PUBBLICITA

Terapia al plasma convalescente: un trattamento immediato a breve termine per COVID-19

COVID-19Terapia al plasma convalescente: un trattamento immediato a breve termine per COVID-19

La terapia al plasma convalescente è la chiave per il trattamento immediato dei pazienti affetti da COVID-19 gravemente malati. Questo articolo discute l'efficacia di questa terapia e il suo stato attuale sul suo uso nel trattamento di COVID-19

COVID-19 la malattia ha travolto il mondo intero con effetti diversi nei diversi paesi per quanto riguarda gli individui infetti e i tassi di mortalità. Circa 2 milioni di persone hanno contratto la malattia in tutto il mondo e il numero aumenta ogni giorno. Fino ad oggi, non esiste un trattamento prescritto e approvato per questo malattia. L'intera confraternita medica sta aspettando con impazienza un trattamento che possa non solo fornire una cura per le persone infette, ma anche prevenire gli individui sani non infetti da questa malattia. Le aziende farmaceutiche e biotecnologiche e gli istituti di ricerca di tutto il mondo hanno già iniziato a ricercare diversi approcci per trovare una cura per il COVID-19. Questi approcci includono l'uso di farmaci a piccole molecole (1), lo sviluppo di vaccini (2) e la terapia anticorpale (3). Tuttavia, tutti questi approcci porteranno a un regime di trattamento che richiederebbe almeno un anno o un paio di anni prima che un trattamento venga approvato dalle autorità di regolamentazione, anche come approvazione accelerata per l'uso in emergenza. La necessità del momento è trovare un trattamento immediato che possa portare sollievo alle vittime del COVID-19. Convalescente plasma La terapia (CPT) è uno di questi trattamenti che può essere utilizzato per trattare i pazienti infetti a breve termine in attesa che si sviluppino le altre terapie. Questo articolo discuterà della storia e del concetto di convalescenza terapia al plasma, la sua rilevanza ed efficacia nel trattamento dei pazienti affetti da COVID-19 e l'approccio adottato dalle autorità mediche e di regolamentazione a livello globale per il suo utilizzo.

La storia della CPT risale al 1890, quando un fisiologo tedesco, Emil von Behring, riuscì a trattare animali infetti da difterite utilizzando siero di animali immunizzati con forme attenuate di difterite che causavano il corinebatterio. Gli anticorpi presenti nel siero di animali immunizzati hanno impedito agli animali infetti di contrarre la malattia.

La terapia al plasma convalescente comporta l'isolamento del plasma da individui infetti che si sono ripresi dalla malattia e l'iniezione nei pazienti con malattia, fornendo così un'immunità passiva dal plasma contenente anticorpi generati contro il patogeno negli individui guariti. Il processo consiste nel prelievo di sangue dai donatori guariti dalla malattia, nella separazione del plasma e nel controllo del titolo anticorpale prima di somministrarlo ai pazienti infetti. Questa terapia è stata utilizzata con successo in precedenza per la pandemia di influenza spagnola del 1918, Ebola, SARS, MERS e pandemia H2009N1 del 1 (4-9). In caso di influenza spagnola, i tassi di mortalità sono stati ridotti al 50% per i pazienti infetti che hanno ricevuto CPT rispetto a quelli che non lo hanno fatto (10), con le tecnologie primitive allora presenti per separare il plasma dal sangue. A causa delle somiglianze di questi virus che causano malattie insieme alle loro caratteristiche cliniche con il virus SARS-CoV-2, la terapia al plasma convalescente può rivelarsi una buona scelta per il trattamento di pazienti infetti con plasma proveniente da donatori che si sono ripresi dal COVID- 19 malattia. In caso di COVID-19, il numero di pazienti guariti è la chiave del successo della terapia al plasma. È interessante notare che, dal punto di vista positivo, al 16 aprile 2020, il 25% dei pazienti infetti con COVID-19 (equivalente a ~ 523,000 persone a livello globale) è guarito (11) e il plasma di questi individui può essere utilizzato come trattamento immediato e a breve termine trattamento delle persone infette, in particolare di quelle che mostrano sintomi gravi.

I paesi di tutto il mondo hanno già avviato o stanno approvando il CPT per l'uso sperimentale per il trattamento di COVID-19. È stato condotto un piccolo studio limitato in Cina per CPT su 10 pazienti (sei maschi e quattro femmine) con un'età media di 52.5 anni con esito primario di sicurezza e esito secondario di miglioramento dei sintomi clinici. La terapia è stata ben tollerata senza effetti avversi e si è verificata una significativa riduzione dei sintomi clinici entro 3 giorni dalla somministrazione della terapia (12), sebbene l'effetto e il tempo impiegato dai pazienti per essere negativi alla SARS-CoV-2, variassero nei diversi pazienti . Ciò ha fornito sufficiente rilevanza e speranza affinché il CPT possa essere ulteriormente utilizzato negli studi clinici in altre regioni del mondo colpite da COVID-19.

L'organismo di punta della ricerca medica in India, l'ICMR (Indian Council of Medical Research) ha dato il permesso allo Sree Chitra Tirunal Institute for Medical Sciences and Technology (SCTIMST) in Kerala di eseguire CPT in un contesto di sperimentazione clinica (13). Lo studio sarebbe condotto su un piccolo numero di pazienti gravemente infetti da COVID-19 in collaborazione con cinque ospedali universitari di medicina. I pazienti gravemente infetti rappresentano quelli che si trovano in terapia intensiva con mancanza di respiro, bassi livelli di saturazione di ossigeno nel sangue (meno del 93%), shock settico e/o compromissione di più organi, compresi quelli che stanno per essere messi su un ventilatore. L'ICMR ha anche sollecitato la collaborazione di altri ricercatori medici in tutto il paese per impegnarsi in studi clinici utilizzando CPT per pazienti COVID-19 con l'obiettivo di valutare la sicurezza e l'efficacia di questa procedura (14).

L'Unione Europea ha anche approvato l'uso del CPT come trattamento promettente per COVID-19 e sta cercando aiuto dagli Stati membri per la raccolta di sangue dai donatori guariti per l'esecuzione del CPT (15). Sta inoltre costruendo un database in collaborazione con European Blood Alliance (EBA), per la raccolta del sangue e l'esito delle sperimentazioni cliniche, che sarà condiviso con gli Stati membri.

Il National Health Services (NHS) nel Regno Unito sta anche sollecitando i pazienti che si sono ripresi da COVID-19 a donare il proprio sangue attraverso vari centri in tutto il Regno Unito al fine di avviare studi clinici di CPT per i pazienti gravemente malati di COVID-19 (16).

La FDA statunitense il 13 aprile 2020 ha emesso una guida per l'utilizzo della CPT come procedura sperimentale in uno studio clinico nell'ambito del tradizionale percorso normativo IND (21 CFR Part 312) per i pazienti gravemente colpiti da COVID-19 (17). La responsabilità di esaminare le richieste degli sponsor sarebbe assunta dall'ufficio di Blood Research and Review, un'unità del CBER (Center for Biologics Evaluation and Research).

Come con tutte le altre terapie, anche la CPT presenta le sue sfide. Il primo è avere accesso ai pazienti guariti e convincerli a donare il loro plasma. Gli individui guariti dovrebbero essere esenti da qualsiasi altra condizione di malattia, che è un vero problema in caso di COVID-19 in cui la maggior parte delle vittime sono persone anziane che potrebbero avere una storia di altre complicazioni mediche come malattie cardiache, diabete, pressione sanguigna ecc. Il plasma ottenuto dovrebbe essere in quantità sufficienti e avere un alto titolo anticorpale in modo che un numero sufficiente di persone possa trarne beneficio. Il sangue dei donatori di plasma dovrebbe essere sottoposto a test per agenti infettivi e compatibilità del gruppo sanguigno con il ricevente. Tutto ciò richiederebbe un massiccio coordinamento tra il personale medico, i donatori concordati che si sono ripresi dalla malattia e i pazienti che ricevono CPT, affinché l'intera procedura abbia un esito positivo.

Tuttavia, nonostante le carenze, il CPT mantiene ancora la promessa, con la sicurezza e l'efficacia come attributi principali, per il trattamento a breve termine dei pazienti COVID-19. Se il CPT per l'influenza spagnola può ridurre il tasso di mortalità al 50%, si presume che la riduzione del tasso di mortalità utilizzando il CPT per COVID-19 dovrebbe essere maggiore dell'80%, tenendo presente le attuali tecnologie all'avanguardia per separazione, conservazione e somministrazione del plasma accompagnate da moderne strutture per la cura del paziente. La confraternita medica non dovrebbe lasciare nulla di intentato per sfruttare il CPT per il trattamento di COVID-19 pazienti fino all'approvazione di una piccola molecola, vaccino o terapia anticorpale che richiederebbe il suo corso del tempo con la speranza che il vaccino venga sviluppato il più velocemente possibile (da uno a due anni), seguito da nuove piccole molecole e/o dal riutilizzo di piccole molecole esistenti farmaci molecolari e terapia anticorpale.

***

Riferimenti:

1. Gordon CJ, Tchesnokov EP, et al 2020. Remdesivir è un antivirale ad azione diretta che inibisce l'RNA polimerasi RNA-dipendente dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 con elevata potenza. J Biol Chem. 2020. Pubblicato per la prima volta il 13 aprile 2020. DOI: http://doi.org/10.1074/jbc.RA120.013679

2. Soni R., 2020. Vaccini per il COVID-19: Corsa contro il tempo. Scientifico Europeo. Pubblicato il 14 aprile 2020. Disponibile online su https://www.scientificeuropean.co.uk/vaccines-for-covid-19-race-against-time Consultato il 16 aprile 2020.

3. Temple University 2020. Temple tratta il primo paziente negli Stati Uniti nella sperimentazione clinica di Gimsilumab per i pazienti con COVID-19 e sindrome da distress respiratorio acuto. Lewis Katz School of Medicine News Room Pubblicato il 15 aprile 2020. Disponibile online su https://medicine.temple.edu/news/temple-treats-first-patient-us-clinical-trial-gimsilumab-patients-covid-19-and-acute Consultato il 16 aprile 2020.

4. Mupapa K, Massamba M, et al 1999. Trattamento della febbre emorragica da Ebola con trasfusioni di sangue da pazienti convalescenti. The Journal of Infectious Diseases, Volume 179, Issue Supplement_1, febbraio 1999, pagine S18–S23. DOI: https://doi.org/10.1086/514298

5. Garraudab O, F.Heshmati F. et al 2016. Terapia al plasma contro i patogeni infettivi, da ieri, oggi e domani. Transfus Clin Biol. 2016 feb; 23 (1): 39-44. DOI: https://doi.org/10.1016/j.tracli.2015.12.003

6. Cheng Y, Wong R, et al 2005. Uso della terapia al plasma convalescente nei pazienti con SARS a Hong Kong. Euro. J.Clin. Microbiolo. Infettare. Dis. 24, 44-46 (2005). DOI: http://doi.org/10.1007/s10096-004-1271-9

7. Zhou B, Zhong N e Guan Y. 2007. Trattamento con plasma convalescente per l'infezione da influenza A (H5N1). N inglese J Med. 2007 ottobre 4;357(14):1450-1. DOI: http://doi.org/10.1056/NEJMc070359

8. Hung IF, To KK, et al 2011. Il trattamento al plasma convalescente ha ridotto la mortalità nei pazienti con infezione da virus dell'influenza pandemica A (H1N1) del 2009 grave. Clin Infect Dis. 2011 febbraio 15; 52 (4): 447-56. DOI: http://doi.org/10.1093/cid/ciq106

9. Ko JH, Seok H et al 2018. Sfide della terapia con infusione di plasma convalescente nell'infezione da coronavirus respiratorio in Medio Oriente: un'esperienza di un singolo centro. Antivir. l. 23, 617–622 (2018). DOI: http://doi.org/10.3851/IMP3243

10. Dave R 2020. Prima dei vaccini, i medici "prendevano in prestito" anticorpi dai pazienti guariti per salvare vite umane. Disponibile online su https://www.history.com/news/blood-plasma-covid-19-measles-spanish-flu Consultato il 16 aprile 2020.

11. Worldometer 2020. PANDEMIA DI CORONAVIRUS COVID-19. Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2020, 12:24 GMT. Disponibile online su https://worldometers.info/coronavirus/https://worldometers.info/coronavirus/ Accessed on 16 April 2020.

12. Duan K, Liu B et al 2020. Efficacia della terapia al plasma convalescente in pazienti gravi COVID-19. PNAS pubblicato per la prima volta il 6 aprile 2020. DOI: https://doi.org/10.1073/pnas.2004168117

13. PIB 2020. L'ICMR approva lo Sree Chitra Institute in Kerala per condurre studi clinici utilizzando la terapia al plasma convalescente per i pazienti COVID-19. 11 aprile 2020. Disponibile online su https://pib.gov.in/newsite/PrintRelease.aspx?relid=201175. Consultato il 17 aprile 2020.

14. ICMR 2020. Call for Letter of Intent for Participation in: Therapeutic Plasma Exchange in COVID-19: Protocol for a Multi-center, Phase II, Open Label, Randomized Controlled Study. Disponibile online su https://icmr.nic.in/sites/deult/files/upload_documents/LOI_TPE_12042020.pdf Consultato il 17 aprile 2020.

15. UE, 2020. Linee guida sulla raccolta e la trasfusione di plasma COVID-19 convalescente. Versione 1.0 4 aprile 2020. Disponibile online su https://ec.europa.eu/health/blood_tissues_organs/covid-19_en. Consultato il 17 aprile 2020.

16. NHS 2020. Potresti donare il plasma per aiutare a curare i pazienti con coronavirus (COVID-19)? Test clinico. Disponibile online su https://www.nhsbt.nhs.uk/how-you-can-help/convalescent-plasma-clinical-trial/ Consultato il 17 aprile 2020

17. FDA 2020. Raccomandazioni per il plasma convalescente COVID-19 sperimentale. Inserito il 13 aprile 2020. Disponibile online su https://www.fda.gov/vaccines-blood-biologics/investigational-new-drug-ind-or-device-exemption-ide-process-cber/recommendations-investigational-covid-19-convalescent-plasma Consultato il 17 aprile 2020.

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Deltacron non è un nuovo ceppo o variante

Deltacron non è una nuova varietà o variante ma...

Nuovo intervento anti-età per rallentare l'invecchiamento motorio e prolungare la longevità

Lo studio mette in evidenza i geni chiave che possono prevenire il...

COVID-19: la regola obbligatoria della maschera facciale da cambiare in Inghilterra

A partire dal 27 gennaio 2022, non sarà obbligatorio...
- Annuncio pubblicitario -
98,956FanMi Piace
64,240SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi