PUBBLICITA

Nuova speranza per attaccare la forma più letale di malaria

MEDICINANuova speranza per attaccare la forma più letale di malaria

Una serie di studi descrive un anticorpo umano che può prevenire efficacemente la malaria più mortale causata dal parassita Plasmodium falciparum

Malaria è uno dei più gravi problemi di salute pubblica a livello mondiale. È una malattia pericolosa per la vita causata da parassiti - microscopici organismi unicellulari chiamati Plasmodium. La malaria si trasmette alle persone attraverso il morso di una femmina infetta “molto efficiente” Anofele zanzara. Ogni anno circa 280 milioni di persone vengono colpite da malaria in più di 100 paesi provocando 850,00 morti a livello globale. La malaria si trova prevalentemente nelle aree tropicali e subtropicali dell'Africa, del Sud America e dell'Asia. È una delle più importanti malattie parassitarie tropicali e la seconda malattia trasmissibile più mortale dopo la tubercolosi. La regione africana porta una quota sproporzionatamente elevata del carico globale di malaria con oltre il 90% di casi e decessi solo in questa regione. Una volta morso da una zanzara portatrice di parassiti, il parassita infetta le persone e provoca i sintomi della malaria come febbre alta, brividi, sintomi simil-influenzali e anemia. Questi sintomi sono particolarmente pericolosi per le donne in gravidanza e anche per i bambini che a volte devono soffrire per tutta la vita degli effetti collaterali della malattia. La malaria può essere prevenuta ed è anche curabile se rilevata e trattata con cure appropriate e tempestive, altrimenti può essere fatale. Ci sono due aspetti della ricerca sulla malaria, uno è controllare le zanzare e l'altro è creare farmaci e vaccini per prevenire e controllare l'infezione. La comprensione di come un'infezione da malaria influisce sulla risposta immunitaria umana può aiutare nell'obiettivo più ampio di creare vaccini per prevenire la malaria.

Meno di 100 anni fa, la malaria era endemica in tutto il mondo, inclusi il Nord America e l'Europa, anche se ora è stata debellata in questi continenti. Tuttavia, per motivi umanitari, è importante che la ricerca sulla malaria rimanga rilevante perché un numero enorme di persone in tutto il mondo è colpito dalla malaria e, di fatto, tre miliardi di persone vivono in aree a rischio di malaria. Sono state citate molteplici ragioni per cui i paesi sviluppati che non affrontano casi di malaria dovrebbero impegnarsi a sradicare la malaria nei paesi in via di sviluppo e poveri. Queste ragioni includono la garanzia dei diritti umani fondamentali di ogni essere umano attraverso la giustizia e il rafforzamento della sicurezza e della pace nel mondo. Il rischio non è solo per la salute, poiché colpisce anche la stabilizzazione delle economie e delle popolazioni nelle parti in via di sviluppo del mondo con persone a rischio di malaria, imponendo costi elevati sia agli individui che ai governi. Pertanto, è imperativo che le nazioni sviluppate raggiungano e contribuiscano alla prosperità economica non solo di questi paesi, ma anche dei loro poiché sono interconnessi.

Progressi nei farmaci e nei vaccini contro la malaria

Tuttavia, la prevenzione e il trattamento mirati nel corso dei decenni hanno ridotto il numero di casi di malaria e anche di decessi, ma il parassita della malaria è un nemico molto duro. I trattamenti farmacologici spesso devono essere assunti quotidianamente per essere efficaci e possono essere di difficile accesso, in particolare nei paesi poveri. La resistenza ai farmaci è una sfida importante per i noti farmaci antimalarici che ostacolano il controllo della malaria. Questa resistenza si verifica generalmente perché ogni farmaco antimalarico prende di mira un particolare ceppo del parassita e quando si originano ceppi più nuovi (a causa del fatto che alcuni parassiti si evolvono e sopravvivono all'attacco di un farmaco), i farmaci sono resi inutili. Questo problema di resistenza è aggravato dalla resistenza crociata, in cui la resistenza a un farmaco conferisce resistenza ad altri farmaci che appartengono alla stessa famiglia chimica o che hanno modalità d'azione simili. Attualmente non esiste un vaccino unico, altamente efficace e di lunga durata per prevenire la malaria. Dopo decenni di ricerca, è stato approvato un solo vaccino contro la malaria (chiamato PfSPZ-CVac, sviluppato dall'azienda di biotecnologie Sanaria) che richiede quattro vaccinazioni in una serie di mesi e si ritiene che sia efficace solo al 50%. Il motivo per cui i vaccini sono per lo più inefficaci è perché la malaria ha un ciclo di vita estremamente complesso ei vaccini generalmente funzionano quando l'infezione da malaria è in una fase molto precoce, cioè nel fegato. Una volta che l'infezione si sposta in una fase successiva del sangue, il corpo non è in grado di creare cellule immunitarie protettive e i loro anticorpi e quindi contrasta il meccanismo del vaccino rendendolo inefficace.

Un nuovo candidato è qui!

In un recente progresso1, 2 nella ricerca sul vaccino contro la malaria pubblicata in due articoli in Nature Medicine, gli scienziati hanno scoperto un anticorpo umano in grado di proteggere i topi dall'infezione del più letale parassita della malaria, Plasmodium falciparum. I ricercatori del National Institute of Allergy and Infectiousdiseases, Fred Hutchinson Cancer Research Center, Seattle e Center for Infectious Disease Research, Seattle, USA hanno proposto questo nuovo anticorpo come potenziale candidato non solo per fornire una protezione a breve termine contro la malaria, ma affermano che questo un nuovo composto potrebbe anche aiutare nella progettazione di vaccini per la malaria. Gli anticorpi, in generale, sono uno dei meccanismi di difesa più grandi e migliori del nostro corpo perché circolano in tutto il corpo e si legano/si attaccano a parti molto specifiche degli invasori: gli agenti patogeni.

I ricercatori hanno isolato un anticorpo umano, chiamato CIS43, dal sangue di un volontario che aveva ricevuto un dosaggio più debole di un precedente vaccino sperimentale. Questo volontario è stato poi esposto a zanzare infettive portatrici di malaria (in condizioni controllate). Si è visto che non era infetto dalla malaria. Inoltre, questi esperimenti sono stati condotti su topi e non sono stati nemmeno infettati, suggerendo che CIS43 è altamente efficace nel prevenire l'infezione da malaria. È stato anche compreso come funziona effettivamente questo CIS43. Il CIS43 si lega a una porzione specifica di un'importante proteina di superficie del parassita bloccando la sua attività e quindi interrompendo l'infezione che stava per verificarsi nel corpo. Questa interruzione si verifica perché una volta che CIS43 è legato al parassita, il parassita non è in grado di attraversare la pelle e raggiungere il fegato dove dovrebbe iniziare un'infezione. Questo tipo di azione preventiva rende il CIS43 un candidato molto attraente per un vaccino e potrebbe essere utile per operatori sanitari, turisti, personale militare o altri che si recano in aree dove la malaria è comune. Inoltre, anche se l'anticorpo agisce solo per diversi mesi, può essere combinato con la terapia farmacologica antimalarica per la somministrazione di massa di farmaci per l'eliminazione totale del malattia.

Questa è una ricerca molto eccitante e rivoluzionaria nel campo della malaria e la scoperta di questo anticorpo potrebbe essere un punto di svolta in termini di terapie per questa malattia. È interessante notare che la regione sulla proteina superficiale del parassita che si lega a CIS43 è la stessa o conserva quasi il 99.8 percento in tutti i ceppi noti di parassita Plasmodium falciparum, quindi rende questa regione un bersaglio attraente per lo sviluppo di nuovi vaccini contro la malaria oltre a CIS43. Questa particolare area del parassita della malaria è stata presa di mira per la prima volta rendendolo un nuovo studio con decine di potenziali in futuro. I ricercatori hanno in programma di valutare ulteriormente la sicurezza e l'efficacia dell'anticorpo CIS43 appena descritto negli studi sull'uomo nel prossimo futuro.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Kisalu NK et al. 2018. Un anticorpo monoclonale umano previene l'infezione della malaria prendendo di mira un nuovo sito di vulnerabilità sul parassita. Nature Medicinehttps://doi.org/10.1038/nm.4512

2. Tan J et al. 2018. Una linea di anticorpi pubblici che inibisce potentemente l'infezione della malaria attraverso il doppio legame al circumsporozoite. Nature Medicinehttps://doi.org/10.1038/nm.4513

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Un candidato farmaco antivirale ad ampio spettro

Uno studio recente ha sviluppato un nuovo potenziale farmaco ad ampio spettro...

Come può essere sorta la variante Omicron di COVID-19?

Una delle caratteristiche insolite e più intriganti di pesantemente...

mRNA-1273: il vaccino mRNA di Moderna Inc. contro il nuovo coronavirus mostra risultati positivi

Un'azienda biotecnologica, Moderna, Inc. ha annunciato che 'mRNA-1273',...
- Annuncio pubblicitario -
99,031FanMi Piace
64,260SeguaciSegui
6,168SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi