PUBBLICITA

Prioni: rischio di malattia da deperimento cronico (CWD) o malattia del cervo zombi 

Variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD), rilevato per la prima volta nel 1996 nel Regno Unito, encefalopatia spongiforme bovina (BSE o morbo della “mucca pazza”) Malattia del cervo zombi o malattia da deperimento cronico (CWD) che fanno notizia attualmente hanno una cosa in comune: gli agenti causali delle tre malattie non sono batteri o virus ma proteine ​​“deformate” chiamate “prioni”.  

I prioni sono altamente infettivi e sono responsabili di malattie neurodegenerative mortali e incurabili tra gli animali (BSE e CWD) e tra gli esseri umani (vCJD).  

Cos'è il Prione?
La parola “prione” è l’acronimo di “particella infettiva proteica”.  
 
Il gene della proteina prionica (PRNP) codifica per a le proteine chiamata proteina prionica (PrP). Nell'uomo, il gene della proteina prionica PRNP è presente nel cromosoma numero 20. La normale proteina prionica è presente sulla superficie cellulare, quindi indicata come PrPC.  

La “particella infettiva proteica” spesso definita prione è una versione mal ripiegata della proteina prionica PrPed è indicato come PrPSc (Sc perché è una forma di scrapie o una forma anomala correlata alla malattia rilevata nella scrapie delle pecore).

Durante la formazione della struttura terziaria e quaternaria, a volte, si verificano errori e la proteina si piega o si modella in modo errato. Questo viene solitamente riparato e corretto nella forma originale catalizzata dalle molecole chaperone. Se la proteina mal ripiegata non viene riparata, viene inviata alla proteolisi e solitamente viene degradata.   

Tuttavia, la proteina prionica mal ripiegata ha resistenza alla proteolisi e rimane non degradata e trasforma la normale proteina prionica PrPalla scrapie anomala forma PrPSc causando proteopatia e disfunzione cellulare che dà origine a diverse malattie neurologiche nell’uomo e negli animali.   

La forma patologica della scrapie (PrPSc) è strutturalmente diverso dalla normale proteina prionica (PrPC). La proteina prionica normale ha il 43% di alfa eliche e il 3% di foglietti beta mentre la forma anomala di scrapie ha il 30% di alfa eliche e il 43% di foglietti beta. La resistenza del PrPSc all'enzima proteasi è attribuito a una percentuale anormalmente elevata di fogli beta.  

Malattia da deperimento cronico (CWD), che è anche noto come Malattia del cervo zombi è una malattia neurodegenerativa mortale che colpisce i cervidi, tra cui cervi, alci, renne, cervi sika e alci. Gli animali colpiti soffrono di un drastico atrofia muscolare che porta alla perdita di peso e ad altri sintomi neurologici.  

Dalla sua scoperta alla fine degli anni ’1960, la CWD si è diffusa in molti paesi in Europa (Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia), Nord America (Stati Uniti e Canada) e Asia (Corea del Sud).  

Non esiste un solo ceppo di prione CWD. Ad oggi sono caratterizzati dieci diversi ceppi. Il ceppo che colpisce gli animali in Norvegia e Nord America è diverso, così come lo è il ceppo che colpisce l'alce finlandese. Inoltre, è probabile che in futuro emergano nuovi ceppi. Ciò rappresenta una sfida nel definire e mitigare questa malattia nei cervidi.  

Il prione della CWD è altamente trasmissibile e costituisce motivo di preoccupazione per la popolazione dei cervidi e per la salute pubblica umana.  

Al momento non sono disponibili trattamenti o vaccini.  

Ad oggi la malattia da deperimento cronico (CWD) NON è stata rilevata negli esseri umani. Non ci sono prove che suggeriscano che i prioni della CWD possano infettare gli esseri umani. Tuttavia, gli studi sugli animali suggeriscono che i primati non umani che mangiano (o entrano in contatto con il cervello o i fluidi corporei) di animali infetti da CWD sono a rischio.  

Esiste preoccupazione circa la possibilità di diffusione dei prioni della CWD agli esseri umani, molto probabilmente attraverso il consumo di carne di cervo o alce infetto. Pertanto, è importante evitare che entrino nella catena alimentare umana. 

*** 

Riferimenti:  

  1. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Malattia da deperimento cronico (CWD). Disponibile a https://www.cdc.gov/prions/cwd/index.html 
  2. Atkinson CJ et al 2016. Scrapie della proteina prionica e proteina prionica cellulare normale. Prione. gennaio-febbraio 2016; 10(1): 63–82. DOI: https://doi.org/10.1080/19336896.2015.1110293 
  3. Sun, JL, et al 2023. Nuovo ceppo di prioni come causa di malattia da deperimento cronico in un alce, Finlandia. Malattie infettive emergenti, 29(2), 323-332. https://doi.org/10.3201/eid2902.220882 
  4. Otero A., et al 2022. Emergenza dei ceppi di CWD. Tessuto cellulare Res 392, 135–148 (2023). https://doi.org/10.1007/s00441-022-03688-9 
  5. Mathiason, C.K. Modelli animali di grandi dimensioni per la malattia da deperimento cronico. Tessuto cellulare Res 392, 21–31 (2023). https://doi.org/10.1007/s00441-022-03590-4 

*** 

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Giornalista scientifico | Editore fondatore della rivista scientifica europea

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

NeoCoV: il primo caso di virus correlato a MERS-CoV che utilizza ACE2

NeoCoV, un ceppo di coronavirus correlato a MERS-CoV trovato in...

Effetto negativo del fruttosio sul sistema immunitario

Un nuovo studio suggerisce che un maggiore apporto alimentare di fruttosio...

Primo trapianto riuscito di cuore di maiale geneticamente modificato (GM) in essere umano

Medici e scienziati della University of Maryland School of...
- Annuncio pubblicitario -
94,902FanCome
47,775SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi