PUBBLICITA

Comprensione della polmonite COVID-19 pericolosa per la vita

COVID-19Comprensione della polmonite COVID-19 pericolosa per la vita

Quali sono le cause dei sintomi gravi del COVID-19? Le prove suggeriscono che gli errori congeniti dell'immunità all'interferone di tipo I e gli autoanticorpi contro l'interferone di tipo I sono la causa del COVID-19 critico. Questi errori possono essere identificati utilizzando il sequenziamento dell'intero genoma, portando così a un'adeguata quarantena e trattamento.

Un recente documento getta luce sul meccanismo causale sottostante grave COVID-19 polmonite.

Più del 98% delle persone infette non manifesta alcun sintomo della malattia o sviluppa una malattia lieve. Meno del 2% delle persone infette sviluppa una polmonite grave 1-2 settimane dopo l'infezione e deve essere ricoverato in ospedale per insufficienza respiratoria acuta e/o insufficienza d'organo. Meno dello 0.01% delle persone infette sviluppa una grave infiammazione sistemica simile alla malattia di Kawasaki (KD).

L'età avanzata è risultata essere un rischio maggiore per la vita COVID-19 polmonite. La maggior parte delle persone che necessitano di ricovero ha più di 67 anni: la malattia critica è risultata essere 3.5 volte più alta nelle persone di età superiore a 75 anni rispetto alle persone di età inferiore a 45 anni. Gli uomini sono a maggior rischio di sviluppare sintomi gravi.

Le persone con comorbidità come ipertensione, diabete, malattie cardiache croniche, malattie polmonari croniche e obesità sono a maggior rischio di sviluppare sintomi gravi.

Alcuni genotipi erano causali del grave fenotipo COVID-19. Gli errori congeniti dell'immunità da interferone giocano un ruolo chiave nello sviluppo di sintomi gravi. I pazienti con varianti deleterie a 13 loci (che codificano per proteine ​​immunologicamente connesse) hanno interferoni difettosi. Questi errori interrompono l'immunità all'interferone di tipo I causando così un'eccessiva infiammazione e sintomi critici di COVID-19. Inoltre, gli autoanticorpi neutralizzanti contro gli interferoni di tipo I sono presenti in almeno il 10% dei pazienti con gravi malattie potenzialmente letali.

Questo articolo conclude che gli errori congeniti dell'immunità all'interferone di tipo I e degli autoanticorpi contro l'interferone di tipo I sono causali del COVID-19 critico.  

Forse identificare le persone con tali genotipi farà molto per prevenire e curare gli esiti gravi della malattia. Il sequenziamento dell'intero genoma delle persone può essere utilizzato per identificare i pazienti vulnerabili che portano alla loro corretta quarantena e trattamento.

*** 

Sorgenti:  

Zhang Q., Bastard P., Bolze A., et al., 2020. COVID-19 potenzialmente letale: gli interferoni difettosi scatenano un'eccessiva infiammazione. Med. Volume 1, Numero 1, 18 dicembre 2020, pagine 14-20. DOI: https://doi.org/10.1016/j.medj.2020.12.001  

*** 

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Caporedattore, Scientific European

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Immortalità: caricare la mente umana sui computer?!

L'ambiziosa missione di replicare il cervello umano su...

Un nuovo approccio anticorpale per combattere il cancro ovarico

È stato sviluppato un approccio anticorpale unico basato sull'immunoterapia che...

Approvazione Sotrovimab nel Regno Unito: un anticorpo monoclonale efficace contro l'Omicron, potrebbe funzionare per...

Sotrovimab, un anticorpo monoclonale già approvato per il trattamento da lieve a...
- Annuncio pubblicitario -
99,055FanMi Piace
64,265SeguaciSegui
6,169SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi