PUBBLICITA

L'eccessiva assunzione di proteine ​​per il bodybuilding può avere un impatto sulla salute e sulla durata della vita

Lo studio sui topi mostra che l'assunzione eccessiva di alimenti a lungo termine le proteine contenente elevate quantità di aminoacidi a catena ramificata (BCAA) può provocare uno squilibrio negli aminoacidi e nel controllo dell'appetito. Ciò influisce sulla salute metabolica e provoca una riduzione della durata della vita.

Un salutare la dieta dovrebbe contenere quantità equilibrate di macronutrienti (le proteine, carboidrati e grassi), fibre, vitamine e minerali. Numerose ricerche si sono concentrate sull’importanza di quantità equilibrate nella dieta le proteine, grassi e carboidrati per il nostro bene Salute. È noto che qualsiasi squilibrio nelle proporzioni di questi macronutrienti nella nostra dieta causa problemi di salute.

Proteine è una macromolecola complessa composta da aminoacidi. Esistono 20 aminoacidi, di cui nove essenziali che possono consentire al corpo di produrre i restanti 11. Gli aminoacidi a catena ramificata (BCAA) sono costituiti da tre dei nove aminoacidi essenziali: leucina, isoleucina e valina. I muscoli, gli elementi costitutivi principali del corpo, sono principalmente composti proteine. I BCAA vengono scomposti nei muscoli, hanno calorie elevate e vengono consumati per la massa muscolare che forniscono. I BCAA sono presenti in le proteine alimenti come carne rossa, uova, fagioli, lenticchie, soia le proteine ecc. e sono comunemente presenti anche in bodybuilding le proteine integratori consumati dopo l'esercizio o l'allenamento. Non sono stati condotti abbastanza studi per valutare gli effetti negativi del consumo eccessivo di BCAA. I loro effetti a lungo termine sulla salute e sulla durata della vita sono ancora sconosciuti.

In uno studio pubblicato Metabolismo della natura il 29 aprile 2019 i ricercatori miravano a determinare in che modo la manipolazione dei BCAA alimentari a lungo termine potrebbe avere un effetto sulla salute e sulla durata della vita. Nei loro esperimenti condotti sui topi, gli animali hanno consumato per tutta la loro vita (a) una quantità normale di BCAA, ovvero il 200%, (b) metà della quantità, ovvero il 50%, o (c) un quinto della quantità, ovvero il 20%. Inoltre, ai topi sono state somministrate quantità isocaloriche fisse di altri macronutrienti: carboidrati e grassi. L'assunzione di un eccesso di BCAA ha portato a quantità elevate di BCAA nel sangue e questo sembrava bloccare il trasporto di un altro triptofano non BCAA al cervello. Il triptofano è l’unico precursore dell’ormone serotonina che ha effetti di miglioramento dell’umore ed è quindi fondamentale per favorire il sonno. Una volta che al triptofano è stato impedito di raggiungere il cervello, ciò ha portato all’esaurimento dei livelli centrali di serotonina con conseguente alimentazione eccessiva (o iperfagia) nei topi principalmente a causa dello squilibrio degli aminoacidi attraverso un aumento del rapporto BCAA:non BCAA. Pertanto, i topi hanno consumato eccessivamente cibo (sia energia totale che BCAA) – chiamata anche alimentazione compensativa – con conseguente aumento del peso corporeo e della massa grassa, rendendoli così obesi e accorciando la loro durata di vita.

Questo studio mostra che la relazione tra l'aumento dei livelli di BCAA circolanti nel sangue e gli esiti avversi sulla salute non sembra essere collegata alla tossicità o nocività intrinseca dei BCAA. La relazione era dovuta alle interazioni tra BCAA e altri importanti amminoacidi e questo era ciò che portava all'iperfagia estrema. I risultati suggeriscono che l'assunzione di elevate quantità di BCAA dietetici a lungo termine insieme a quantità fisse di altri macronutrienti può provocare iperfagia causata da uno squilibrio degli aminoacidi e influenzare la salute metabolica e ridurre la durata della vita. Sebbene elevate quantità di BCAA possano verificarsi sia nei topi metabolicamente sani che in quelli non sani. Pertanto, i BCAA da soli non possono essere l'unico biomarcatore per la salute metabolica.

L'attuale studio ristabilisce l'importanza di consumare una dieta sana ed equilibrata contenente una varietà di macronutrienti, fibre, vitamine e minerali e limitare l'assunzione di integratori non necessari.

***

Fonte (s)

Solon-Biet SM et al. 2019. Gli aminoacidi a catena ramificata influiscono indirettamente sulla salute e sulla durata della vita tramite l'equilibrio degli aminoacidi e il controllo dell'appetito. Metabolismo della natura. https://doi.org/10.1038/s42255-019-0059-2

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Un primo prototipo di "analisi del sangue" in grado di misurare oggettivamente la gravità del dolore

È stato sviluppato un nuovo esame del sangue per il dolore...

Un passo verso la ricerca di una cura per l'ingrigimento e la calvizie

I ricercatori hanno identificato un gruppo di cellule nel...

….pallido punto blu, l'unica casa che abbiamo mai conosciuto

''....l'astronomia è un'esperienza umiliante e di costruzione del carattere. C'è...
- Annuncio pubblicitario -
94,376FanCome
47,651SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi