PUBBLICITA

Sviluppo dell'immunità di gregge contro COVID-19: quando sappiamo che è stato raggiunto un livello adeguato per revocare il blocco?

COVID-19Sviluppo dell'immunità di gregge contro COVID-19: quando sappiamo che è stato raggiunto un livello adeguato per revocare il blocco?

L'interazione sociale e la vaccinazione contribuiscono entrambe allo sviluppo dell'immunità di gregge, tuttavia lo sviluppo dell'immunità di gregge come risultato dell'interazione sociale è direttamente proporzionale al numero di infezioni secondarie che derivano dai casi primari. Si dice che l'immunità di gregge si sia stabilita quando una percentuale critica di persone in una popolazione viene infettata, quando possiamo dire che il blocco può essere revocato per riprendere la normale vita sociale. L'immunità di gregge parziale contro COVID-19 può verificarsi anche in individui che hanno contratto una forma meno grave del virus e se individui sono stati precedentemente infettati da una famiglia correlata di virus influenzali.

'Immunità alle mandrie'è definita come protezione contro l'infezione che una popolazione acquisisce dopo l'esposizione ai germi che causano la malattia nel normale ambiente di interazione sociale o quando le persone vengono inoculate con forme attenuate o indebolite dei germi che causano la malattia utilizzando un vaccino prodotto contro quella particolare malattia . In entrambe le situazioni, il corpo sviluppa e impara a sviluppare anticorpi per la protezione contro qualsiasi futura infezione da parte degli stessi germi. Pertanto, nell'interazione sociale le persone sane contraggono l'infezione da persone infette nel normale corso della vita sociale, ma nella vaccinazione alle persone sane non infette vengono somministrati artificialmente vaccini come terapia per indurre il corpo a produrre anticorpi prevenendo così l'infezione.

Pertanto, sia "l'interazione sociale" che la "vaccinazione" sono strumenti significativi nello sviluppo dell'immunità di gregge contro a malattia in una popolazione; il primo non ha prezzo né sconvolge l'economia o la società, ma sottopone alcuni membri della società a pressioni selettive negative e quindi può costare vite umane. D'altra parte, lo sviluppo del vaccino richiede tempo e comporta enormi investimenti di denaro, così come la somministrazione della vaccinazione. A causa di queste contraddizioni, non è facile per i responsabili politici formulare strategie per ottimizzare l'uso migliore dei due strumenti di sviluppo dell'immunità di gregge. Dove trovare un equilibrio tra i "due" per una perdita minima di vite umane e in uno scenario di pandemia in rapida evoluzione come quello di COVID-19 è una decisione molto difficile da prendere: se si consente l'"interazione sociale" per lo sviluppo dell'immunità di gregge, si mantiene l'economia in funzione ma può portare a un'elevata mortalità, quindi la pratica del "distanziamento sociale" diventa imperativa fino a quando non saranno disponibili vaccini e terapie. A ciò si aggiunge il problema di sapere esattamente quando si è sviluppato un livello adeguato di immunità di gregge nella popolazione per consentire un'interazione sociale limitata o completa dopo la lockdown.

Una delle principali preoccupazioni a livello globale in questo momento per quanto riguarda la pandemia di COVID-19 è sapere quando l'immunità di gregge è stata/sarà raggiunta in modo da programmare un lasso di tempo per riprendere la "vita normale" in ciascuno dei paesi colpiti dalla pandemia.

Nella 'Lettera all'editore' pubblicata il 21 marzo 2020 nel 'Journal of Infection' da Kwok KO., Florence Lai F et al., descrivono che l'entità delle infezioni secondarie causate da casi primari è un utile indicatore sia della rischio di un'epidemia e lo sforzo necessario per controllare un'infezione. Questo è definito come il numero riproduttivo R, che può essere calcolato utilizzando modelli matematici tenendo conto del numero di nuovi casi sviluppati per unità di tempo, del numero di casi guariti e del tasso di mortalità associato all'infezione. Una volta noto R, la percentuale critica di popolazione (Pcrit) che deve essere infettata per sviluppare l'immunità di gregge può essere calcolata utilizzando la seguente formula.

Pcrito = 1-(1/R)

Inoltre, se una persona è stata recentemente infettata da qualsiasi tipo di virus influenzale, può diventare soggetta a forme meno gravi di COVID-19. Questo può spiegare perché alcuni individui che potrebbero aver avuto un'influenza recente sono asintomatici e potrebbero non contrarre una grave malattia COVID-19 in piena regola.

Un altro studio recente pubblicato il 27 marzo 2020 nel server di prestampa, Kamikubo e Takahashi parlano di strumenti epidemiologici per la previsione dell'immunità parziale di gregge. Descrivono un altro fattore che contribuisce allo sviluppo di mandria immunità per COVID-19 quando un individuo contrae la malattia con una forma meno replicativa e antica del virus nota come tipo S rispetto al tipo L (una versione più recente che è in grado di replicarsi e trasmettersi rapidamente), diventa parzialmente immune a ulteriore infezione con altri virus influenzali oltre al tipo L (2). Lo sviluppo dell'immunità di gregge può essere confermato eseguendo i test sierologici per identificare gli anticorpi contro il COVID-19. Ciò può rappresentare un ostacolo finanziario per i paesi in via di sviluppo, ma può certamente essere adottato dal mondo sviluppato per avviare la vita normale e ridurre le perdite economiche in futuro.

Questi studi suggeriscono che categorizzando la popolazione che è stata precedentemente infettata e conoscendo la percentuale critica di persone infette da COVID-19 in concomitanza con test sierologici adeguati e precisi, si possono formulare e adattare strategie per sollevare lockdown in modo parziale e/o completo al fine di riprendere la normale vita sociale in futuro.

***

Riferimenti:

Kwok KO., Florence Lai F et al., 2020. Immunità di gregge: stima del livello necessario per fermare le epidemie di COVID-19 nei paesi colpiti. Giornale di infezione. Pubblicato: 21 marzo 2020. DOI: https://doi.org/10.1016/j.jinf.2020.03.027

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Un "nuovo" esame del sangue che rileva i tumori che non sono rilevabili fino a data...

In un importante progresso nello screening del cancro, un nuovo studio...

Il futuro dei vaccini COVID-19 basati sull'adenovirus (come Oxford AstraZeneca) alla luce dei recenti...

Tre adenovirus utilizzati come vettori per produrre vaccini COVID-19,...

La galassia dei fuochi d'artificio, NGC 6946: cosa rende questa galassia così speciale?

La NASA ha recentemente rilasciato la spettacolare immagine luminosa del...
- Annuncio pubblicitario -
99,055FanMi Piace
64,265SeguaciSegui
6,169SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi