Una nuova terapia combinata per il morbo di Alzheimer: la sperimentazione animale mostra risultati incoraggianti

MEDICINAUna nuova terapia combinata per il morbo di Alzheimer: la sperimentazione animale mostra risultati incoraggianti

Lo studio mostra una nuova terapia combinata di due composti di origine vegetale per invertire il deterioramento cognitivo nei topi

Almeno 50 milioni di persone vivono con La malattia di Alzheimer In tutto il mondo. Il numero totale di pazienti con malattia di Alzheimer potrebbe superare i 152 milioni entro il 2050. I primi segni di deterioramento cognitivo nei pazienti con malattia di Alzheimer (AD) sono problemi di memoria e difficoltà nel processo decisionale. Con il progredire della malattia, i pazienti sperimentano una significativa perdita di memoria e difficoltà cognitive. Non esiste una cura per il morbo di Alzheimer e nemmeno un mezzo per fermarne o rallentarne la progressione malattia. Sono disponibili farmaci limitati e altre opzioni che possono alleviare alcuni dei sintomi. Nella malattia di Alzheimer, le placche amiloidi si accumulano tra i neuroni nel cervello dei pazienti. Nelle persone sane, le proteine frammenti chiamati proteina beta amiloide vengono scomposti e rimossi. Ma nel caso dell'Alzheimer, questi frammenti si accumulano per formare placche amiloidi dure e insolubili che contribuiscono alla trasmissione alterata degli impulsi attraverso i neuroni e causano i successivi sintomi della malattia.

In uno studio pubblicato Journal of Biological Chemistry, i ricercatori hanno dimostrato che una combinazione terapia potrebbe invertire i sintomi del morbo di Alzheimer nei topi che erano geneticamente predisposti a sviluppare il morbo di Alzheimer. Sono stati esplorati due promettenti composti di origine vegetale che hanno proprietà amiloidogeniche complementari, in primo luogo EGCG (epigallocatechina-3-gallato) un componente importante del tè verde e in secondo luogo FA (acido ferulico) che è presente in pomodori, riso, avena e carote. Tali composti dietetici naturali sono chiamati "nutraceutici" – composti che sono integratori naturali ben tollerati, hanno proprietà simili a farmaci e potrebbero essere semplicemente incorporati nella propria dieta.

Per l'analisi, 32 topi con AlzheimerI sintomi simili sono stati assegnati casualmente in quattro gruppi. Ogni gruppo aveva lo stesso numero di maschi e femmine e anche topi sani. Quando i topi avevano 12 mesi, sono stati somministrati (a) EGCG e FA (b) EGCG o FA o (c) un placebo una volta al giorno per un periodo di 3 mesi. Il dosaggio somministrato era di 30 mg per kg di peso corporeo poiché questa dose è ben tollerata dall'uomo e può essere consumata come parte di un integratore alimentare sano. Prima e dopo questa somministrazione dietetica speciale, i ricercatori hanno condotto test neuropsicologici che possono analizzare il pensiero e la memoria e quindi fare valutazioni sulla malattia. Uno dei test effettuati per la valutazione della memoria è stato il "labirinto a forma di Y" che può testare la memoria di lavoro spaziale di un topo, analogamente a un essere umano che trova una via d'uscita da un edificio. I topi con sintomi simili all'Alzheimer non possono navigare in un simile labirinto con facilità rispetto alle controparti sane.

Dopo la somministrazione di una dieta speciale per tre mesi, i topi con sintomi simili all'Alzheimer si sono comportati in modo simile ai topi sani nei test di apprendimento e memoria. Ciò ha suggerito che la terapia combinata di EGCG-FA inverte il deterioramento cognitivo nei topi con sintomi simili all'Alzheimer. I topi trattati con una combinazione di EGCG-FA hanno mostrato una ridotta abbondanza di proteine ​​beta-amiloide rispetto al trattamento individuale di questi composti. Il meccanismo sottostante potrebbe essere la capacità di questi composti di impedire che le proteine ​​precursori dell'amiloide si scompongano in frammenti proteici più piccoli – l'amiloide-beta – che si accumulano nel cervello di un malato di Alzheimer come placche. EGCG e FA insieme hanno ridotto la neuroinfiammazione e lo stress ossidativo nel cervello, entrambi elementi importanti dell'Alzheimer negli esseri umani. La ricerca che ha successo sui topi potrebbe non tradursi nell'uomo, ma tali sostanze o integratori di origine vegetale offrono una promessa significativa verso la terapia dell'Alzheimer negli esseri umani.

Questa ricerca di successo sui topi potrebbe aprire la strada a sperimentazioni umane. Tali sostanze o integratori di origine vegetale offrono una promessa significativa verso la terapia dell'Alzheimer.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Mori T et al. 2019. Il trattamento combinato con i fenoli (-)-epigallocatechina-3-gallato e l'acido ferulico migliora la cognizione e riduce la patologia simile all'Alzheimer nei topi. Journal of Biological Chemistry. 294 (8). http://dx.doi.org/10.1074/jbc.RA118.004280

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

"Autofocals", un prototipo di occhiali per correggere la presbiopia (perdita della vista da vicino)

Scienziati della Stanford University hanno sviluppato un prototipo di...

COVID-19 in Inghilterra: la revoca delle misure del piano B è giustificata?

Il governo inglese ha recentemente annunciato la revoca del piano...

La cometa Leonard (C/2021 A1) potrebbe diventare visibile ad occhio nudo il 12 dicembre...

Delle numerose comete scoperte nel 2021, la cometa C/2021...
- Annuncio pubblicitario -
97,428FanMi Piace
62,352SeguaciSegui
1,886SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi