PUBBLICITA

Lo studio ISARIC indica come il distanziamento sociale potrebbe essere messo a punto nel prossimo futuro per ottimizzare la "protezione delle vite" e il "rilancio dell'economia nazionale"

COVID-19Lo studio ISARIC indica come il distanziamento sociale potrebbe essere messo a punto nel prossimo futuro per ottimizzare la "protezione delle vite" e il "rilancio dell'economia nazionale"

Lo studio ISARIC recentemente completato in tutto il Regno Unito sull'analisi di 16749 pazienti con grave malattia COVID-19 in 166 ospedali ha indicato che quelli con comorbilità erano a rischi molto più elevati mentre quelli senza comorbilità significativa escono vivi suggerendo persone senza condizioni di comorbilità potrebbe essere consentito di tornare al lavoro con cautela.

Lo studio recentemente concluso in tutto il Regno Unito, chiamato International Severe Acute Respiratory Infection Consortium (ISARIC) studio fa luce sui fattori che determinano la mortalità e la morbilità nei pazienti infetti dalla malattia COVID-19. Lo studio è stato condotto in 166 ospedali nel Regno Unito da un consorzio di ricercatori su 16749 pazienti infetti da COVID-19. I dati sono stati raccolti utilizzando un questionario pre-approvato adottato dall'OMS.

Circa il 47% dei pazienti arruolati nello studio non presentava altre condizioni patologiche tranne il COVID-19. Il resto aveva malattie cardiache, asma, diabete e malattie polmonari croniche non asmatiche. L'età media dei pazienti nello studio era di 72 anni con una durata media dei sintomi prima del ricovero di 4 giorni.

I risultati dello studio sono stati piuttosto interessanti. Quasi il 49% dei 16749 pazienti è stato dimesso vivo, il 33% è morto mentre il resto il 17% aveva bisogno di cure più intensive e di un'elevata dipendenza dagli interventi medici. Ciò equivale a circa 2800 pazienti sottoposti a trattamento presso unità di terapia intensiva. Dei pazienti sottoposti a terapia intensiva e intervento medico serio, il 31% è stato dimesso vivo, il 45% è deceduto e il 24% ha continuato a ricevere cure fino alla data di riferimento. Un'interessante deduzione che si può dedurre qui è che ~ metà dei 16749 pazienti sono stati dimessi vivi mentre ~ un numero simile non ha altre condizioni di comorbilità al momento del ricovero. Ciò suggerisce che anche la popolazione anziana di circa 72 anni è in grado di riprendersi dalla malattia COVID-19, a condizione che non abbia alcuna condizione preesistente.

Unendo gli interi risultati, si traduce in un tasso di sopravvivenza del 54% del numero totale di pazienti arruolati nello studio, mortalità del 40% e 6% che ha continuato a ricevere cure intensive. C'è un aumento del 7% del tasso di sopravvivenza se i pazienti hanno ricevuto un trattamento di terapia intensiva e un aumento simile della mortalità nonostante la terapia intensiva.

Per riassumere, il tasso di mortalità è molto più alto nei pazienti COVID-19 (~ 90% dei pazienti che avevano una condizione di comorbilità associata e che richiedevano cure intensive) che hanno già una condizione preesistente menzionata nel paragrafo 2 sopra. Un altro risultato significativo di questo studio è stato che gli individui maschi obesi sono più inclini ad avere gravi COVID-19 e mortalità oltre alle già menzionate condizioni di comorbilità che causano la mortalità.

Le conclusioni dello studio aiuteranno a definire e attuare misure strategiche rispetto a distanza sociale andare avanti al fine di proteggere la popolazione anziana e giovane, in particolare coloro che hanno già una condizione malata associata come descritto, e consentire al resto della popolazione di sviluppare l'immunità di gregge, risparmiando così un'enorme quantità di costi e riducendo al minimo le perdite per l'economia globale che stiamo affrontando attualmente.

***

Riferimenti:

Docherty, Annemarie B., Harrison, Ewen M., et al 2020. Caratteristiche di 16,749 pazienti del Regno Unito ospedalizzati con COVID-19 utilizzando il protocollo di caratterizzazione clinica dell'OMS ISARIC. Versione prestampata Pubblicato su medRxiv il 28 aprile 2020.
DOI: https://doi.org/10.1101/2020.04.23.20076042

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Nuova speranza per attaccare la forma più letale di malaria

Una serie di studi descrive un anticorpo umano che...

CD24: un agente antinfiammatorio per il trattamento dei pazienti COVID-19

I ricercatori del Tel-Aviv Sourasky Medical Center hanno completato con successo la fase...

Desametasone: gli scienziati hanno trovato una cura per i pazienti gravemente malati di COVID-19?

Il desametasone a basso costo riduce la morte fino a un terzo...
- Annuncio pubblicitario -
98,956FanMi Piace
64,240SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi