PUBBLICITA

Un nuovo farmaco antidolorifico che non crea dipendenza

MEDICINAUn nuovo farmaco antidolorifico che non crea dipendenza

Gli scienziati hanno scoperto un farmaco bifunzionale sintetico sicuro e che non crea dipendenza per alleviare il dolore

Gli oppioidi forniscono il più efficace del dolore. Tuttavia, il consumo di oppioidi ha raggiunto un punto di crisi e sta diventando un enorme onere per la salute pubblica in molti paesi, specialmente negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito. La "crisi degli oppioidi" è iniziata negli anni '90 quando i medici hanno iniziato a prescrivere farmaci a base di oppioidi dolore analgesici come idrocodone, ossicodone, morfina, fentanil e molti altri a un tasso più elevato. Di conseguenza, il numero prescritto di oppioidi è attualmente a livelli massimi, portando a un elevato consumo, sovradosaggio e disturbi da abuso di oppiacei. L'overdose di droga è la principale causa di morte nei giovani che altrimenti sarebbero liberi da malattie. Questi farmaci sono altamente addictive poiché sono accompagnati da sentimenti di euforia. I farmaci oppioidi da prescrizione più comuni come il fentanil e l'ossicodone producono anche molti effetti collaterali indesiderati.

Gli scienziati hanno cercato di trovare un'alternativa antidolorifico farmaco che sarebbe efficace quanto gli oppioidi nell'alleviare il dolore, ma senza effetti collaterali pericolosi non necessari e rischio di dipendenza. La sfida centrale nel trovare un'alternativa è stata che gli oppioidi funzionano legandosi a un gruppo di recettori nel cervello che bloccano contemporaneamente il dolore e innescano anche sensazioni di piacere che causano dipendenza. In uno studio pubblicato su Science Translational Medicine, scienziati provenienti da Stati Uniti e Giappone hanno deciso di sviluppare un composto chimico che si concentrerà su due obiettivi, ovvero due specifici recettori oppioidi nel cervello. Il primo obiettivo è il recettore oppioide "mu" (MOP) a cui si legano i farmaci tradizionali, rendendo gli oppioidi così efficaci nell'alleviare il dolore. Il secondo obiettivo è il recettore della nocicezione (NOP) che blocca la dipendenza e gli effetti collaterali correlati all'abuso degli oppioidi che prendono di mira il MOP. Tutti i farmaci oppioidi da prescrizione noti funzionano solo sul primo MOP target ed è per questo che creano dipendenza e mostrano una serie di effetti collaterali. Se un farmaco può lavorare su entrambi questi bersagli contemporaneamente, questo risolverebbe il problema. Il team ha scoperto un nuovo composto chimico AT-121, che mostra la doppia azione terapeutica richiesta, in un modello animale di primati non umani o scimmie rhesus (Macaca mulatta). Lo studio è stato condotto su 15 scimmie rhesus adulte, maschi e femmine. AT-121 sopprime gli effetti di dipendenza mentre produce un risultato analgesico simile alla morfina per il trattamento del dolore. L'effetto è simile a quello che fa la buprenorfina composta per l'eroina drogata. Il minor rischio di dipendenza è stato valutato da un semplice esperimento in cui alle scimmie è stato dato accesso all'autosomministrazione dell'AT-121 premendo un pulsante, e hanno scelto di non farlo. Ciò era in netto contrasto con l'ossicodone, un farmaco oppioide convenzionale, che gli animali avrebbero continuato a somministrare fino a quando non avrebbero dovuto interrompere il sovradosaggio. In questo esperimento a breve termine, le scimmie non hanno mostrato alcun segno di dipendenza.

Dal punto di vista farmaceutico, AT-121 è una combinazione equilibrata di due farmaci in una singola molecola e quindi viene chiamato farmaco bifunzionale. AT-121 ha mostrato un livello simile di sollievo dal dolore efficace come la morfina, ma a un dosaggio cento volte inferiore alla morfina. Questa è una scoperta cruciale poiché questo medicinale è stato in grado di alleviare il dolore senza rischio di dipendenza e senza gli effetti collaterali dannosi che si osservano comunemente con il sovradosaggio di oppiacei come prurito e effetti respiratori fatali.

L'attuale studio è stato condotto su un modello di primate (scimmie) - una specie strettamente imparentata con l'uomo - rendendo questo studio più promettente con una maggiore probabilità di risultati simili negli esseri umani. Pertanto, un composto come AT-121 è una potenziale alternativa agli oppioidi. Gli scienziati cercano di condurre studi preclinici per garantire la sicurezza dell'AT-121 prima di valutarlo negli esseri umani. Il farmaco deve anche essere testato per "attività fuori bersaglio", cioè ogni possibile interazione che crea con altre aree del cervello o anche al di fuori del cervello. Ciò contribuirà a determinare eventuali altri probabili effetti collaterali. Il farmaco mostra enormi promesse come farmaco alternativo sicuro per il trattamento del dolore. Se testato con successo sugli esseri umani, può aiutare a placare il carico medico avendo un enorme impatto sulle vite umane.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Ding H et al. 2018. Un nociceptin bifunzionale e un agonista del recettore degli oppioidi mu sono analgesici senza effetti collaterali degli oppioidi nei primati non umani. Science Translational Medicine. 10 (456).
https://doi.org/10.1126/scitranslmed.aar3483

***

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

COVID-19 in Inghilterra: la revoca delle misure del piano B è giustificata?

Il governo inglese ha recentemente annunciato la revoca del piano...

Nanostrutture DNA Origami per il trattamento dell'insufficienza renale acuta

Un nuovo studio basato sulla nanotecnologia genera speranza per...

Comprensione dei gemelli sesquizigoti (semi-identici): il secondo tipo di gemellaggio non segnalato in precedenza

Il caso di studio riporta i primi rari gemelli semi-identici nell'uomo...
- Annuncio pubblicitario -
99,044FanMi Piace
64,265SeguaciSegui
6,169SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi