PUBBLICITA

L'insufficienza di vitamina D (VDI) porta a gravi sintomi di COVID-19

COVID-19L'insufficienza di vitamina D (VDI) porta a gravi sintomi di COVID-19

Condizione facilmente correggibile di Insufficienza di vitamina D (VDI) ha implicazioni molto gravi per il COVID-19. Nei paesi più colpiti da COVID-19 come Italia, Spagna e Grecia, i tassi di insufficienza di vitamina D (VDI) erano alti, compresi tra il 70 e il 90%; d'altra parte, in Norvegia e Danimarca, dove il COVID-19 era meno grave, i tassi di VDI erano del 15-30%, suggerendo una forte correlazione tra VDI e COVID-19. Si ipotizza che la VDI aggravi la gravità del COVID-19 per i suoi effetti protrombici e la deregolamentazione della risposta immunitaria. Inoltre, a Wuhan, la coagulopatia associata al COVID-19 (CAC) era presente nel 71.4% dei non sopravvissuti contro lo 0.6% dei sopravvissuti. I pazienti con VDI con sintomi gravi di COVID-19 avevano anche CAC, vale a dire. coagulazione del sangue nei micro vasi che era associata ad alta mortalità.

COVID-19 La pandemia che ha infettato circa 6.4 milioni di persone in tutto il mondo e provocato la morte di circa 380,000 persone ha messo in ginocchio il mondo intero rispetto alla situazione economica. Con il vaccino ancora in vista, c'è bisogno di una comprensione più profonda della malattia in modo che possano essere prese adeguate precauzioni per evitare di contrarre la malattia. Il vecchio detto "Prevenire è meglio che curare" è estremamente appropriato in caso di malattia da COVID-19 poiché l'intero mondo scientifico è alle prese per comprendere la natura e la complessità di questa malattia in modo da trovare misure preventive per controllarne la diffusione.

Sono stati condotti numerosi studi per comprendere il ciclo di vita del virus SARS-CoV-2, la sua virulenza in persone di età diverse e il tasso di guarigione delle persone infette dal virus1,2. Uno dei fattori che avrebbe potuto essere trascurato è lo stato della vitamina D delle popolazioni che potrebbe influenzare la gravità della malattia COVID-19 poiché si consiglia a più persone di rimanere in casa. Negli studi in tutta Europa, è stato osservato che il COVID-19 era stato grave in Italia, Spagna e Grecia, il che aveva vitamina D tassi di insufficienza (VDI) del 70-90% rispetto a VDI del 15-30% in Norvegia e Danimarca, dove la malattia COVID-19 non era così grave 3. La dieta delle persone nei paesi scandinavi è ricca di Vitamina D a causa dell'elevata assunzione di pesce grasso e di integratori di latticini fortificati con vitamina D3.

In un recente studio condotto presso un unico centro medico accademico di assistenza terziaria su 20 soggetti, è stata trovata una correlazione diretta tra i livelli di Vitamina D e la gravità della malattia COVID-19. 11 di questi pazienti sono stati ricoverati in terapia intensiva e avevano VDI, 7 di loro con livelli inferiori a 20 ng/mL mentre il resto aveva livelli ancora più bassi. Su 11 pazienti in terapia intensiva, il 62.5% aveva CAC (coagulopatia associata a COVID-19) mentre il 92.5% aveva linfopenia, il che suggerisce che la VDI aggrava la gravità del COVID-19 per i suoi effetti protrombici e la deregolamentazione della risposta immunitaria4. A Wuhan, il CAC era presente nel 71.4% dei non sopravvissuti contro lo 0.6% dei sopravvissuti5. È stato dimostrato che la vitamina D svolge un ruolo essenziale nella modulazione della risposta immunitaria sia innata che adattativa6, 7 mentre la VDI è associata ad un aumentato rischio di CVD e morte8.

In un altro studio multicentrico retrospettivo su 212 casi con infezione confermata in laboratorio da SARS-CoV-2, il siero vitamina D i livelli erano più bassi nei casi critici, ma più alti nei casi lievi9. L'analisi dei dati ha rivelato che per ogni aumento della deviazione standard nel siero vitamina D, le probabilità di avere un esito clinico lieve piuttosto che grave sono aumentate di circa 7.94 volte, mentre, curiosamente, le probabilità di avere un esito clinico lieve piuttosto che critico sono aumentate di circa 19.61 volte9. Ciò suggerisce che un aumento dei livelli di vitamina D nel corpo potrebbe migliorare i risultati clinici, mentre una diminuzione dei livelli di vitamina D nel corpo potrebbe intensificare i risultati clinici nei pazienti COVID-19.

Questi studi che mostrano una risposta clinica positiva/migliorata in pazienti COVID-19 con livelli aumentati di vitamina D e una risposta clinica negativa/scarsa con bassi livelli di vitamina D giustificano ulteriori indagini sul ruolo della vitamina D nella malattia COVID-19 e forniscono un modo in avanti affinché i medici e i responsabili politici intraprendano grandi studi sulla popolazione per valutare questo come misura preventiva per combattere il COVID-19.

***

Riferimenti:

1. Weiss SR e Navas-Martin S. 2005. Patogenesi del coronavirus e coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave del patogeno emergente. Microbiolo. Mol. Biol. Rev. 2005 dicembre;69(4):635-64. DOI: https://doi.org/10.1128/MMBR.69.4.635-664.2005

2. Soni R., 2020. Lo studio ISARIC indica come il distanziamento sociale potrebbe essere messo a punto nel prossimo futuro per ottimizzare la "protezione delle vite" e il "rilancio dell'economia nazionale". Pubblicato il 01 maggio 2020. Scientifico Europeo. Disponibile online su https://www.scientificeuropean.co.uk/isaric4c-study-indicates-how-social-distancing-could-be-fine-tuned-in-near-future-to-optimise-protecting-lives-and-kickstart-national-economy Consultato il 30 maggio 2020.

3. Scharla SH., 1998. Prevalenza del deficit subclinico di vitamina D in diversi paesi europei. Osteoporosi Int. 8 Supplemento 2, S7-12 (1998). DOI: https://doi.org/10.1007/PL00022726

4. Lau, FH., Majumder, R., et al 2020. L'insufficienza di vitamina D è prevalente nella grave COVID-19. Prestampa medRxiv. Inserito il 28 aprile 2020. DOI: https://doi.org/10.1101/2020.04.24.20075838 or https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2020.04.24.20075838v1

5. Tang N, Li D, et al 2020. Parametri di coagulazione anormali sono associati a prognosi infausta nei pazienti con nuova polmonite da coronavirus. Journal of Thrombosis and Haemostasis 18, 844-847 (2020). Prima pubblicazione: 19 febbraio 2020. DOI: https://doi.org/10.1111/jth.14768

6. Liu PT., Stenger S., et al. 2006. Attivazione del recettore Toll-like di una risposta antimicrobica umana mediata dalla vitamina D. Scienza 311, 1770-1773 (2006). DOI: https://doi.org/10.1126/science.1123933

7. Edfeldt K., Liu PT., et al 2010. Le citochine delle cellule T controllano in modo differenziale le risposte antimicrobiche dei monociti umani regolando il metabolismo della vitamina D. Proc. Natl. Acad. Sci. USA 107, 22593-22598 (2010). DOI: https://doi.org/10.1073/pnas.1011624108

8. Forrest KYZ e Stuhldreher WL 2011. Prevalenza e correlati della carenza di vitamina D negli adulti statunitensi. Ricerca nutrizionale 31, 48-54 (2011). DOI: https://doi.org/10.1016/j.nutres.2010.12.001

9. Alipio M. L'integrazione di vitamina D potrebbe migliorare i risultati clinici dei pazienti infetti da Coronavirus-2019 (COVID-19) (9 aprile 2020). Disponibile su SSRN: https://ssrn.com/abstract=3571484 or http://dx.doi.org/10.2139/ssrn.3571484

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Longevità: l'attività fisica nella mezza età e nella terza età è cruciale

Lo studio mostra che impegnarsi in un'attività fisica a lungo termine può...

Modificare il gene per prevenire le malattie ereditarie

Lo studio mostra una tecnica di editing genetico per proteggere i propri discendenti...

Il Molnupiravir di Merck e il Paxlovid di Pfizer, i due nuovi farmaci antivirali contro il COVID-19 potrebbero accelerare...

Molnupiravir, il primo farmaco orale al mondo (approvato da MHRA,...
- Annuncio pubblicitario -
98,960FanMi Piace
64,252SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi