PUBBLICITA

Aviptadil potrebbe ridurre la mortalità tra i pazienti gravemente malati di COVID

Nel giugno 2020, lo studio RECOVERY condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Oxford nel Regno Unito ha riportato l'uso di desametasone a basso costo1 per il trattamento di pazienti gravemente malati di COVID-19 riducendo l'infiammazione. Recentemente, un farmaco a base di proteine, chiamato Aviptadil, è stato rapidamente seguito dalla FDA per l'esecuzione di studi clinici su livelli da moderati a gravemente pazienti malati di COVID. Il processo è iniziato il 1st Luglio 2020 e i primi risultati sono molto incoraggianti.  

La corsa è per sviluppare farmaci sicuri ed efficaci per il trattamento di COVID-19, che ha attanagliato il mondo intero e causato significative sfide economiche e sanitarie per più di 200 nazioni in tutto il mondo. Sebbene alcuni farmaci antivirali a piccole molecole siano stati approvati come misura correttiva, ci sono effetti collaterali associati a questi farmaci a piccole molecole. È aperta la caccia a farmaci specifici a base di proteine ​​che includano anticorpi monoclonali2 che sono più specifici e hanno pochi effetti collaterali. Inoltre, da una prospettiva a lungo termine di protezione della popolazione globale, il mondo intero attende con impazienza un vaccino sicuro ed efficace che aiuti a sviluppare l'immunità attiva contro il virus e riporti la vita alla normalità com'era prima del COVID-19. 

Aviptadil è una formulazione di polipeptide intestinale vasoattivo sintetico (VIP). Il VIP è stato scoperto per la prima volta nel 1970 dal dottor Sami Said, uno specialista in medicina polmonare. È presente in alte concentrazioni nei polmoni dove è coinvolto nel rilassamento delle vie aeree e dei vasi polmonari. Il VIP è stato anche identificato come un potente fattore antinfiammatorio, che agisce regolando la produzione di mediatori sia anti- che pro-infiammatori3 e funziona bloccando le citochine infiammatorie. 

L'uso di Aviptadil negli studi clinici recentemente approvati ha portato a un rapido recupero dei pazienti dall'insufficienza respiratoria in pazienti critici Covid-19. Dopo aver somministrato il farmaco, ha eliminato l'infiammazione polmonare, migliorato i livelli di ossigeno nel sangue e ridotto i marcatori infiammatori di oltre il 50% in più di 15 pazienti4. Tuttavia, sono necessari ulteriori dati dallo studio clinico per stabilire la sicurezza e l'efficacia di Aviptadil in un numero maggiore di pazienti, compresi i pazienti con una gravità inferiore della malattia, per garantire che si osservino osservazioni simili. 

*** 

Riferimenti: 

  1. Soni, R, 2020. Desametasone: gli scienziati hanno trovato una cura per i pazienti gravemente malati di COVID-19? Scientifico Europeo. Pubblicato il 14 agosto 2020. Disponibile online su http://scientificeuropean.co.uk/dexamethasone-have-scientists-found-cure-for-severely-ill-covid-19-patients/
  1. Soni, R, 2020. Anticorpi monoclonali e farmaci a base di proteine ​​potrebbero essere usati per trattare i pazienti COVID-19. Scientifico Europeo. Pubblicato il 14 agosto 2020. Disponibile online su http://scientificeuropean.co.uk/monoclonal-antibodies-and-protein-based-drugs-could-be-used-to-treat-covid-19-patients/ 
  1. Delgado M, Abad C, Martinez C, Juarranz MG, Arranz A, Gomariz RP, Leceta J. Peptide intestinale vasoattivo nel sistema immunitario: potenziale ruolo terapeutico nelle malattie infiammatorie e autoimmuni. J Mol Med (2002) 80:16-24. DOI: https://doi.org/10.1007/s00109-001-0291-5 
  1. Youssef JG, Zahiruddin F, Al-Saadi M, Yau S, Goodarzi A, Huang HJ, Javitt JC. Breve rapporto: rapido recupero clinico da COVID-19 critico con insufficienza respiratoria in un paziente con trapianto di polmone trattato con peptide intestinale vasoattivo per via endovenosa. Preprint 2020, 2020070178 DOI: https://doi.org/10.20944/preprints202007.0178.v2 

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Nuove immagini più dettagliate della regione di formazione stellare NGC 604 

Il James Webb Space Telescope (JWST) ha ripreso il vicino infrarosso e...

Una nuova terapia combinata per il morbo di Alzheimer: la sperimentazione animale mostra risultati incoraggianti

Lo studio mostra una nuova terapia combinata di due piante...
- Annuncio pubblicitario -
94,567FanCome
47,690SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi