PUBBLICITA

Nuova cura per il cancro al seno

In una svolta senza precedenti, una donna con un cancro al seno avanzato diffuso nel suo corpo ha mostrato una completa regressione della malattia sfruttando il potere del proprio sistema immunitario per combattere il cancro

Cancro al seno è il più comune cancro nelle donne di tutto il mondo, sia nel mondo sviluppato che in quello meno sviluppato. Il cancro al seno è anche il cancro più comune nelle donne. Ogni anno vengono diagnosticati circa 1.7 milioni di nuovi casi e il cancro al seno rappresenta il 25% di tutti i tumori nelle donne. Trattamento del seno cancro dipende dallo stadio e generalmente richiede una o più delle seguenti procedure: chemioterapia, radioterapia, terapia ormonale e intervento chirurgico. Seno metastatico cancro, cioè quando il cancro si è diffuso dal seno ad altre zone del corpo, rimane incurabile. Sono necessarie misure urgenti per individuare e fermare la diffusione di questa malattia mortale.

Innovazione nel trattamento del carcinoma mammario metastatico

L'immunoterapia è un tipo di trattamento che utilizza semplicemente alcune parti del sistema immunitario di una persona per combattere malattie come cancro. Questo metodo prevede la stimolazione del proprio sistema immunitario affinché funzioni in modo più efficiente per attaccare le cellule tumorali/cancro nel corpo. In un nuovo studio condotto dal dottor Steven A. Rosenberg, primario di chirurgia presso il National Cancro Institute (NCI), i ricercatori hanno sviluppato un approccio unico all’immunoterapia per il trattamento cancro1. Hanno sviluppato un metodo ad alto rendimento per identificare le mutazioni presenti in cancro (cellule) e che possono essere riconosciuti dal sistema immunitario. Tutto tumori presentano mutazioni e vengono “mirate” o “attaccate” in questo metodo di immunoterapia. La nuova terapia è una forma modificata di ACT (trasferimento cellulare adottivo) che è stata precedentemente utilizzata per trattare efficacemente il melanoma (cancro della pelle) in cui è presente un elevato numero di mutazioni acquisite. Tuttavia, questo metodo è stato meno efficace per tumori che generalmente iniziano nel rivestimento dei tessuti degli organi, come lo stomaco, le ovaie e il seno. Questo studio, come affermano gli autori, è a un livello molto iniziale e per lo più sperimentale, ma è decisamente promettente.

Paziente donna di 49 anni con metastasi mammaria avanzata e in stadio avanzato cancro (cioè diffuso ad altre parti del corpo) è stata sottoposta a una sperimentazione clinica di questo nuovo metodo. In precedenza aveva ricevuto numerosi trattamenti, inclusi diversi cicli di chemioterapia e trattamenti ormonali, ma tutti questi non erano riusciti a fermare il progresso della malattia. cancro nel seno destro e si stava già diffondendo al fegato e ad altre zone del corpo. I tumori stavano colpendo anche i suoi nervi provocandole dolori lancinanti nel corpo. Si era arresa e si stava preparando mentalmente al fatto che le sue condizioni non rispondevano ai trattamenti, peggioravano rapidamente e le restavano solo altri tre anni circa da vivere. Questa era la situazione mentale in cui si trovava quando venne al processo. Per poterle applicare il trattamento immunoterapico, i ricercatori hanno sequenziato il DNA e l'RNA di un tessuto normale e di uno dei suoi tumori maligni tagliandoli in piccoli pezzi. In questo modo hanno potuto individuare attentamente le mutazioni che erano specificatamente presenti in lei cancro. Sono stati in grado di identificare 62 diverse mutazioni nelle sue cellule tumorali esaminando principalmente quattro geni interrotti che erano poi responsabili della produzione di proteine ​​anormali all'interno delle cellule tumorali.

I ricercatori hanno anche estratto le “cellule immunitarie” (linfociti infiltranti il ​​tumore o TIL) dalle biopsie tumorali per capire come il sistema immunitario del paziente ha invaso il tumore e ha cercato di ucciderlo ma ovviamente ha fallito e quindi cancro persisteva. Il sistema immunitario fallisce quando le sue cellule combattenti sono deboli o poche in numero. I ricercatori hanno analizzato quasi un miliardo di cellule immunitarie in espansione o TIL in laboratorio e hanno selezionato particolari cellule immunitarie che fossero efficaci nell’uccidere i tumori riconoscendo in primo luogo le proteine ​​anomale prodotte dalle mutazioni genetiche. Hanno poi iniettato quasi 80 miliardi di cellule immunitarie selezionate nel corpo del paziente insieme a un farmaco standard chiamato pembrolizumab che aiuta il sistema immunitario a combattere cancro. Sorprendentemente, dopo questo trattamento il paziente era ed è rimasto completamente cancro gratis da quasi 22 mesi ormai. Il paziente considera questo come una sorta di miracolo e lo è davvero. Questa nuova immunoterapia pubblicata su Nature Medicine ha dimostrato di uccidere in modo molto efficace le cellule tumorali. In uno studio clinico di fase 2 in corso2, gli scienziati stanno sviluppando una forma di ACT che utilizza TIL che prendono di mira specificamente le mutazioni delle cellule tumorali per vedere se possono essere ridotte per tumori come il seno dopo essere state infuse nuovamente nel paziente. L'obiettivo è creare una risposta immunitaria più forte contro il tumore.

Futuro

Questo caso clinico illustra in modo semplice ed efficace il potere dell’immunoterapia perché si ritiene che il nostro sistema immunitario sia piuttosto potente. Si tratta di uno studio notevole poiché il cancro al seno, come i tumori della prostata e delle ovaie, presenta pochissime mutazioni che rendono quindi più difficile per il sistema immunitario individuarli e contrassegnarli come tessuti malsani. Sebbene sperimentale in questa fase, questo nuovo approccio è molto promettente perché utilizza l’immunoterapia che dipende dalle mutazioni e non dal tipo di cancro, quindi in questo senso potrebbe essere utilizzato per il trattamento di molti tipi di cancro. Quindi, questo tipo di trattamento potrebbe essere “non”. cancro-tipo specifico”. Ha già generato speranza nel trattamento del seno metastatico incurabile cancro (che non hanno molti antigeni) dopo aver avuto successo con un paziente e quindi trattare altri tumori “difficili” come quello della prostata e dell’ovaio dovrebbe essere possibile. Sembra promettente e potrebbe essere efficace su una gamma di tumori sui quali i metodi di immunoterapia precedentemente noti non hanno funzionato molto bene. Lo studio è entusiasmante ma deve essere ripetuto affinché altri pazienti possano valutarne effettivamente il successo. I ricercatori hanno già pianificato studi clinici su larga scala per valutare l’efficacia di questa terapia per un numero maggiore di pazienti. Gli scienziati ritengono che la strada sia ancora lunga prima che una tale terapia possa essere disponibile nelle cure di routine dei pazienti. Tali terapie sono estremamente complesse e costose perché richiedono l'infiltrazione nelle cellule immunitarie del paziente e l'espansione di queste cellule non è possibile in tutti i casi. Tuttavia, uno studio rivoluzionario ha sicuramente dato una direzione all’obiettivo sfuggente di colpire diverse mutazioni nel cancro attraverso l’immunoterapia.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Zacharakis Net et al. 2018. Riconoscimento immunitario delle mutazioni somatiche che portano alla completa regressione durevole nel carcinoma mammario metastatico. Nature Medicinehttps://doi.org/10.1038/s41591-018-0040-8

2. Biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti. Immunoterapia con linfociti infiltranti il ​​tumore per i pazienti con cancro metastatico. https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT01174121. [Accesso al 6 giugno 2018].

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Il futuro dei vaccini COVID-19 basati sull'adenovirus (come Oxford AstraZeneca) alla luce dei recenti...

Tre adenovirus utilizzati come vettori per produrre vaccini COVID-19,...

Sfondo di onde gravitazionali (GWB): una svolta nel rilevamento diretto

L'onda gravitazionale è stata rilevata direttamente per la prima volta in...

Criptobiosi: la sospensione della vita su scale temporali geologiche ha un significato per l'evoluzione

Alcuni organismi hanno la capacità di sospendere i processi vitali quando...
- Annuncio pubblicitario -
94,247FanCome
47,616SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi