PUBBLICITA

Morbo di Alzheimer: l'olio di cocco riduce le placche nelle cellule cerebrali

SALUTEMorbo di Alzheimer: l'olio di cocco riduce le placche nelle cellule cerebrali

Esperimenti su cellule di topo mostrano un nuovo meccanismo che indica i potenziali benefici dell'olio di cocco nella gestione La malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer è un progressista cervello disturbo che colpisce 50 milioni di persone in tutto il mondo. Nessuna cura è stata ancora scoperta per l'Alzheimer; alcune forme di trattamento disponibili possono solo alleviare i sintomi associati alla malattia. La malattia di Alzheimer è caratterizzata da un accumulo di placca dura e insolubile (di proteine ​​beta amiloide) tra i neuroni nel cervello. Ciò porta a una trasmissione alterata degli impulsi attraverso i neuroni e causa i sintomi del morbo di Alzheimer, principalmente il deterioramento della memoria. Le proteine ​​dell'amiloide beta 40 e dell'amiloide beta 42 sono più abbondantemente presenti nel placche. beta-amiloide proteine dipendono dall'espressione della proteina precursore dell'amiloide (APP). La ricerca ha stabilito l'importanza della proteina precursore dell'amiloide nell'Alzheimer malattia. La parziale diminuzione dell'attività dell'APP è vista come una terapia per l'Alzheimer, sebbene l'esatto meccanismo che spiega l'accumulo di proteine ​​beta amiloide non sia ancora completamente compreso.

Diversi studi in passato hanno dimostrato che vergine olio di cocco può avere un impatto su diversi percorsi che poi contribuiscono alla progressione della malattia di Alzheimer. L'olio di cocco è costituito principalmente da acidi grassi assorbibili a catena media metabolizzati facilmente dal fegato. Questi acidi grassi potrebbero anche essere convertiti in chetoni, considerati una fonte alternativa di energia per i neuroni. È stato dimostrato che l'olio di cocco ha effetti antiossidanti nella protezione dei neuroni. Queste proprietà rendono l'olio di cocco un grasso dietetico unico.

In un ultimo studio pubblicato su La ricerca del cervello, i ricercatori hanno studiato i potenziali effetti dell'olio di cocco sull'espressione dell'importante proteina precursore dell'amiloide (APP), responsabile della formazione della placca amiloide. I ricercatori hanno esplorato l'espressione della proteina precursore dell'amiloide e la secrezione di peptidi amiloidi nelle cellule della linea cellulare di mammifero Neuro 2A (o N2a) che esprimono il gene APP. Questa linea cellulare neurale viene utilizzata abitualmente per studiare la differenziazione neuronale, la crescita assonale e le vie di segnalazione. In questo studio, le cellule N2a sono state sottoposte a trattamento con concentrazioni dello 0-5 percento di olio di cocco e questo ha portato a una ridotta espressione della proteina precursore dell'amiloide nelle cellule e anche a una diminuzione della secrezione di peptidi amiloidi 40 e 42. Inoltre l'olio di cocco ha anche promosso la differenziazione delle cellule N2a. che l'olio di cocco ha un effetto protettivo sullo sviluppo delle cellule neuronali.

I risultati hanno indicato che ADP-Ribosylation Factor 1 (ARF1) – a le proteine importante per la via secretoria - sta probabilmente contribuendo agli effetti dell'olio di cocco sia sull'espressione dell'APP che sulla secrezione di peptidi amiloidi. Era chiaro che l'olio di cocco ha raggiunto questo obiettivo attraverso una probabile interazione con ARF1. È noto che ARF1 è responsabile della selezione e del trasporto delle proteine ​​di rivestimento nella cellula. Questa è la prima volta che viene mostrata un'associazione tra ARF1 e l'elaborazione della proteina precursore dell'amiloide (APP). Questa associazione è regolata attraverso il trattamento con olio di cocco. L'eliminazione di ARF1 ha ridotto la secrezione di peptidi amiloidi stabilendo il ruolo della proteina ARF1 nella regolazione dell'APP.

Lo studio descrive un ruolo precedentemente non segnalato dell'olio di cocco nel ridurre l'espressione della proteina precursore dell'amiloide (APP) e la secrezione di peptidi amiloidi, l'effetto ottenuto a causa della down-regulation di ARF1. Pertanto, l'ARF1 è responsabile del trasporto dell'APP all'interno dei neuroni, mentre l'olio di cocco influisce sulla funzione e sull'espressione dell'APP. Lo studio descrive in dettaglio una nuova prospettiva sul traffico intracellulare della proteina precursore dell'amiloide e questo è fondamentale per comprendere il morbo di Alzheimer.

Questo studio suggerisce che l'uso dell'olio di cocco nella dieta all'inizio della propria vita, specialmente nelle persone geneticamente predisposte all'Alzheimer a causa della storia familiare, può ritardare o addirittura arrestare l'insorgenza della malattia. Gli studi attuali e passati giustificano ulteriori indagini e studi clinici sull'uomo per valutare il dosaggio e la sicurezza dell'olio di cocco. L'olio di cocco è poco costoso, è facilmente disponibile e potrebbe essere facilmente incorporato nella dieta dei pazienti a rischio.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Bansal A et al 2019. L'olio di cocco riduce l'espressione della proteina precursore dell'amiloide (APP) e la secrezione di peptidi amiloidi attraverso l'inibizione del fattore 1 di ADP-ribosilazione (ARF1). Ricerca sul cervello. https://doi.org/10.1016/j.brainres.2018.10.001

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

PENTATRAP misura i cambiamenti nella massa di un atomo quando assorbe e rilascia energia

I ricercatori del Max Planck Institute for Nuclear Physics...

Il minerale di magnesio regola i livelli di vitamina D nel nostro corpo

Un nuovo studio clinico mostra come il magnesio minerale ha...
- Annuncio pubblicitario -
99,055FanMi Piace
64,265SeguaciSegui
6,169SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi