PUBBLICITA

Cultura Chinchorro: la più antica mummificazione artificiale dell'umanità

SCIENZESCIENZE ARCHEOLOGICHECultura Chinchorro: la più antica mummificazione artificiale dell'umanità

La più antica testimonianza di mummificazione artificiale nel mondo proviene dalla cultura preistorica di Chinchorro del Sud America (nell'attuale Cile settentrionale) che è più antica di quella egiziana di circa due millenni. La mummificazione artificiale di Chinchorro iniziò intorno al 5050 aC (contro il 3600 aC dell'Egitto). 

Ogni vita cessa un giorno. Da tempo immemorabile, le persone hanno cercato di superare questo limite ultimo dell'esistenza umana, anche se metaforicamente attraverso la conservazione dei morti per ragioni diverse.  

Il corpo del leader sovietico Vladimir Lenin è conservato1 per circa un secolo dalla sua morte nel 1924 ed è esposta al pubblico nel Mausoleo di Lenin nella Piazza Rossa di Mosca. Allo stesso modo, il corpo del leader cinese Mao Zedong è conservato2 per circa mezzo secolo dalla sua morte nel 1976 ed è esposta al pubblico nel Mausoleo di Mao Zedong in Piazza Tiananmen a Pechino. Forse, questi due casi di conservazione dei corpi dei leader politici in tempi moderni mirano a perpetuare le memorie e le ideologie dei leader nazionali.  

Attualmente, alcune persone pensano alla morte come a un semplice "arresto" della vita che può essere "ripresa". futuro con i progressi della scienza a condizione che il corpo sia adeguatamente preservato. Alcor Fondazione Life Extension3 in Arizona è una di queste organizzazioni che lavora per dare ai morti la possibilità di rivivere attraverso la crioconservazione conservando il corpo (o il cervello) in azoto liquido a -300 gradi Celsius, utilizzando la tecnica della sospensione crionica che consentirebbe lo scongelamento e la rianimazione in futuro quando viene inventata una nuova tecnologia appropriata.  

Nell'antichità diverse culture dell'Asia e delle Americhe praticavano la mummificazione artificiale dei morti. Probabilmente, il più famoso tra questi è il caso dell'antico Egitto, dove la pratica della mummificazione deliberata iniziò intorno al 3,600 a.C. Le mummie egiziane ispirano ancora soggezione in tutto il mondo per la sua antichità, scala e magnificenza associata. Gli antichi egizi padroneggiavano le tecniche della mummificazione artificiale perché si pensava che la conservazione del corpo fosse la chiave per raggiungere un eterno afterlife. L'idea era che il ka (anima) lascia il corpo una volta che la persona muore, e potrebbe tornare al corpo defunto solo se il corpo è stato ben preservato dal decadimento4. Pertanto, i corpi degli antichi re e regine egiziani e di altri alti e potenti furono mummificati artificialmente seguendo specifiche procedure funerarie e sepolti con grandiosità in alte piramidi. Le tombe insieme ai resti conservati di faraoni come il re Ramesse II e il giovane re Tutankhamon sono ampiamente conosciuti per la loro antichità e splendore, tanto che la gente pensa solo all'Egitto quando viene pronunciata la parola mummia.   

Tuttavia, la più antica testimonianza di mummificazione artificiale nel mondo proviene dalla cultura preistorica di Chinchorro del Sud America (nell'attuale Cile settentrionale) che è più antica della mummificazione artificiale egiziana di circa due millenni. La mummificazione artificiale di Chinchorro iniziò intorno al 5050 aC (contro il 3600 aC dell'Egitto).   

La mummificazione artificiale di Chinchorro è unica per la sua età, tecniche e caratteri: è la più antica mummificazione artificiale dell'umanità fino ad oggi e insolitamente sviluppata per le comunità di cacciatori-raccoglitori marini della prima età della pietra. La loro idea dell'aldilà caratterizzata dalla più antica mummificazione artificiale dei corpi, durò per circa 4000 anni fino al 1720 a.C. circa5. Inoltre, mentre solo le persone alte e potenti nella società egiziana avevano il privilegio di essere mummificate dopo la morte per l'aldilà, la cultura Chinchorro faceva mummie di persone nella società, indipendentemente dal loro status sociale e classe.  

Apparentemente, la società di Chinchorro era fortemente dominata dalla violenza, molto probabilmente a causa di un meccanismo per risolvere conflitti e tensioni sociali, che è rimasto invariato nel tempo. La popolazione maschile è stata più colpita6

La mummificazione del Chinchorro prevedeva l'imbottitura interna e il trattamento esterno del corpo che conferiva ai corpi una caratteristica caratteristica visibile, una forma d'arte in risposta alla morte per esprimere le relazioni tra i vivi e i morti. Uno studio sulle mummie di Chinchorro ha indicato cambiamenti in queste pratiche nel tempo che si riflettevano come una misura per costruire un'identità collettiva7.   

In riconoscimento del suo significato culturale e archeologico unico di valore universale, l'UNESCO ha recentemente incluso il sito di Chinchorro nella lista del patrimonio mondiale il 27 luglio 20218.  

Ulteriori studi sull'arte funeraria della mummificazione artificiale di Chinchorro getteranno più luce sull'aspetto socio-culturale e sul benessere economico del popolo Chinchorro.

***

Riferimenti:  

  1. Vronskaya A. 2010. Plasmare l'eternità: la conservazione del corpo di Lenin. Soglie 2010; (38): 10-13. DOI: https://doi.org/10.1162/thld_a_00170  
  1. Leese D.,2012. Un luogo dove riposano i grandi uomini? Il Presidente Mao Memorial Hall. In: I luoghi della memoria nella Cina moderna. Capitolo 4. Pagine: 91–129. DOI: https://doi.org/10.1163/9789004220966_005  
  1. Alcor Life Extension Foundation 2020. Disponibile online su https://www.alcor.org/ 
  1. Tomorad, M., 2009. “Antiche pratiche funerarie egiziane dal primo millennio aC alla conquista araba dell'Egitto (c. 1069 aC-642 dC)”. L'eredità dell'Egitto. 2: 12–28. Disponibile online su https://www.academia.edu/907351  
  1. UNESCO 2021. Insediamento e mummificazione artificiale della cultura Chinchorro nella regione di Thearica e Parinacota. Nomina del Patrimonio Mondiale. Repubblica del Cile. Disponibile online su https://whc.unesco.org/document/181014 
  1. Standen V., Santoro C., et al 2020. Violenza nei cacciatori, pescatori e raccoglitori della cultura Chinchorro: società arcaiche del deserto di Atacama (10,000-4,000 cal anni BP). Prima pubblicazione: 20 gennaio 2020. DOI: https://doi.org/10.1002/ajpa.24009 
  1. Montt, I., Fiore, D., Santoro, C., & Arriaza, B. (2021). Corpi relazionali: Affordance, sostanze e incarnazione nelle pratiche funerarie di Chinchorro c. 7000-3250 BP. Antichità, 1-21. DOI: https://doi.org/10.15184/aqy.2021.126 
  1. UNESCO 2021. Lista del patrimonio mondiale – Insediamento e mummificazione artificiale della cultura Chinchorro nella regione di Arica e Parinacota. Disponibile online su https://whc.unesco.org/en/list/1634/ 

***

Umesh Prasad
Umesh Prasad
Caporedattore, Scientific European

Iscriviti alla Newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, offerte e annunci speciali.

- Annuncio pubblicitario -

Articoli più letti

Cosa fa vivere il Ginkgo biloba da mille anni

Gli alberi di Gingko vivono per migliaia di anni evolvendosi in modo compensatorio...

Schema completo di connettività del sistema nervoso: un aggiornamento

Successo nella mappatura della rete neurale completa del maschio...
- Annuncio pubblicitario -
99,055FanMi Piace
64,265SeguaciSegui
6,169SeguaciSegui
31IscrittiSottoscrivi