PUBBLICITA

Omeopatia: tutte le affermazioni dubbie devono essere messe a tacere

SALUTEOmeopatia: tutte le affermazioni dubbie devono essere messe a tacere

Ora è una voce universale che l'omeopatia è "scientificamente non plausibile" ed "eticamente inaccettabile" e dovrebbe essere "rifiutata" dal settore sanitario.

Le autorità sanitarie sono ora contrarie allo spreco di preziosi fondi e risorse pubblici e governativi verso "sciocchezze" omeopatia perché questo fornisce solo credibilità a questa pratica assurda e mette a rischio la vita delle persone evitando o negando loro cure e cure adeguate. L'implausibilità dell'omeopatia è ormai molto assodata perché i preparati omeopatici sono molto diluiti quindi non contengono realmente quantità significative dei cosiddetti principi attivi e quindi non possono avere alcun tipo di effetto sul paziente. Non sono inoltre disponibili prove concrete a sostegno della sua efficacia nonostante siano stati condotti numerosi studi.

Il Consiglio consultivo scientifico delle accademie europee (EASAC), un'organizzazione ombrello che rappresenta 29 accademie nazionali in Europa, chiede norme più severe per controllare la diffusione di omeopatia nel loro rapporto pubblicato di recente1. Le accademie dei membri stanno ora rafforzando le pesanti critiche sulle varie affermazioni sanitarie e scientifiche fatte per omeopatico prodotti. L'analisi e le conclusioni di questo rapporto si basano su valutazioni scientifiche eccellenti e imparziali che sono già state pubblicate dalle autorità legali. Il team ha sottolineato che, sebbene sia positivo avere approcci alternativi ai trattamenti, tutti questi devono essere rigorosamente guidati da prove e non da un'iperbole di pio desiderio che mette i pazienti a rischi aggiuntivi.

Omeopatia: un'implausibilità scientifica

Innanzitutto, il vero nucleo dell'omeopatia è scientificamente non plausibile. C'è un'assoluta mancanza di supporto scientifico per tutti i diversi meccanismi che sono rivendicati dall'omeopatia. La maggior parte dei suoi rimedi sono preparati in mille diluizioni seriali di acqua (basate sulla teoria che una "sostanza" lascerà la sua "impronta" sull'acqua) risultando in una soluzione inconsistente o piuttosto inutile che non ha traccia della "sostanza originale" in esso. Questo meccanismo, prima di tutto, non è giustificato2 perché non è né plausibile né dimostrabile e inoltre non segue i principi di interazione farmaco-recettore della farmacologia3Questi principi sono stati stabiliti da tempo per spiegare l'interazione farmaco-recettore e stabilire principi centrali per qualsiasi farmaco/medicinale quando somministrato a un sistema biologico. Tali principi sono stati di volta in volta avvalorati da una continua ricerca4. Inoltre, non esiste una singola prova scientifica per nessuno dei meccanismi dichiarati dall'omeopatia inclusi i segnali elettromagnetici (se presenti) e la cosiddetta "memoria dell'acqua"2.

In secondo luogo, analizziamo più in dettaglio il "meccanismo" dell'omeopatia. Guardando la struttura chimica dell'acqua, se qualche ingrediente è disciolto in essa seguito da diverse diluizioni seriali, allora l'impatto effettivo di questo ingrediente sull'acqua sarà di un intervallo molto breve (in nanometri, 10-9 metri) e quindi l'impatto non si estenderà oltre lo strato di idratazione senza quindi avere effetti a lungo termine. Questo è proposto da vari studi scientifici teorici basati su risultati e misurazioni della spettroscopia che definiscono gli effetti e le interazioni dell'ordine molecolare a lungo raggio nello spazio e nel tempo5,6. Pertanto, la struttura chimica e la dinamica dell'acqua stessa confutano l'affermazione secondo cui l'ingrediente che viene dissolto in acqua attraverso diluizioni seriali sta lasciando qualsiasi "impronta" su di esso - l'idea centrale su cui omeopatia si basa su e queste spiegazioni sono state pubblicate più e più volte per dimostrare l'implausibilità scientifica della proposta memoria "a lungo termine" dell'acqua7,8.

Effetto placebo: più di un trattamento casuale

Gli scienziati dicono che dal momento che il trattamento omeopatico non è scientificamente possibile, e il omeopatia Le "pillole di zucchero" non contengono alcun ingrediente attivo, qualsiasi beneficio riscontrato sul paziente può essere dovuto principalmente all'effetto placebo: quando le persone credono che le pillole li aiuteranno con una condizione, questa convinzione può innescare una risposta di guarigione e la maggior parte delle il tempo, il corso naturale della malattia e della regressione si prenderanno cura delle cose. Questi eventi iniziano a diffondere la falsa nozione che l'omeopatia sia di beneficio. Un'analisi completa della letteratura di 110 studi sull'omeopatia e 110 studi di medicina convenzionale abbinati hanno dimostrato9 una valutazione simile conferma che gli effetti clinici dell'omeopatia sono statisticamente molto simili agli effetti placebo. Inoltre, una valutazione dettagliata di cinque grandi meta-analisi di diversi studi omeopatici ha anche concluso gli stessi risultati9,10. In questa analisi sono state escluse tutte le tracce inadeguate, i bias e le variazioni statistiche casuali e hanno mostrato che la medicina omeopatica ha prodotto risultati statisticamente simili rispetto al placebo e niente di più.

Il database Cochrane delle revisioni sistematiche (CDSR)11 è la risorsa principale e affidabile per le revisioni sistematiche nell'assistenza sanitaria. Queste revisioni sono molto complete e comprendono protocolli sottoposti a revisione paritaria, processi di valutazione standard e, soprattutto, analisi dei dati trasparenti. Le revisioni Cochrane dei trattamenti omeopatici includono quelle per la demenza, l'asma, l'autismo, l'influenza e molte altre e le valutazioni sistematiche effettuate in queste revisioni concludono "nessuna" o "insufficiente" evidenza per valutare qualsiasi possibile effetto dell'omeopatia. Un dibattito pubblicato nel 2015 sul British Medical Journal12 mette in mostra una rassegna completa della letteratura che discute l'efficacia dell'omeopatia e anche le affermazioni contestate presentate da varie fonti che supportano o promuovono le affermazioni dell'omeopatia.

Domande sollevate su sicurezza e qualità

Poiché si ritiene che un medicinale o un preparato omeopatico sia diluito a diversi gradi, si presume molto bene che non sia necessario sollevare domande su alcun tipo di problema di sicurezza. Molti scienziati ritengono che ciò potrebbe non essere necessariamente vero nella pratica. Ad esempio, in un rapporto molto recente, è stato scoperto che un ingrediente di partenza (belladonna) per un farmaco omeopatico per la dentizione dei bambini ha tossicità e ha portato a effetti avversi nei pazienti13. Tali prove – che sono state studiate dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti – sulla mancanza di chiarezza e sul compromesso sulla sicurezza e sulla qualità da parte di omeopatico praticanti è una grande causa di preoccupazione e necessita di un'attenzione immediata. Devono essere in vigore requisiti normativi altamente coerenti per dimostrare l'efficacia e la sicurezza di tutti i prodotti omeopatici (utilizzati nella preparazione dei medicinali) e questi devono essere basati su prove scientifiche verificabili e solide, cosa che attualmente non avviene. Poiché non sono disponibili prove chiare, questi omeopatico i prodotti sono raccomandati dalle autorità di regolamentazione per non essere approvati o addirittura registrati1.

Mantenere il paziente nell'oscurità

In realtà, con qualsiasi tipo di trattamento medico, è probabile che ci sia un certo grado di effetto placebo, quindi questo può essere vero per l'omeopatia. È interessante notare che i sostenitori dell'omeopatia sostengono che se il paziente avverte un effetto placebo, allora c'è "ancora" un beneficio per il paziente. Gli scienziati sostengono che se questo è davvero corretto e gli omeopati accettano che il "placebo" è l'unico beneficio, allora stanno effettivamente mentendo ai pazienti sostenendo altri aspetti non realizzabili e non informando chiaramente il paziente sull'effetto placebo. Questo approccio è contrario al principio fondamentale dell'etica in campo medico: trasparenza con il paziente e consenso informato per il trattamento.

Inoltre, le soluzioni omeopatiche non vengono mai rivelate ai pazienti facendo loro solo indovinare lungo tutto il loro cosiddetto trattamento. Per la maggior parte dei farmaci omeopatici, il flacone non è adeguatamente etichettato con gli ingredienti e non viene mai evidenziato che la loro efficacia sia in realtà basata solo sui tradizionali omeopatico teorie senza alcun supporto di concetti scientifici. Al contrario, gli omeopati fanno affermazioni audaci, dirette o implicite, che i loro farmaci hanno il potenziale per trattare varie condizioni mediche. Tutti questi aspetti non sono etici e sono fuorvianti per il pubblico in generale. Per affrontare questo problema, l'EASAC, ad esempio, ha istituito regolamenti in Europa1 diminuire affermazioni dubbie e pubblicità false e fuorvianti degli omeopati. Hanno imposto restrizioni alla copertura mediatica sui trattamenti omeopatici su tutti i canali TV pubblici e pubblici Salute programmi. Per ora, hanno reso obbligatorio per le etichette dei prodotti omeopatici identificare chiaramente gli ingredienti e le loro quantità per le informazioni dei pazienti.

È necessaria l'azione ora!

Tali misure devono essere attuate nei paesi in cui l'omeopatia è già diffusa, ad esempio India e Brasile. È estremamente importante far capire al pubblico che l'omeopatia non segue i principi etici fondamentali e seguire questa strada crea solo inutili ritardi nella ricerca di cure mediche adeguate. Diventa anche dovere morale di ogni assistenza sanitaria lavoratore a prendere una posizione contro l'omeopatia e in particolare i farmacisti che cercano di vendere questi rimedi omeopatici facendo finta che siano più dei placebo. ). Pertanto, i media possono svolgere un ruolo importante nel facilitare la diffusione accurata della conoscenza scientifica basata sull'evidenza al pubblico.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Dichiarazione EASAC su: Prodotti e pratiche omeopatici: valutazione delle prove e garanzia di coerenza nella regolamentazione delle indicazioni mediche nell'UE, Accademie europee, Consiglio consultivo scientifico (EASAC). [Accesso al 4 febbraio 2018].

2. Grimes DR 2012. I meccanismi proposti per l'omeopatia sono fisicamente impossibili. Focus su terapie alternative e complementari. 17(3). https://doi.org/10.1111/j.2042-7166.2012.01162.x

3. Tallarida e Jacob 1979. La relazione dose-risposta in farmacologia. Springer-Verlag.

4. Aronson JK. 2007. Concentrazione-effetto e dose-risposta in farmacologia clinica. British Journal of Clinical Pharmacology. 63(3). https://doi.org/10.1136/bmj.k2927

5. Anick DJ 2004. Spettroscopia 1H-NMR ad alta sensibilità di rimedi omeopatici realizzati in acqua. Medicina complementare e alternativa BMC. 4(15). https://doi.org/10.1186/1472-6882-4-15

6. Stirnemann G et al. 2013. Meccanismi di accelerazione e ritardo della dinamica dell'acqua da parte di ioni. Giornale della società chimica americana. 135(32). https://doi.org/10.1021/ja405201s

7. Texeira J. 2007. L'acqua può avere una memoria? Una visione scettica. Omeopatia. 96(3).

8. Jungwirth P. 2011. Chimica fisica: la superficie sottilissima dell'acqua. Natura. 474. https://doi.org/10.1038/nature10173

9. Shang A et al. 2005. Gli effetti clinici dell'omeopatia sono effetti placebo? Studio comparativo di studi controllati con placebo di omeopatia e allopatia. Lancetta. 366(9487) https://doi.org/10.1016/S0140-6736(05)67177-2

10. Goldacre B 2007. Benefici e rischi dell'omeopatia. La lancetta. 370(9600).

11. Recensioni Cochrane sull'omeopatia. Database Cochrane di revisioni sistematiche (CDSR) http://www.cochrane.org/search/site/homeopathy. [Accesso al 10 febbraio 2018]

12. Fisher P ed Ernst E 2015. I medici dovrebbero raccomandare l'omeopatia? British Medical Journal. 351. https://doi.org/10.1136/bmj.h3735

13. Abbasi J. 2017. Tra le segnalazioni di decessi infantili, la FTC reprime l'omeopatia mentre la FDA indaga. Giornale dell'Associazione Medica Americana. 317. https://doi.org/10.1001/jama.2016.19090

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

L'anoressia è collegata al metabolismo: rivela l'analisi del genoma

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare estremo caratterizzato da...

PARS: uno strumento migliore per prevedere l'asma tra i bambini

Lo strumento basato su computer è stato creato e testato per la previsione...

Vaccino spray nasale per COVID-19

Tutti i vaccini contro il COVID-19 approvati finora sono somministrati in...
- Annuncio pubblicitario -
99,031FanMi Piace
64,260SeguaciSegui
6,168SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi