PUBBLICITA

Zuccheri e dolcificanti artificiali dannosi allo stesso modo

Recenti studi hanno dimostrato che i dolcificanti artificiali devono essere affrontati con cautela e potrebbero non essere buoni e possono causare condizioni come il diabete e l'obesità.

Si dice che lo zucchero sia dannoso per il nostro corpo principalmente perché ha un alto contenuto calorico e un valore nutritivo nullo. Tutti i tipi di cibi e bevande deliziosi e divertenti ad alto contenuto di zuccheri possono sostituire i carboidrati complessi più ricchi di nutrienti (che forniscono vitamine, minerali e fibre). Inoltre, i cibi zuccherati non forniscono la sazietà che si ottiene da altri cibi più sani, quindi le persone tendono a consumare più calorie quando mangiano cibi con più zucchero, portando all'obesità e all'aumento di peso. Questo aumento di peso è stato associato ad un alto rischio di malattie cardiache, diabete e alcuni tipi di cancro. Inoltre, se hai già il diabete o una condizione correlata al diabete, lo zucchero aumenterà la glicemia e i trigliceridi, che è un fattore di rischio per l'ipertensione e le malattie cardiache. Semplice di zucchero è anche correlato a carie e carie, livelli di energia scarsi e può portare a voglie di zucchero poiché il corpo non diventa mai completamente soddisfatto da cibi sani.

Cosa sono i dolcificanti artificiali?

Artificiale i dolcificanti sono sostanze chimiche ipocaloriche o prive di calorie che vengono utilizzate al posto dello zucchero per addolcire cibi e bevande. Si trovano in migliaia di prodotti tra cui bevande, dessert, pasti pronti, gomme da masticare e dentifricio. I dolcificanti forniscono un sapore dolce ma dopo essere stati consumati, a differenza dello zucchero, non aumentano i livelli di zucchero nel sangue. Saccarina (zucchero in latino) è stato il primo dolcificante artificiale scoperto casualmente nel 1897 da un ricercatore della Johns Hopkins University, USA, che stava cercando nuovi usi per i derivati ​​del catrame di carbone. La scoperta di un altro dolcificante chiamato ciclamato nel 1937 ha coinciso con l'ascesa della soda dietetica (Pepsi e Coca Cola) negli anni '1950 ed è ancora utilizzata oggi nella dieta Pepsi. I dolcificanti sono considerati sicuri, ma dire che sono molto salutari e non hanno effetti collaterali sul nostro corpo è altamente discutibile. La maggior parte dei produttori di alimenti afferma che i dolcificanti aiutano a prevenire la carie, a controllare i livelli di zucchero nel sangue e a ridurre il nostro apporto calorico. Anche i dolcificanti possono avere un effetto stimolante sull'appetito e quindi può svolgere un ruolo nell'aumento di peso e nell'obesità. Tuttavia, la ricerca sui dolcificanti è ancora incoerente, mista, a volte parziale e molto in corso. La maggior parte degli studi non concludono universalmente gli aspetti positivi o negativi dei dolcificanti artificiali, ma sottolineano il fatto che questi dolcificanti possono avere anche conseguenze negative sulla salute1.

I dolcificanti artificiali sono tutti buoni o cattivi?

La maggiore consapevolezza delle conseguenze sulla salute del consumo eccessivo di zucchero – per tutti i consumatori di tutte le fasce d'età – ha portato negli ultimi decenni al drammatico aumento del consumo di dolcificanti artificiali a zero calorie sotto forma di bevande o alimenti. Si può affermare che i dolcificanti artificiali sono ora gli additivi alimentari più comunemente usati in tutto il mondo. Tuttavia, gli esperti di salute sostengono che, nonostante questa pubblicità, consapevolezza e utilizzo, c'è ancora un continuo aumento dei casi di obesità e diabete. Una recente ricerca completa2 presentata all'incontro di Biologia Sperimentale del 2018 mostra che questi dolcificanti (sostituti dello zucchero) possono causare cambiamenti di salute legati al diabete e all'obesità e potrebbero non essere buoni per nessuno (gruppo normale o a rischio). Questa è la più grande ricerca fino ad oggi che tiene traccia con successo dei cambiamenti biochimici nel corpo dopo il consumo di zucchero e sostituti dello zucchero utilizzando un approccio chiamato "metabolomica imparziale ad alto rendimento". Lo studio è stato condotto su ratti e colture cellulari ed è stato studiato l'impatto delle sostanze sul rivestimento dei vasi sanguigni nel corpo che ha suggerito lo stato di salute. Si è visto che sia lo zucchero che i dolcificanti artificiali sembrano esibire effetti negativi relativi all'obesità e al diabete, proprio con meccanismi diversi.

Zucchero e dolcificanti dannosi allo stesso modo

In questo studio, i ricercatori hanno nutrito ratti (appartenenti a due gruppi diversi) con diete ad alto contenuto di glucosio o fruttosio (due tipi di zucchero naturale), o aspartame o acesulfame potassio (i comuni dolcificanti artificiali a zero calorie). Dopo un periodo di tre settimane hanno studiato le differenze nelle concentrazioni di sostanze biochimiche, grassi e amminoacidi nei loro campioni di sangue. È noto che fino a un certo punto i nostri macchinari del corpo sono molto intelligenti e possono gestire lo zucchero, è l'eccesso di consumo cronico per un lungo periodo di tempo che provoca il guasto del nostro macchinario naturale. I risultati dello studio hanno mostrato che il dolcificante artificiale acesulfame potassio sembrava accumularsi nel sangue portando a concentrazioni più elevate, con un effetto dannoso sulle cellule che rivestono i vasi sanguigni. Sono stati osservati cambiamenti innaturali negativi nel metabolismo dei grassi e dell'energia dopo aver sostituito gli zuccheri naturali con dolcificanti artificiali non calorici. Non ci può essere una conclusione semplice o chiara da questo studio, affermano gli autori, poiché sono necessarie ulteriori ricerche in questo settore. Tuttavia, un aspetto che è chiaro è che gli alti zuccheri nella dieta e i dolcificanti artificiali "entrambi" hanno un esito negativo sulla salute in un individuo altrimenti sano. Lo studio, inoltre, non suggerisce di rinunciare a questi dolcificanti affermando che ciò eliminerebbe qualsiasi rischio di obesità o diabete. Lo studio diffonde piuttosto un approccio di "moderazione" per escludere rischi per la salute e non promuove un divieto generale sui dolcificanti artificiali in quanto tali.

I dolcificanti artificiali promuovono il diabete

Uno studio inedito3 presentato all'ENDO 2018, meeting annuale della Endocrine Society USA, mostra che il consumo di edulcoranti ipocalorici potrebbe favorire la sindrome metabolica e causare il diabete soprattutto nelle persone obese. La sindrome metabolica consiste in rischi come ipertensione, glicemia alta, colesterolo anormale e grasso addominale alto. Questi rischi promuovono malattie dei vasi sanguigni e del cuore che portano ad attacchi e ictus insieme a un rischio molto elevato di diabete. Questo studio ha mostrato che nelle cellule staminali i dolcificanti artificiali hanno promosso l'accumulo di grasso in modo dose-dipendente, a differenza delle cellule che non sono state esposte a tali sostanze artificiali. Ciò accade per l'aumento dell'ingresso di glucosio nelle cellule. Inoltre, osservando campioni di grasso di individui obesi che consumavano questi dolcificanti artificiali, si è scoperto che la stessa cosa stava accadendo anche nelle cellule adipose. Pertanto, questa è una causa di maggiore preoccupazione per le persone che hanno l'obesità o il diabete rispetto alle controparti di peso normale perché hanno più insulina e più glucosio nel sangue. Questo porta solo ad un aumento del rischio di infarto e ictus.

La parola non è definitiva sui dolcificanti artificiali poiché sono in corso ricerche per comprenderne gli effetti. Ma una cosa è sicuramente chiara è che anche tali sostanze artificiali non dovrebbero essere consumate alla cieca dal pubblico e ad esse deve essere applicato un approccio di moderazione come con gli altri cibi e bevande "presumibilmente" salutari.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Suez J et al. 2014. I dolcificanti artificiali inducono l'intolleranza al glucosio alterando il microbiota intestinale. Natura.. 514.
https://doi.org/10.1038/nature13793

2. EB 2018, Incontro di Biologia Sperimentale.
https://plan.core-apps.com/eb2018/abstract/382e0c7eb95d6e76976fbc663612d58a
. [Accesso al 1 maggio 2018].

3. ENDO 2018, Incontro Annuale della Società Endocrina USA.
https://www.endocrine.org/news-room/2018/consuming-low-calorie-sweeteners-may-predispose-overweight-individuals-to-diabetes
. [Accesso al 1 maggio 2018].

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

La sottovariante Omicron BA.2 è più trasmissibile

La sottovariante Omicron BA.2 sembra essere più trasmissibile di...

Cosa fa vivere il Ginkgo biloba da mille anni

Gli alberi di Gingko vivono per migliaia di anni evolvendosi in modo compensatorio...

Ameba mangia-cervelli (Naegleria fowleri) 

L'ameba mangia-cervello (Naegleria fowleri) è responsabile dell'infezione cerebrale...
- Annuncio pubblicitario -
94,903FanCome
47,775SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi