dolore cronico diventa una condizione e una malattia in sé, è diventato fondamentale affrontare questo aspetto della gestione del dolore.

***

Fonte (s)

Huang T et al. 2018. Identificazione dei percorsi necessari per affrontare i comportamenti associati al dolore prolungato. Naturahttps://doi.org/10.1038/s41586-018-0793-8

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Un'alternativa promettente agli antibiotici per il trattamento delle infezioni del tratto urinario

I ricercatori hanno segnalato un nuovo modo di trattare le vie urinarie...

La Voyager 1 riprende a inviare segnali alla Terra  

Voyager 1, l'oggetto creato dall'uomo più distante della storia,...

Il minerale di magnesio regola i livelli di vitamina D nel nostro corpo

Un nuovo studio clinico mostra come il magnesio minerale ha...
- Annuncio pubblicitario -
94,243FanCome
47,616SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi