PUBBLICITA

Intolleranza al glutine: un passo promettente verso lo sviluppo di un trattamento per la fibrosi cistica e la celiachia

MEDICINAIntolleranza al glutine: un passo promettente verso lo sviluppo di un trattamento per la fibrosi cistica e la celiachia

Lo studio suggerisce una nuova proteina coinvolta nello sviluppo dell'intolleranza al glutine che può essere un bersaglio terapeutico.

Quasi 1 persona su 100 soffre di celiachia, una malattia genetica comune che a volte può essere scatenata anche da fattori ambientali e dall'alimentazione. Persone affette da celiachia malattia sviluppare una sensibilità al glutine, che si trova nel grano, nella segale e nell'orzo. Questa malattia è una grave malattia autoimmune del nostro intestino in cui il nostro sistema immunitario innesca una risposta contro le cellule del nostro corpo - da qui l'"autoimmunità" - quando qualsiasi cibo contenente glutine viene consumato. Questa risposta negativa del nostro sistema immunitario danneggia la superficie dell'intestino tenue. Inizialmente la celiachia è stata riscontrata nei paesi con una popolazione caucasica più alta, ora viene segnalata anche nelle popolazioni. Purtroppo non esiste una cura disponibile per la celiachia e la necessità dei pazienti di tenere sotto stretto controllo la loro dieta che è l'unica terapia disponibile.

Associazione tra celiachia e cistica fibrosi

La celiachia si verifica anche più in alto (di quasi tre volte) nelle persone che soffrono di fibrosi cistica poiché esiste una co-occorrenza definita tra queste due malattie. Nella fibrosi cistica, il muco denso e appiccicoso si accumula nei polmoni e nell'intestino principalmente a causa di mutazioni nel gene per la proteina CFTR (regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica). La proteina CFTR svolge un ruolo centrale nel mantenere fluido il muco. Quindi, quando questa proteina di trasporto ionico non viene generata, il muco inizia a intasarsi e questo malfunzionamento innesca anche altre reazioni problematiche nei polmoni, nell'intestino e in altri organi principalmente a causa dell'attivazione del sistema immunitario. Queste reazioni o effetti sono molto simili a quelli innescati dal glutine nei pazienti celiaci. Ecco perché si comprende che questi due disturbi sono collegati.

Ricercatori dall'Italia e dalla Francia hanno cercato di capire la natura della connessione tra malattia celiaca e fibrosi cistica a livello molecolare nel loro studio pubblicato Il diario EMBO. Poiché il glutine è molto difficile da digerire, le sue parti proteiche più lunghe entrano nell'intestino. I ricercatori hanno utilizzato linee cellulari intestinali umane in laboratorio che sono sensibili al glutine. Si è visto che una particolare parte proteica (o peptide) chiamata P31-43 è in grado di legarsi direttamente al CFTR e di comprometterne la funzione. E una volta che la funzione di CFTR è ostacolata, vengono attivati ​​lo stress cellulare e l'infiammazione. I ricercatori hanno concluso che CFTR è cruciale nel mediare la sensibilità al glutine nei pazienti celiaci.

Un particolare composto chiamato VX-770 potrebbe inibire l'interazione tra il peptide P31-43 e la proteina CFTR bloccando il sito attivo sulla proteina bersaglio. Quindi, quando cellule o tessuti intestinali umani che sono stati raccolti da pazienti celiaci sono stati pre-incubati con VX-770, l'interazione tra il peptide aggiunto e la proteina non ha avuto luogo e quindi la reazione immunitaria non è stata suscitata affatto. Questo contrassegna VX-770 come essenziale per proteggere le cellule epiteliali sensibili al glutine dagli effetti negativi del consumo di glutine. Nei topi sensibili al glutine, VX-771 fornisce protezione dai sintomi intestinali indotti dal glutine.

Questo studio è un promettente primo passo verso lo sviluppo di un trattamento tramite inibitori della proteina CFTR che può trattare la fibrosi cistica e può anche essere un punto di partenza per lo sviluppo di un potenziale trattamento per la celiachia. Sono necessari ulteriori studi clinici per analizzare la dose e la somministrazione dei potenziali inibitori CFTR. I risultati potrebbero aiutare i pazienti che hanno intolleranza al glutine poter utilizzare i farmaci senza modificare o limitare la propria dieta.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Villella VR et al. 2018. Un ruolo patogeno per il regolatore della conduttanza transmembrana della fibrosi cistica nella malattia celiaca. Il diario EMBOhttps://doi.org/10.15252/embj.2018100101

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Campo magnetico terrestre: il Polo Nord riceve più energia

Una nuova ricerca amplia il ruolo del campo magnetico terrestre. Nel...

Trattamenti di realtà virtuale automatizzata (VR) per i disturbi di salute mentale

Lo studio mostra l'efficacia di un trattamento automatizzato di realtà virtuale...

L'allenamento di resistenza di per sé non è ottimale per la crescita muscolare?

Uno studio recente suggerisce che combinando un carico elevato...
- Annuncio pubblicitario -
99,031FanMi Piace
64,260SeguaciSegui
6,168SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi