PUBBLICITA

Consumo di alimenti altamente trasformati e salute: nuove prove dalla ricerca

Due studi forniscono prove che associano un consumo elevato di alimenti ultralavorati a maggiori rischi per la salute

I cibo che consumiamo regolarmente ha effetti a lungo termine sul nostro Salute. Un modo per classificare gli alimenti è in base al loro livello di lavorazione industriale. Alimenti come frutta e verdura fresca, latte, legumi, cereali, uova non sono trasformati o minimamente trasformati. Gli alimenti “trasformati” come il formaggio, alcuni tipi di pane, frutta e verdura in scatola, ecc., generalmente contengono sale, olio, zucchero, ecc. aumentare la loro durata di conservazione. Alimenti ultra trasformati sono quindi carichi di sostanze chimiche con l'aggiunta di conservanti, dolcificanti o esaltatori di colore. Tali alimenti creano una forte dipendenza e contengono alti livelli di zuccheri aggiunti, grassi e/o sale e mancano di vitamine e fibre.

Esempi di alimenti ultra-processati includono cibo spazzatura, prodotti da forno confezionati, bevande gassate, carne lavorata, cereali per la colazione ad alto contenuto di zuccheri, zuppe istantanee, piatti pronti ecc. e sono venduti in scatole, lattine, barattoli o sacchetti. Gli esperti commentano che se l'elenco degli ingredienti di un alimento contiene più di cinque elementi, allora rientra sicuramente nella categoria ultra-processato. Il consumo di alimenti ultra-processati è elevato in molti paesi sviluppati a causa del loro fascino culinario, del prezzo, della disponibilità e della maggiore durata di conservazione. Molti studi hanno collegato tali alimenti ultra-processati ad un aumento del rischio di obesità, ipertensione arteriosa e colesterolo alto, ma le prove sono rimaste limitate.

Due nuovi studi pubblicati su BMJ il 29 maggio forniscono forti prove che indicano un legame positivo tra il consumo di alimenti altamente trasformati e l'aumento del rischio di malattie cardiovascolari e morte. Nel primo ampio studio di coorte i ricercatori hanno raccolto i dati di 105,159 adulti francesi di entrambi i sessi e un'età media di 43 anni. Come parte dello studio NutriNet-Sante, i partecipanti hanno completato una media di sei questionari dietetici di 24 ore per misurare la loro assunzione abituale di 3,300 prodotti alimentari raggruppati in base al grado di lavorazione in base alla classificazione NOVA. I tassi di malattie di questi adulti sono stati misurati su un periodo di follow-up di 10 anni. I risultati hanno mostrato che un aumento del 10% del consumo di alimenti ultra-lavorati è stato associato a un aumento dei tassi di malattie cardiovascolari e coronariche. Inoltre, è stata trovata una forte associazione tra alimenti freschi o poco lavorati e un minor rischio di queste malattie. I ricercatori mirano quindi ad aggiungere tutti i nomi di marchi commerciali di vari prodotti industriali nei registri dietetici dei partecipanti al fine di valutare più accuratamente l'esposizione.

In un secondo studio, i partecipanti - 18,899 adulti spagnoli maschi e femmine di età media di 38 anni - hanno completato un questionario di 136 alimenti ogni due anni tra il 1999 e il 2014 come parte dello studio SUN (Seguimiento Universidad de Navarra). Simile al primo studio, i prodotti alimentari sono stati raggruppati in base ai livelli di lavorazione. I risultati hanno indicato che una maggiore assunzione di alimenti ultralavorati (cioè più di 4 porzioni al giorno) era collegata a un aumento del rischio di mortalità del 62% (per qualsiasi causa) rispetto al consumo di 2 porzioni al giorno. Con ogni porzione extra di cibo ultra-processato, il rischio di mortalità è aumentato del 18%. Entrambi gli studi hanno preso in considerazione fattori di stile di vita consolidati e marcatori di qualità alimentare.

Il consumo di alimenti ultralavorati nei paesi sviluppati è allarmante e quindi è imperativo informare i consumatori sulle implicazioni per la salute in modo che possano fare scelte informate. Sono necessarie linee guida nutrizionali appropriate, riformulazioni dei prodotti per migliorare la qualità nutrizionale e tasse adeguate per scoraggiare i consumatori e limitare il consumo di prodotti alimentari ultra-lavorati. Gli alimenti freschi o minimamente trasformati devono essere approvati e, d'altra parte, deve essere limitata la commercializzazione di alimenti ultralavorati. Questo deve essere implementato nelle politiche sanitarie, in particolare nei paesi sviluppati.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

1. Srour B. et al. 2019. Assunzione di cibo ultra-trattata e rischio di malattie cardiovascolari: studio di coorte prospettico (NutriNet-Santé). BMJ. https://doi.org/10.1136/bmj.l1451
2. Rico-Campà A. et al. 2019. Associazione tra consumo di alimenti ultra-processati e mortalità per tutte le cause: studio di coorte prospettico SUN. BMJ. https://doi.org/10.1136/bmj.l1949

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Il più grande fossile di dinosauro scoperto per la prima volta in Sudafrica

Gli scienziati hanno scavato il più grande fossile di dinosauro che sarebbe...

Un "pacemaker cerebrale" wireless in grado di rilevare e prevenire le convulsioni

Gli ingegneri hanno progettato un "pacemaker cerebrale" wireless che può...

Mars Orbiter Mission (MOM) di ISRO: New Insight into Prediction of Solar Activity

I ricercatori hanno studiato la turbolenza nella corona solare...
- Annuncio pubblicitario -
94,519FanCome
47,682SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi