PUBBLICITA

Un nuovo approccio per trattare l'obesità

I ricercatori hanno studiato un approccio alternativo per regolare la funzione delle cellule immunitarie per curare l'obesità

L'obesità è una malattia cronica che colpisce il 30% della popolazione mondiale popolazione. La causa principale di obesità è maggiore il consumo di grassi ricchi cibo e attività fisica o esercizio fisico limitato. La quantità in eccesso di energia consumata (principalmente da grassi e zuccheri) viene quindi immagazzinata nel corpo come grasso, portando ad un peso corporeo elevato. L'indice di massa corporea (BMI) di una persona obesa è molto alto, compreso tra 25 e 30. Molti fattori influenzano e contribuiscono all'obesità come la genetica, il tasso di metabolismo corporeo, lo stile di vita, i fattori ambientali, ecc. Obesità o indice di massa corporea elevato stile di vita il peso porta quindi ad altri esiti negativi nel corpo provocando infiammazioni dannose. Le persone obese o in sovrappeso corrono un rischio maggiore di sviluppare malattie o condizioni gravi, comprese malattie cardiache a causa delle arterie ostruite, Tipo 2 diabete e gravi condizioni ossee e articolari.

Uno studio pubblicato Atti della National Academy of Sciences USA fa luce sul perché cellule immunitarie all'interno del nostro tessuto adiposo diventano dannosi quando qualcuno soffre di obesità. Queste cellule immunitarie del nostro corpo, altrimenti considerate utili, iniziano a causare infiammazioni indesiderate e cambiamenti nel sistema metabolico. I radicali liberi vengono prodotti nel nostro corpo durante i normali processi metabolici o a causa dell'esposizione a fonti esterne come radiazioni nocive, fumo, inquinamento ambientale, ecc. I radicali liberi sono atomi instabili e dannosi che possono danneggiare le cellule del nostro corpo e causare invecchiamento e malattie. I ricercatori della School of Medicine dell'Università della Virginia affermano che questi radicali liberi sono altamente reattivi in ​​una persona obesa poiché reagiscono con i lipidi all'interno del tessuto adiposo. Una volta che i lipidi – che sono considerati un bersaglio attraente dai radicali liberi – si combinano con i radicali liberi, nel corpo si verifica una normale risposta immunitaria che causa infiammazione e provoca “ossidazione dei lipidi”. I piccoli lipidi ossidati sono piuttosto innocui e si trovano nelle cellule sane. Tuttavia, i lipidi ossidati più lunghi, presenti generalmente nel tessuto obeso, causano un'infiammazione eccessiva e dannosa che propaga l'obesità malattia all'interno del tessuto adiposo.

La conoscenza di questi problematici lipidi ossidati può essere utilizzata per ideare un metodo per bloccarli e prevenire infiammazioni dannose. Esempio, a droga che potrebbe diminuire o eliminare completamente i lipidi ossidati più lunghi e dannosi. Una tale terapia sarebbe estremamente utile per una malattia cronica come l’obesità. Tuttavia, come sottolineano gli scienziati, sradicare tutte le infiammazioni potrebbe non essere l’approccio giusto perché alcune di esse sono utili per il corpo. Mirare al metabolismo delle cellule immunitarie nel nostro sistema immunitario è un approccio già utilizzato per il cancro.

***

{Puoi leggere il documento di ricerca originale facendo clic sul collegamento DOI indicato di seguito nell'elenco delle fonti citate}

Fonte (s)

Serbulea V et al. 2018. Il fenotipo e la bioenergetica dei macrofagi sono controllati dai fosfolipidi ossidati identificati nel tessuto adiposo magro e obeso. Atti della National Academy of Sciences. 115 (27).
https://doi.org/10.1073/pnas.1800544115

Squadra SCIEU
Squadra SCIEUhttps://www.ScientificEuropean.co.uk
Scientific European® | SCIEU.com | Progressi significativi della scienza. Impatto sull'umanità. Menti ispiratrici.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

Articoli più letti

Crisi COVID-19 in India: cosa potrebbe essere andato storto?

L'analisi causale dell'attuale crisi in India...

Scoperta la galassia "fratello" della Via Lattea

Viene scoperto un "fratello" della galassia terrestre Via Lattea...

Deltacron non è un nuovo ceppo o variante

Deltacron non è una nuova varietà o variante ma...
- Annuncio pubblicitario -
94,068FanCome
47,561SeguaciSegui
1,772SeguaciSegui
30IscrittiSottoscrivi