L'olio di cocco negli alimenti riduce l'allergia cutanea

SALUTEL'olio di cocco negli alimenti riduce l'allergia cutanea

Un nuovo studio sui topi mostra l'effetto del consumo di olio di cocco dietetico nel controllo dell'infiammazione cutanea allergica

Il beneficio per la salute di un olio alimentare è determinato principalmente dalla composizione degli acidi grassi - acidi grassi saturi e insaturi. Questi acidi grassi svolgono ruoli significativi nel corpo, compreso il trattamento di infiammazioni e allergie. Olio di cocco, estratto dalla carne commestibile di una noce di cocco matura, costituisce principalmente acidi grassi saturi a catena media assorbibili che sono considerati salutari in quanto facilmente metabolizzati dal fegato. Si suggerisce che la combinazione unica di acidi grassi dell'olio di cocco abbia un effetto positivo sulla salute. L'olio di cocco è facilmente digeribile, facilmente reperibile e poco costoso. È noto che l'applicazione topica di olio di cocco riduce infezioni della pelle e infiammazione, ma il ruolo esatto dell'olio di cocco dietetico nel ridurre l'infiammazione della pelle è sconosciuto, fino a un nuovo studio.

Un ultimo studio pubblicato su Allergia i ricercatori hanno cercato di chiarire il possibile ruolo dell'olio di cocco come grasso alimentare nell'infiammazione della pelle. Hanno condotto esperimenti utilizzando modelli murini di ipersensibilità da contatto (CHS). Nel modello CHS una reazione di ipersensibilità è indotta nella pelle dall'aptene 1-fluoro-2,4-dinitrobenzene (DNFB). Nella condizione - chiamata dermatite allergica da contatto - l'intensità dell'infiammazione è correlata al gonfiore nell'orecchio. Ai topi è stata somministrata una dieta chow contenente il 4% di olio di cocco. I topi sono il gruppo di controllo a cui è stata somministrata una dieta con il 4% di olio di soia. I topi sono stati quindi trattati con DNFB per suscitare una reazione di ipersensibilità. Successivamente è stato misurato il loro gonfiore all'orecchio.

I risultati hanno mostrato che i topi che hanno assunto e mantenuto una dieta a base di olio di cocco hanno mostrato un miglioramento nell'infiammazione della pelle e segni come il gonfiore nell'orecchio sono stati corrispondentemente ridotti. Inoltre, i topi con una dieta a base di olio di cocco hanno mostrato livelli sostanzialmente amplificati di acido idromele, un metabolita derivato dall'acido oleico noto per avere proprietà antinfiammatorie. L'aumento dei livelli di acido idromele nei topi con olio di cocco dietetico è stato responsabile dell'inibizione della CHS e della riduzione del numero di neutrofili che entrano nella pelle. I neutrofili sono noti per svolgere un ruolo fondamentale nell'indurre l'infiammazione della pelle.

L'attuale studio mostra un nuovo e promettente ruolo antinfiammatorio dell'olio di cocco dietetico e dell'acido idromele contro l'infiammazione della pelle in un modello animale. Ulteriori studi sul modello di ipersensibilità allergica da contatto nell'uomo possono chiarire il ruolo dell'olio di cocco e dell'acido idromele nel ridurre l'infiammazione della pelle negli esseri umani. Il numero limitato di farmaci disponibili per l'infiammazione della pelle come antistaminici, corticosteroidi ha diversi effetti collaterali, ad esempio bruciore, bruciore, ecc. L'acido idromele è un acido grasso saturo prodotto endogeno sicuro e stabile che potrebbe essere un'alternativa promettente per approcci terapeutici all'infiammazione della pelle.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Tiwari P et al. 2019. L'olio di cocco dietetico migliora l'ipersensibilità al contatto con la pelle attraverso la produzione di acido idromele nei topi. Allergia. https://doi.org/10.1111/all.13762

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

La variante del gene che protegge contro il COVID-19 severo

Una variante del gene di OAS1 è stata implicata in...

Tipi di vaccini COVID-19 in Vogue: potrebbe esserci qualcosa che non va?

Nella pratica medica si preferisce generalmente il tempo...

PENTATRAP misura i cambiamenti nella massa di un atomo quando assorbe e rilascia energia

I ricercatori del Max Planck Institute for Nuclear Physics...
- Annuncio pubblicitario -
97,431FanMi Piace
62,355SeguaciSegui
1,886SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi