PUBBLICITA

B.1.617 Variante di SARS COV-2: virulenza e implicazioni per i vaccini

COVID-19B.1.617 Variante di SARS COV-2: virulenza e implicazioni per i vaccini

La variante B.1.617 che ha causato la recente crisi del COVID-19 in India è stata implicata nell'aumento della trasmissione della malattia tra la popolazione e rappresenta una sfida significativa per quanto riguarda la gravità della malattia e l'efficacia dei vaccini attualmente disponibili. 

Il COVID-19 ha causato danni senza precedenti in tutto il mondo sia socialmente che economicamente. Alcuni paesi hanno assistito anche alla seconda e alla terza ondata. C'è stato un recente aumento del numero di casi in India, che ora ha assistito a una media di tre-quattrocentomila casi ogni giorno nell'ultimo mese o giù di lì. Di recente abbiamo analizzato cosa potrebbe essere andato storto con la crisi COVID in India1. Oltre ai fattori sociali e culturali che possono aver portato alla recrudescenza, il virus stesso è mutato in modo tale da portare all'emergere di una variante più contagiosa di prima. Questo articolo descrive come potrebbe essere emersa la nuova variante, le sue potenziali cause di malattia e le implicazioni per l'efficacia del vaccino e quali misure possono essere adottate in futuro per ridurre il suo impatto a livello locale e globale e prevenire l'ulteriore emergere di nuove varianti. 

B.1.617 variante è apparso per la prima volta nell'ottobre 2020 nello stato del Maharashtra e da allora si è diffuso in circa 40 nazioni, tra cui Regno Unito, Fiji e Singapore. Negli ultimi mesi, il ceppo è diventato un ceppo dominante in tutta l'India e soprattutto nelle ultime 4-6 settimane è stato responsabile di un enorme aumento dei tassi di infezione. Il B.1.617 ha otto mutazioni di cui 3 mutazioni, ovvero L452R, E484Q e P681R, sono quelle chiave. Sia L452R che E484Q sono nel Receptor Binding Domain (RBD) e sono responsabili non solo dell'aumento del legame al recettore ACE22 con conseguente aumento della trasmissibilità, ma svolgono anche un ruolo nella neutralizzazione anticorpale3. La mutazione P681R aumenta significativamente la formazione di sincizio, che potenzialmente contribuisce ad aumentare la patogenesi. Questa mutazione provoca la fusione delle cellule virali, creando uno spazio più ampio per la replicazione del virus e rendendo difficile la loro distruzione da parte degli anticorpi. Oltre a B.1.617, anche altri due ceppi potrebbero essere stati responsabili dell'aumento dei tassi di infezione, B.1.1.7 a Delhi e Punjab e B.1.618 nel Bengala occidentale. Il ceppo B.1.1.7 è stato identificato per la prima volta nel Regno Unito nella seconda metà del 2020 e porta la mutazione N501Y in RBD, che ha portato alla sua maggiore trasmissibilità grazie al legame potenziato al recettore ACE24. Inoltre, ha altre mutazioni, incluse due delezioni. B.1.1.7 si è finora diffuso a livello globale e ha acquisito la mutazione E484R nel Regno Unito e negli Stati Uniti. È stato dimostrato che il mutante E484R ha una diminuzione di 6 volte della sensibilità ai sieri immuni da individui vaccinati con il vaccino mRNA di Pfizer e una diminuzione di 11 volte della sensibilità ai sieri convalescenti5

Il nuovo ceppo di virus con mutazioni aggiunte può emergere solo quando il virus infetta gli ospiti e subisce la replica. Questo porta alla generazione di varianti più "montate" e infettive. Ciò avrebbe potuto essere evitato prevenendo la trasmissione umana aderendo a protocolli di sicurezza come il distanziamento sociale, l'uso appropriato di mascherine in luoghi pubblici/affollati e seguendo le linee guida di base per l'igiene personale. L'emergere e la diffusione di B.1.617 suggeriscono che queste linee guida sulla sicurezza potrebbero non essere state seguite rigorosamente.  

Il ceppo B.1.617 che ha creato scompiglio in India, è stato classificato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come “variante di preoccupazione (VOC)”. Questa classificazione si basa su una maggiore trasmissibilità e diffusione della malattia grave da parte della variante.  

Il ceppo B.1.617 ha dimostrato di causare un'infiammazione più forte negli studi sugli animali che utilizzano criceti rispetto a qualsiasi altra variante6. Inoltre, questa variante è entrata per una maggiore efficienza nelle linee cellulari in vitro e non si è legata al Bamlanivimab, un anticorpo utilizzato per il trattamento del COVID-19.7. Gli studi di Gupta e colleghi hanno dimostrato che sebbene gli anticorpi neutralizzanti generati dagli individui vaccinati con il vaccino di Pfizer fossero circa l'80% meno potenti contro alcune delle mutazioni in B.1.617, ciò non renderebbe la vaccinazione inefficace3. Questi ricercatori hanno anche scoperto che alcuni operatori sanitari a Delhi che erano stati vaccinati con Covishield (vaccino Oxford-AstraZeneca), si erano reinfettati con il ceppo B.1.617. Ulteriori studi di Stefan Pohlmann e colleghi7 utilizzando siero di persone che erano state precedentemente infettate da SARS-CoV-2, hanno scoperto che i loro anticorpi neutralizzavano B.1.617 circa il 50% in meno rispetto ai ceppi precedentemente circolanti. Quando il siero è stato testato da partecipanti che avevano avuto due colpi del vaccino Pfizer, ha rivelato che gli anticorpi erano circa il 67% meno potenti contro B.1.617. 

Sebbene gli studi sopra indicati indichino che il B.1.617 ha un vantaggio rispetto agli altri ceppi del virus in termini di maggiore trasmissibilità ed eludere gli anticorpi neutralizzanti in una certa misura sulla base di studi sugli anticorpi a base di siero, la situazione reale nel corpo può essere diversa a causa all'enorme numero di anticorpi prodotti e anche al fatto che altre parti del sistema immunitario come le cellule T potrebbero non essere influenzate dalle mutazioni del ceppo. Ciò è stato dimostrato dalla variante B.1.351 che è stata collegata a un enorme calo della potenza degli anticorpi neutralizzanti, ma studi sull'uomo indicano che i vaccini sono ancora efficaci nel prevenire malattie gravi. Inoltre, gli studi che utilizzano Covaxin hanno anche dimostrato che questo vaccino continua ad essere efficace8, sebbene ci fosse stato un piccolo calo nell'efficacia degli anticorpi neutralizzanti generati dal vaccino Covaxin. 

Tutti i dati di cui sopra suggeriscono che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere l'efficacia degli attuali vaccini e la generazione di versioni future basate sull'emergere di nuovi ceppi che potrebbero tentare di eludere il sistema immunitario a proprio vantaggio. Tuttavia, gli attuali vaccini continuano ad essere efficaci (anche se potrebbero non essere al 100%), in modo da prevenire malattie gravi e il mondo dovrebbe impegnarsi per la vaccinazione di massa il più presto possibile e contemporaneamente tenere d'occhio i ceppi emergenti al fine di prendere i necessari e l'azione appropriata al più presto. Ciò garantirebbe che la vita possa tornare alla normalità prima piuttosto che dopo. 

***

Riferimenti:  

  1. Soni R. 2021. Crisi COVID-19 in India: cosa potrebbe essere andato storto. Scientifico Europeo. Pubblicato il 4 maggio 2021. Disponibile online su https://www.scientificeuropean.co.uk/covid-19/covid-19-crisis-in-india-what-may-have-gone-wrong/ 
  1. Cherian S et al. 2021. Evoluzione convergente delle mutazioni spike SARS-CoV-2, L452R, E484Q e P681R, nella seconda ondata di COVID-19 nel Maharashtra, in India. Prestampa su bioRxiv. Inserito il 03 maggio 2021. DOI: https://doi.org/10.1101/2021.04.22.440932   
  1. Ferreira I., Datir R., et al 2021. Emergenza di SARS-CoV-2 B.1.617 e sensibilità agli anticorpi provocati dal vaccino. Prestampa. BioRxiv. Inserito il 09 maggio 2021. DOI: https://www.biorxiv.org/content/10.1101/2021.05.08.443253v1  
  1. Gupta R K. 2021. Le varianti di SARS-CoV-2 preoccupanti influenzeranno la promessa dei vaccini?. Nat Rev Immunol. Pubblicato: 29 aprile 2021. DOI: https://doi.org/10.1038/s41577-021-00556-5 
  1. Collier DA et al. 2021. Sensibilità di SARS-CoV-2 B.1.1.7 agli anticorpi suscitati dal vaccino mRNA. Natura https://doi.org/10.1038/s41586-021-03412-7
  1. Yadav PD et al. 2021. La variante SARS CoV-2 B.1.617.1 è altamente patogena nei criceti rispetto alla variante B.1. Prestampa su bioRxiv. Inserito il 05 maggio 2021. DOI: https://doi.org/10.1101/2021.05.05.442760   
  1. Hoffmann M et al. 2021. La variante SARS-CoV-2 B.1.617 è resistente a Bamlanivimab ed elude gli anticorpi indotti dall'infezione e dalla vaccinazione. Inserito il 05 maggio 2021. Prestampa su bioRxiv. DOI: https://doi.org/10.1101/2021.05.04.442663   
  1. Yadav PD et al. 2021. Neutralizzazione della variante in esame B.1.617 con sieri di vaccinati BBV152. Pubblicato: 07 maggio 2021. Clin. Infettare. Dis. DOI: https://doi.org/10.1093/cid/ciab411   

***

Rajeev Soni
Rajeev Sonihttps://www.RajeevSoni.org/
Il dottor Rajeev Soni (ID ORCID: 0000-0001-7126-5864) ha un dottorato di ricerca. in Biotecnologie presso l'Università di Cambridge, Regno Unito e ha 25 anni di esperienza lavorando in tutto il mondo in vari istituti e multinazionali come The Scripps Research Institute, Novartis, Novozymes, Ranbaxy, Biocon, Biomerieux e come ricercatore principale con US Naval Research Lab nella scoperta di farmaci, nella diagnostica molecolare, nell'espressione proteica, nella produzione biologica e nello sviluppo del business.

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

La prima immagine in assoluto de L'ombra di un buco nero

Gli scienziati hanno scattato con successo la prima foto in assoluto del...

Deltacron non è un nuovo ceppo o variante

Deltacron non è una nuova varietà o variante ma...

Halo solare circolare

L'alone solare circolare è un fenomeno ottico visto in...
- Annuncio pubblicitario -
98,967FanMi Piace
64,252SeguaciSegui
6,170SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi